Sistemi e metodi di allevamento dell’uva

Come abbiamo detto prima, la vite è un cespuglio rampicante, perciò ha bisogno di un sistema di supporto per svilupparsi correttamente. Subito dopo aver piantato il vigneto e non appena le nostre piante hanno prodotto i primi germogli, è il momento di conferire alle nostre viti la forma desiderata. La selezione delle forme di allevamento è una decisione multifattoriale, dipende dalle condizioni climatiche (venti, temperatura, esposizione solare), dal tipo di terreno e dalle varietà coltivate. La forma di allevamento desiderata si ottiene attraverso il supporto per le piante e la potatura. L’adeguato sviluppo della pianta ha lo scopo di ottenere uno sviluppo ottimale delle piante, le giuste condizioni che prevengano l’insorgenza di parassiti e malattie (ad esempio, un’adeguata aerazione e penetrazione della luce solare) e la facilitazione della raccolta e di altre tecniche di coltivazione. Ma anche se questi fattori fossero assicurati, nella maggior parte dei casi avremmo ancora bisogno di un palo di supporto, poiché una pianta matura non può sostenere da sola tutto il peso dell’uva.

In base alla situazione esistono diverse forme di vigna preferite. Un modo per classificare le forme di allevamento prevede la determinazione dell’altezza del tronco. Seguendo questa classificazione, finiamo per avere due grandi categorie di allevamento: allevamento basso e alto:

  1. A) Categoria ad allevamento basso, include forme di vite in cui manteniamo il tronco leggermente basso 20-60 cm.
  2. B) Categoria ad allevamento alto comprende forme di vite in cui manteniamo il tronco leggermente alto oltre 120 cm.

I sistemi di allevamento più diffusi sono i seguenti:

Alberello

Questo tipo di allevamento è probabilmente il più antico, ed è preferito nelle zone calde e asciutte dove abbiamo vigneti non irrigati e terreni poveri dal punto di vita nutrizionale.

Seguendo questo tipo di sistema di allevamento, spesso modelliamo il tronco per un’altezza di 20-30 cm, mantenendo 3-8 cordoni attorno al tronco per creare un calice. Il calice è una tecnica a forma libera, il che significa che non necessita di alcun traliccio di supporto.

Cordone

La forma a cordone è spesso utilizzata in aree con climi caldi come la California.

Cordone libero o cortina semplice

Questa è una tecnica di formazione comunemente usata con la quale gli agricoltori lasciano fondamentalmente un cordone permanente per vite.

Cordone duplex

Questa tecnica di allevamento è simile al cordone libero. L’unica differenza è che in questo sistema abbiamo anche un secondo cordone piegato dalla parte opposta del primo.

Guyot

Questa forma di allevamento è solitamente preferita in zone con climi freddi ed è uguale alla forma di allevamento Cordone duplex ma con una differenza principale. Un cordone viene potato lasciando 6-10 gemme mentre nel secondo solo due gemme. Il cordone lungo darà il capo fruttifero, mentre quello corto produrrà circa due nuovi cordoni. Successivamente uno di questi nuovi cordoni viene potato a 6-10 gemme e l’altro a 2 gemme. In questo modo i cordoni vengono continuamente sostituiti.

Pergola

Questa tecnica di allevamento viene spesso utilizzata per le varietà di uva da tavola. Tuttavia, non è consigliata per le varietà a raccolta precoce. Troviamo molte varianti di questa tecnica a livello globale ma ciò che è comune in tutti i casi è l’altezza elevata del tronco e la disposizione orizzontale.

Una tale altezza del tronco richiede almeno due anni di potatura del tronco stesso e quindi un notevole sforzo da parte degli agricoltori. Una volta raggiunta l’altezza ottimale, viene installata la pergola, quindi i tralci vengono appoggiati sopra ad essa per ottenere la forma desiderata.

Lyra o a forma di U

Questa forma è simile al cordone duplex, ma in questo caso l’agricoltore piega i due cordoni principali su due diversi sistemi di supporto. Successivamente, ciascuno di questi due cordoni dà un’altra coppia di cordoni che vengono quindi inclinati sui due lati dello stesso filo, proprio come nel sistema a cordone duplex. Questo sistema di allevamento offre molti vantaggi, tra cui una migliore aerazione, una migliore penetrazione della luce solare e l’ombreggiamento dell’uva. Tuttavia, richiede uno sforzo maggiore per l’installazione.

Puoi leggere di più sui sistemi di allevamento della vite qui.

  1. Definizione di viticoltura – Cos’è la viticoltura?
  2. Rapida panoramica sull’uva
  3. Benefici dell’uva sulla salute
  4. Informazioni sulla pianta d’uva
  5. Selezionare la varietà di uva
  6. Come coltivare l’uva e ottenere profitto – Guida essenziale per il coltivatore di uva
  7. Requisiti e preparazione del suolo per la coltivazione della vite
  8. Sesto d’impianto e spaziatura – Numero di piante per ettaro
  9. Sistemi e metodi di allevamento dell’uva
  10. Irrigazione della vite e gestione dell’acqua
  11. Potatura, defogliazione e diradamento della vite
  12. Gestione del fertilizzante per le viti
  13. Parassiti e malattie comuni della vite
  14. Vendemmia: quando e come raccogliere
  15. Resa di uva per ettaro
  16. L’uso della tecnologia nella viticoltura contemporanea

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी العربية Türkçe Русский Ελληνικά Português Tiếng Việt Indonesia

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.