Buone Pratiche Agricole – Riepilogo

Le Buone Pratiche Agricole (conosciute anche come GAP) sono una serie di metodi che gli agricoltori devono applicare per proteggere:

  • la loro salute e benessere
  • la salute e il benessere delle persone che consumano i loro prodotti
  • l’ambiente

Gli standard possono differire tra i Paesi a causa dei diversi quadri normativi e legali, ma la filosofia rimane la stessa. Le regole e i principi delle Buone Pratiche Agricole creano insieme una mentalità di prevenzione piuttosto che di risoluzione dei problemi.

L’attuazione delle buone pratiche agricole porterà senza dubbio a un aumento del reddito a lungo termine per gli agricoltori e, allo stesso tempo, aiuterà la produzione e il consumo di alimenti più sicuri e di qualità superiore. Infine, l’attuazione dei principi di base delle Buone Pratiche Agricole rafforza la sostenibilità ambientale. La costante formazione e l’istruzione sono fondamentali per gli agricoltori e per tutte le persone coinvolte nella filiera dei prodotti agricoli e non.

L’implementazione di GAP incomincia presto sul campo (coltura e selezione del campo), continua con la produzione e la manipolazione, e termina con l’arrivo dei prodotti nel piatto del consumatore.

Per ulteriori spiegazioni e specifiche locali dettagliate di GAP, consultare il proprio ente locale (ad esempio Ministero dell’ Agricoltura)

  1. Buone pratiche agricole – Riepilogo
  2. Comprendere i rischi di contaminazione
  3. Selezione del raccolto e del campo, Preparazione del terreno
  4. Dalla semina alla raccolta
  5. Bestiame e GAP
  6. Igiene personale e GAP
  7. Catena di approvvigionamento alimentare (conservazione e trasporto adeguati)

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी العربية Türkçe Русский Ελληνικά Português Indonesia

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.