Come essere un agricoltore – Guida passo a passo

Viviamo in un’epoca in cui sempre più persone provenienti da diverse aree, con background, età e livelli di istruzione totalmente diversi, cercano di cambiare vita, trasferendosi in campagna e avviando un’attività agricola.

Dal momento che non è così facile diventare un agricoltore senza alcuna esperienza nel settore, questa guida ti aiuterà a chiarire alcuni concetti e a capire i passaggi base che devi compiere.

Prima di tutto, è fondamentale capire cosa fanno gli agricoltori.

Cosa fa un agricoltore?

È definito agricoltore colui che guadagna lavorando nel settore primario, allevando organismi viventi sia per il cibo che per le materie prime (ad esempio il cotone). Gli agricoltori sono strettamente legati alla natura, trascorrono la maggior parte del loro tempo all’aperto nei campi, coltivando piante o allevando animali. Questo è in parte vero. Tuttavia, i coltivatori di serra contemporanei possono rimanere nelle loro strutture tutto il giorno. In tutti i casi, gli agricoltori non hanno orari di lavoro specifici. Hanno a che fare con organismi viventi e questo spesso crea confusione nel loro programma. Non è così facile avere un programma di lavoro strutturato. Alcuni di loro non hanno ferie o giorni liberi. L’agricoltura richiede totale dedizione, amore e passione per avere successo.

Fase 1: Decidi cosa coltivare e in quale specifico ambito – Posso ottenere un profitto?

Scegliere il raccolto giusto

Prima di tutto, devi decidere cosa coltivare. Sebbene possa sembrare una procedura semplice, questa è la decisione più complicata. Il tipo di pianta (o animale) che sceglierai è forse la decisione più cruciale che farai. A seconda della produzione, dividiamo l’agricoltura nelle seguenti categorie:

Agricoltura

Arboricoltura (coltivazione commerciale di alberi da frutto), agricoltura di ortaggi e frutta, produzione di legno, produzione di biomassa, agricoltura di cereali, colture foraggere, agricoltura di erbe, viticoltura (coltivazioni delle viti) agricoltura di bacche, colture speciali come il cotone e altre. La maggior parte di queste colture sono coltivate all’aperto. Alcuni possono anche essere stabiliti all’interno (serre) con terreno o aria/acqua come substrato.

Allevamento di bestiame

In questa categoria abbiamo allevatori che allevano animali principalmente per il loro latte, carne o uova. Alcuni esempi sono le mucche, le pecore, le capre, i maiali, l’allevamento di pollame (polli, anatre, ecc.), ecc. Alcune autorità non considerano l’allevamento di pollame come bestiame ma piuttosto come una categoria separata.

Apicoltura

L’apicoltura è un tipo speciale di agricoltura. Gli agricoltori allevano api da cui raccolgono miele, polline, pappa reale o cera.

Allevamento di lumache

Gli agricoltori allevano lumache, sia per la loro carne che per la loro secrezione gelatinosa.

Allevamento di lombrichi

Questo è un particolare tipo di agricoltura in cui gli agricoltori coltivano vermi per convertire i rifiuti in fertilizzanti organici.

Prima di iniziare, è fondamentale fare ricerche approfondite sul raccolto o sul bestiame desiderati. Dopo aver selezionato 3 o 4 potenziali colture, dovresti prendere in considerazione la possibilità di contattare i produttori locali e gli scienziati agrari per essere informato sul tipo di piante e varietà che prosperano in questa particolare area.

Abbina il raccolto al mercato

Prima di tutto, devi definire il tuo profilo cliente per un raccolto selezionato. Chi comprerà i tuoi prodotti? Qual è il numero di potenziali acquirenti nella tua regione per il raccolto di tuo interesse? A che prezzo comprano altri prodotti simili? Pagano in contanti o con carta di credito? Quando acquistano il prodotto? Hai bisogno di magazzini per avere più tempo per negoziare un prezzo migliore? Puoi esportare il tuo prodotto (trovare acquirenti in un altro paese)? C’è una domanda effettiva per il prodotto che scegli?

Un errore frequente dei nuovi agricoltori è che iniziano la coltivazione senza considerare nessuno di questi punti sopra elencati. Se non c’è richiesta per il tuo prodotto, probabilmente la tua azienda fallirà, anche se potresti aver ottenuto un prodotto eccellente. Pertanto, puoi iniziare a fare un elenco di colture ed esaminare i potenziali mercati per ciascuna di esse. Potrebbe essere necessario escludere quelle colture di cui sei sicuro di non riuscire a vendere il prodotto. In alcuni casi, gli agricoltori principianti possono unirsi a un gruppo di agricoltori locali (associazione) per cooperare. In molti paesi, gli agricoltori che coltivano una coltura specifiche formano un’associazione. L’associazione crea un dipartimento marketing e impiega persone responsabili della ricerca di mercati per i prodotti. In questo modo tutti gli allevatori pagano un canone e affidano all’esterno le attività di vendita e marketing. Pertanto, hanno più tempo da investire nelle attività principali. Tuttavia, anche in questo caso, devi sempre avere una conoscenza di base del mercato di riferimento ed essere pronto a trovare un’alternativa.

Scegliere il campo giusto per questa coltura

Prima di iniziare qualsiasi altra attività, la topografia del territorio, il tipo di suolo, le condizioni ambientali e il clima sono fattori critici che tutti i potenziali agricoltori dovrebbero conoscere. La posizione del tuo campo può cambiare drasticamente il tuo business plan e la tua routine quotidiana. Ad esempio, gli allevatori di bestiame in aree con una flora ricca e variegata possono fare più affidamento sul pascolo per nutrire i propri animali. Al contrario, gli allevatori di aree prive di flora dovranno acquistare derrate alimentari, aumentando indubbiamente i costi.

Senza un campo, non puoi iniziare la tua attività agricola. Ci sono due scenari quando si tratta della selezione del campo. Nel caso in cui possiedi la terra, le cose sono facili. Ma nel caso in cui non possiedi un terreno, dovrai affittare o far affittare i campi di qualcun altro, ed è qui che iniziano i problemi.

È importante considerare che ci sono alcune categorie di piante che è meglio evitare nel caso in cui non disponi di un pezzo di terra privato. Le categorie di piante perenni potrebbero non essere adatte per molte ragioni. Innanzitutto, il costo potrebbe essere elevato se si desidera affittare un campo per molti anni. Inoltre, per gli alberi da frutto commerciali, ad esempio, devi sapere che la maggior parte degli alberi non produce frutti prima di 6-7 anni. In questo caso dovrai pagare l’affitto senza avere entrate per alcuni anni.

Inoltre, ci sono problemi legali. Sebbene tu possa firmare un contratto, in base al quale ti è permesso di occupare la terra per 30 anni o più, il quadro giuridico potrebbe cambiare in così tanto tempo. Pertanto, potresti essere costretto a distruggere il tuo raccolto e ad andartene, in alcuni casi senza ricevere alcun compenso. Se tu e la tua famiglia non possedete terreni, è meglio evitare colture con un impegno a lungo termine. Le colture di erbe perenni durano 6-12 anni. Le viti e gli alberi da frutto di solito maturano 7-8 anni dopo la semina e possono produrre in modo soddisfacente per 30-60 anni o più. Al contrario, la maggior parte degli ortaggi può essere raccolta (e quindi produrre reddito) 3-5 mesi dopo il trapianto o la semina. Queste colture possono essere più adatte per un nuovo agricoltore.

I cereali (grano, orzo, mais) e il cotone possono essere raccolti 6-9 mesi dopo la semina, ma queste colture sono considerate materie prime. Ciò significa che il loro prezzo è determinato principalmente dal trasformatore – acquirente in base alla domanda e all’offerta locali, rendendo molto difficile per un nuovo agricoltore realizzare un profitto durante i suoi primi anni di impegno. Tuttavia, ogni caso è diverso, e certamente, in alcuni casi, può essere economicamente conveniente, in alcune aree, avviare un raccolto di materie prime.

In ogni caso, il campo che sceglierai dovrebbe essere adatto alla tua coltura selezionata. È tua responsabilità ricercare la struttura del campo, il livello di pH e la storia del raccolto. È essenziale raccogliere 3-4 campioni di terreno da diversi punti del campo e inviarli a un laboratorio. Un agronomo locale autorizzato può farti sapere se il terreno è adatto a questa coltura. Puoi anche ricevere consigli su eventuali azioni correttive che potresti dover intraprendere per ripristinare la fertilità del suolo.

Infine, devi esaminare i livelli di precipitazioni annuali della tua regione e le date in cui di solito compaiono il primo e l’ultimo gelo.

Un altro fattore critico è se il campo ha accesso all’acqua. La maggior parte delle colture commerciali necessita di irrigazione per fornire raccolti accettabili. Se scegli un campo senza accesso ad una fonte d’acqua, dovrai utilizzare serbatoi d’acqua trasferiti dalla risorsa più vicina. Per trasportare i serbatoi d’acqua, dovrai trovare un trattore. Il costo e lo sforzo saranno elevati.

Esaminare i Costi Totali rispetto i Ricavi Totali Previsti. Otterrò un profitto?

A questo punto, avrai raggiunto un numero limitato di alternative presenti nella tua lista. Ora è il momento di fare un piccolo piano aziendale esaminando il reddito potenziale che riceverai da ciascuna delle alternative, in base ai ricavi e ai costi previsti. Il modo per farlo è semplice. Prova a contattare agricoltori di successo che hanno anni di esperienza nelle colture che ritieni di coltivare. Dato che sono persone oneste e disposte a condividere i dettagli, esse sono la migliore fonte di informazioni sui prezzi di mercato e sui costi effettivi. Tuttavia, per un parere più scientifico, anche i consulenti agrari – esperti potrebbero aiutarti considerando tutti i parametri e creando un business plan adatto a te.

Potresti pensare , “quale potrebbe essere il costo per la coltivazione di una coltura?” A seconda del tipo di allevamento, il costo può variare da centinaia a milioni di euro all’anno. I costi includono:

  • Il costo di installazione. Ad esempio, il costo può essere notevolmente elevato per l’agricoltura in serra, poiché richiede molte attrezzature costose (scheletro, coperture, ventilatori, riscaldatori, lampade, ecc.).
  • Costo della preparazione del suolo: aratura, livellamento o ripristino della fertilità del suolo
  • Costo acquisto semi/piante.
  • Costo dell’irrigazione: la maggior parte delle piante necessita di irrigazione per crescere e produrre una resa media. Pertanto, per l’agricoltura commerciale, nella maggior parte dei casi, potrebbe essere necessario installare un sistema di irrigazione.
  • Reti e coperture protettive: alcune piante possono essere più sensibili di altre e gli agricoltori devono proteggerle in condizioni ambientali specifiche.
  • Costo di fertilizzanti o letame: se coltivata per uso commerciale, la maggior parte delle piante ha bisogno di essere “nutrita” per produrre una resa accettabile.
  • Sostanze per la protezione delle colture: i coltivatori che praticano l’agricoltura convenzionale potrebbero dover acquistare prodotti agrochimici per proteggere la coltura da parassiti e malattie.
  • Costo del lavoro: è la spesa più significativa per un agricoltore. Non puoi lavorare da solo; dovrai assumere persone che ti aiutino, almeno durante le fasi critiche del raccolto (ad esempio, il raccolto).
  • Costo del macchinario: alcuni tipi di colture necessitano macchinari speciali per essere seminati o raccolti.
  • Costo di stoccaggio: per i prodotti che non vengono trasferiti al mercato lo stesso giorno del raccolto, gli agricoltori potrebbero dover costruire aree speciali per immagazzinare i prodotti. Nella maggior parte dei casi, queste aree hanno sensori che controllano la temperatura, l’umidità e i livelli di CO2.
  • Costo del trasferimento. Questa può anche essere una frazione importante del costo totale che un agricoltore deve sostenere. Dove si trova il tuo acquirente? Devi pagare le spese di trasporto?
  • Costo dell’assicurazione del raccolto.
  • Pagamenti per vari esperti e scienziati che ti consultano.

Per quanto riguarda i ricavi previsti, normalmente abbiamo bisogno di 3-4 input. Per prima cosa, dobbiamo calcolare la superficie totale della nostra terra coltivata. In secondo luogo, dobbiamo ricercare la resa media del nostro raccolto nella nostra regione. Moltiplicando questi due, possiamo ottenere il nostro rendimento totale previsto. Ad esempio, supponiamo di voler coltivare melanzane e che il nostro campo sia di 8 ettari. Sappiamo che la melanzana ha una resa media di 25-40 tonnellate per ettaro nella nostra regione. Quindi, dobbiamo moltiplicare 8 ettari X 25 tonnellate = 200 tonnellate di melanzane. Infine, dobbiamo ricercare il prezzo di mercato delle melanzane nella nostra regione (non il prezzo al dettaglio, ma il prezzo che ottiene l’agricoltore). Supponiamo che gli agricoltori riferiscano che questo prezzo è di 100 $ per tonnellata. Quindi, i nostri ricavi previsti saranno 200 tonnellate X 100 $ per tonnellata = 20.000 $. Ricorda che abbiamo scelto la resa più bassa possibile (25 invece di 40 tonnellate) perché i coltivatori principianti probabilmente non produrranno la resa massima o addirittura media. Le rese medie riportate online spesso possono essere ottenute solo da agricoltori di successo con molti anni di esperienza.

Inoltre, possono esserci deviazioni significative da tutti questi numeri. Ad esempio, non possiamo avere lo stesso prezzo per tutte le varietà di melanzane. I venditori possono anche acquistare i tuoi prodotti a un prezzo molto più basso, sostenendo che i tuoi frutti non sono uniformi (questo è un problema frequente dei coltivatori principianti). Ma anche in questo caso, possiamo avere un’idea generale dei nostri ricavi previsti per questa specifica coltura.

Esaminare e documentare tutti questi costi e le entrate previste è essenziale per determinare se si otterrà un profitto quando il raccolto sarà maturo. Molte persone sono molto stanche del loro stile di vita cittadino. Vogliono solo rifarsi una vita impegnandosi in attività agricole nel paese. Tuttavia, entrare in agricoltura senza fare questa ricerca porterà senza dubbio al tuo disastro economico.

Fase 2: esamina le tue opzioni di finanziamento: assicurati di ottenere il capitale di cui hai bisogno.

Inutile dire che un agricoltore non viene pagato ogni mese o 15 giorni, come succede di solito ad un dipendente. Nel migliore dei casi, un agricoltore può guadagnare dei soldi quando vende il prodotto. Di conseguenza, di regola, gli agricoltori dovranno pagare tutte le spese di produzione in anticipo, ben prima di ricevere qualsiasi reddito. Pertanto, dovrai ottenere un finanziamento per acquistare tutti gli input necessari (sementi, piantine, fertilizzanti, prodotti chimici per l’agricoltura, attrezzature per l’irrigazione, salari dei lavoratori, ecc.) e, naturalmente, per coprire il costo della vita della tua famiglia per almeno sei mesi o per un periodo simile. Si spera che ci siano molte opzioni per i prestiti agricoli nel caso in cui non si disponga del capitale richiesto. In molti paesi, le agenzie statali vogliono incoraggiare nuove persone a dedicarsi all’agricoltura. Pertanto, fungono da garante affinché gli agricoltori possano ricevere prestiti a tasso zero da banche commerciali o statali. Le istituzioni internazionali concedono anche prestiti ai nuovi agricoltori in molti paesi. Anche l’agricoltura a contratto può essere un’opzione. In questo caso, un agricoltore e un acquirente (ad esempio, un’azienda di trasformazione alimentare) concordano un prezzo specifico del prodotto prima di iniziare una coltivazione. Di solito, l’acquirente copre tutte le spese della creazione di una coltivazione, deducendo l’importo dalle entrate finali dell’agricoltore. Anche questa può essere una forma alternativa di finanziamento.

Fase 3: assicurati di avere input e risorse disponibili nel momento in cui ne hai bisogno.

Un’altra cosa da considerare è se puoi avere a disposizione tutti gli input e le risorse necessarie quando ne hai bisogno e a prezzi ragionevoli. Ad esempio, gli agricoltori spesso assumono lavoratori per essere aiutati con alcune procedure (ad esempio, per la raccolta). Potrà essere una grande sorpresa iniziare la tua attività agricola e rendersi conto che non puoi trovare lavoratori nella tua zona. Anche se la tua azienda non richiede personale fisso, devi essere sicuro di poter assumere lavoratori occasionali quando ne hai bisogno. Ad esempio, nel caso della viticoltura, la maggior parte dei viticoltori ha bisogno di un numero considerevole di lavoratori durante il periodo della vendemmia. Se non trovano lavoratori in quel momento, le uve rimarranno più a lungo sulla pianta e la loro qualità e valore commerciale diminuiranno notevolmente entro una settimana. Anche nei paesi sviluppati come gli Stati Uniti, gli agricoltori esperti affermano di aver abbandonato i frutteti commerciali di meli perché non riuscivano a trovare lavoratori per la raccolta dei frutti. Anche i coltivatori di cotone affrontano problemi simili. Ad un certo punto il raccolto matura e l’agricoltore ha bisogno di raccogliere urgentemente. Tuttavia, il raccolto di colture come il cotone richiede un trattore speciale che costa centinaia di migliaia di dollari. Puoi noleggiare questo tipo di trattore? Se ci sono molti campi di cotone in un’area e solo un numero limitato di trattori per la raccolta, solo una frazione dei campi di cotone verrà raccolta al momento giusto. La raccolta ritardata avrà un impatto negativo sulla qualità e sul prezzo di mercato del prodotto finale.

Di conseguenza, come accade in quasi tutte le professioni e carriere lavorative, essere un agricoltore di successo non dipende esclusivamente da te stesso ma anche dal tuo ecosistema locale e dalla rete di persone che costruisci negli anni.

Fase 4: agricoltura biologica o convenzionale? Scegliere Quantità o Qualità?

In breve, l’agricoltura biologica prevede tecniche e metodi di coltivazione che cercano di proteggere l’ambiente, l’uomo e gli animali attraverso un’agricoltura sostenibile. I produttori di agricoltura biologica possono utilizzare soltanto sostanze biologiche sia per la fertilizzazione che per la protezione delle colture. Come metodi di fertilizzazione, utilizzano principalmente letame, compost o fertilizzanti organici speciali. Come misure di protezione delle colture, utilizzano principalmente trappole e predatori. Questo metodo di coltivazione richiede molto impegno e denaro e ha rese significativamente inferiori rispetto all’agricoltura convenzionale. Tuttavia, il produttore biologico può commercializzare i prodotti a prezzi più elevati rispetto a quelli convenzionali. D’altra parte, l’agricoltura convenzionale include l’uso di prodotti agrochimici o fertilizzanti secondo gli standard GAP.

La decisione sulla scelta dell’agricoltura biologica rispetto a quella convenzionale non è facile. È certo che un nuovo agricoltore non può competere in termini di costi. Non ha l’esperienza per controllare tutti i costi e produrre un prodotto accettabile a un prezzo interessante. Pertanto, molti nuovi agricoltori scelgono l’agricoltura biologica, così da puntare sulla qualità. Programmano di produrre un ridotto numero di prodotti di alta qualità e di venderli a prezzi più elevati. Alcuni di loro hanno successo, mentre altri no. In ogni caso, l’agricoltura biologica richiede un trattamento, una guida e un certo livello di esperienza per avere successo.

Fase 5: esame delle strutture di stoccaggio e della logistica – Trasporto

Non tutti i prodotti vengono trasferiti direttamente dal campo al mercato. In molti casi, l’agricoltore ha bisogno di immagazzinare i prodotti raccolti per un certo periodo prima di essere trasportati allo stabilimento dell’acquirente. I grossisti sono spesso responsabili della conservazione dei prodotti. Tuttavia, molti agricoltori non vendono i loro prodotti ai grossisti. Pertanto, potrebbe essere fondamentale disporre di un adeguato impianto di stoccaggio adatto alla coltura che stai coltivando. Prodotti diversi richiedono condizioni di conservazione diverse per essere mantenuti in modo appropriato. Nella maggior parte dei casi, i depositi sono edifici dotati di sensori che controllano e gestiscono la temperatura, l’umidità, la CO2 e le condizioni di luce.

In molti casi, il trasporto potrebbe non essere responsabilità dell’agricoltore. Tuttavia, molti agricoltori devono trasferire e consegnare i loro prodotti in maniera autonoma, soprattutto agli acquirenti locali. Un agricoltore responsabile del trasporto dovrebbe disporre di un veicolo che soddisfi i requisiti di una spedizione sicura del prodotto per evitare la sua contaminazione.

Fase 6: cosa deve fare un agricoltore: ricerca, ricerca e ancora ricerca!

Secondo il Center of Rural Affairs, nell’economia preindustriale, la ricchezza era direttamente legata alla proprietà della terra. Più terra possiedi, più produci e più guadagni. Le persone che avevano il capitale per costruire fabbriche e creare sistemi per la consegna hanno acquisito ricchezza nell’economia industriale. Oggi siamo in un’economia basata sulla conoscenza. La ricchezza ora sta fluendo verso coloro che sanno qualcosa in più degli altri.

Questo principio è molto importante per un agricoltore. In centinaia di casi, vediamo un gruppo di agricoltori in una particolare area che coltiva allo stesso modo un raccolto specifico. Questi agricoltori producono esattamente lo stesso prodotto, ma alla fine solo uno di loro può venderlo a un prezzo più elevato. Un coltivatore potrebbe aver svolto ricerche approfondite sulla scelta di mercati esteri o sulla selezione di un imballaggio diverso per i suoi prodotti. Nel caso delle erbe, il coltivatore può distillare il prodotto e vendere l’olio essenziale invece di vendere la massa floreale a un prezzo ridotto. Questo coltivatore ha maggiori possibilità di successo a lungo termine. Allo stesso tempo, tutti gli altri agricoltori (che si affidano alla saggezza convenzionale-pubblica) si lamenteranno sempre di non avere alcun profitto e che l’agricoltura non è sostenibile a livello economico. Gli agricoltori del 2022 e oltre dovranno fare ricerche approfondite (365 giorni all’anno se possibile) su nuove tecniche di coltivazione e nuovi mercati per le colture esistenti, nuovi usi dei loro prodotti, nuovi imballaggi, canali di vendita alternativi, nuove colture redditizie che possano prosperare nelle loro regioni, ecc.

Diventare un agricoltore non richiede un titolo di studio. Tuttavia, sarebbe meglio fare costantemente ricerche online e offline su questioni relative alle colture e al marketing. La formazione aiuterà l’agricoltore ad essere in grado di far fronte a qualsiasi situazione. Ad esempio, è fondamentale conoscere e “ascoltare” il proprio raccolto. Gli agricoltori che hanno una conoscenza approfondita della biologia di base della coltura, del ciclo di vita e delle fasi di crescita possono riconoscere possibili anomalie fisiologiche o patologiche nelle loro prime fasi. Pertanto, hanno maggiori possibilità di prendere decisioni rapide basate sui fatti e ottenere prodotti di qualità nel corso degli anni. Infine, è essenziale conoscere gli standard delle Buone Pratiche Agricole sull’uso corretto delle risorse idriche ed energetiche, sul tipo di prodotti agrochimici disponibili e su come utilizzarli con saggezza.

In generale, sebbene sia necessaria la ricerca online, esistono anche altre preziose fonti di informazioni. I membri della tua associazione di agricoltori locali o dell’ufficio dell’autorità statale agricola locale devono diventare i tuoi migliori amici. Possono informarti sugli aggiornamenti del settore (commerciale e scientifico), ad esempio, focolai di malattie, cambiamenti nel quadro giuridico, nuovi mercati per i tuoi prodotti, nuovi potenziali acquirenti, prestiti destinati a colture specifiche, ecc. Ovviamente, bisogna mettere tutto in discussione, e alla fine della giornata, sei responsabile di qualsiasi decisione prendi. Tuttavia, una buona informazione da parte degli esperti locali è sempre benvenuta e talvolta può portare a scelte sagge.

Fase 7: esaminare i regolamenti locali e universali relativi al proprio ambito di interesse.

Le Buone Pratiche Agricole (conosciute anche come GAP) sono una serie di metodi che gli agricoltori devono applicare per proteggere la propria salute e il proprio benessere, così come quella dei consumatori e dell’ambiente. Gli standard possono differire tra i Paesi a causa di quadri normativi e legali, ma la filosofia rimane la stessa. Le regole e i principi delle Buone Pratiche Agricole creano insieme una mentalità di prevenzione piuttosto che di risoluzione dei problemi.

L’attuazione della Buona Pratica Agricola inizia prima dell’insediamento della coltura. Ad esempio, se selezioni un campo fortemente contaminato, anche se fai tutto correttamente, il tuo prodotto sarà probabilmente ancora pericoloso per il consumo in generale.

L’attuazione del GAP porterà sicuramente a un aumento del reddito a lungo termine per gli agricoltori e, allo stesso tempo, ci aiuterà a consumare alimenti più sicuri e di qualità superiore. Infine, l’attuazione delle Buone Pratiche Agricole impone la sostenibilità ambientale. La costante formazione e istruzione sono fondamentali per gli agricoltori e per tutte le persone coinvolte nella filiera dei prodotti agricoli e non.

Nel nostro mondo agricolo moderno, ogni agricoltore professionista deve considerare, oltre ad ampliare la propria produzione, l’attenzione e il rispetto dei principi e delle linee guida dell’agricoltura sostenibile. Molte agenzie, aziende di trasformazione alimentare e rivenditori a livello globale applicano gli standard GAP per i loro fornitori in modo da aumentare la qualità dei loro prodotti agricoli. I produttori che non rispettano tali standard verranno gradualmente lasciati indietro.

La globalizzazione e il commercio internazionale consentono ai rivenditori di cercare facilmente nuovi fornitori certificati GAP.

Allevamento di bestiame

Il bestiame è molto più complesso della coltivazione delle colture e richiede un maggiore impegno finanziario e personale. È fondamentale sapere che non tutti gli allevamenti commerciali sono ammessi in tutte le aree popolate. Inoltre, la maggior parte dei Paesi ha regole rigide sulla distanza che un allevamento dovrebbe avere da un’area popolata. Devi essere a conoscenza delle normative nella tua zona prima di procedere a qualsiasi attività.

Quando si tratta di allevamento di animali, il campo in cui sceglierai di installare la tua struttura è molto importante. Ancora una volta, se possiedi un campo in un’area in cui è consentito tenere animali, le cose risulteranno essere più facili. Al contrario, nel caso in cui tu debba affittare o concedere in affitto un terreno, i tuoi costi di produzione potrebbero aumentare significativamente e, ad un certo punto, potresti essere costretto ad andartene. In ogni caso, assicurati di firmare un contratto ragionevole con il proprietario del terreno.

Il costo di installazione è più alto negli allevamenti. Il bestiame commerciale comporta un investimento importante per costruire un’adeguata struttura di allevamento legittima ad ospitare adeguatamente gli animali. Anche le moderne attrezzature per la mungitura sono costose. Ci sono anche altri costi associati all’alimentazione e alla vaccinazione degli animali. È essenziale rispettare gli standard di igiene e avere a disposizione un piano appropriato di gestione dei rifiuti.

Ancora una volta, è fondamentale decidere che tipo di attività zootecnica vorresti svolgere. Non tutti gli animali sono adatti a qualsiasi tipo di allevatore. Gli animali che alleverai faranno parte della tua vita e della tua famiglia. Passerai la maggior parte della tua giornata con loro. Pertanto, è fondamentale prendere una decisione saggia. Una buona tecnica è iniziare con 2-3 animali nel tuo giardino (se è legale) per verificare se sei adatto ad intraprendere questa carriera.

Se riesci a far fronte a questo nuovo stile di vita, potresti iniziare a porti le domande sopra menzionate. Chi comprerà i tuoi prodotti? Qual è il numero di potenziali acquirenti nella tua regione per il latte, la carne o le uova? A che prezzo vengono comprati altri prodotti simili? Vengono pagati in contanti o a credito? Quando acquistano il prodotto? Hai bisogno di magazzini per avere più tempo per negoziare un prezzo migliore? Puoi esportare il tuo prodotto (trovare acquirenti da un altro paese)? C’è una domanda effettiva per il prodotto che scegli? Alla fine, puoi ottenere un profitto (Profitto = Ricavi totali – Costi totali)?

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी العربية Türkçe Русский Ελληνικά Português Tiếng Việt Indonesia

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.