Sesto d’impianto e spaziatura – Numero di piante per ettaro

La data di impianto dipende dal vitigno, dalle condizioni meteorologiche e dalle preferenze del coltivatore. Idealmente, potremmo piantare i nostri innesti durante l’intero periodo invernale. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, la seconda metà dell’inverno è il periodo più adatto.

Generalmente gli agricoltori preferiscono piantine radicate di 1 anno. Alcuni produttori preferiscono invece piantare gli innesti rimuovendo le talee e innestandole da sole su diverse varietà di portainnesto. Tuttavia, acquistare le tue piante da un venditore legittimo è sempre la migliore soluzione possibile.

Dopo tutte le fasi di preparazione descritte nei capitoli precedenti, possiamo procedere con il trapianto. I coltivatori definiscono i punti esatti sul terreno in cui pianteranno le giovani piante. Durante il secolo precedente, usavano corde e picchetti per essere sicuri di piantare le viti in modo lineare. Al giorno d’oggi, gli agricoltori hanno a disposizione tecnologie moderne come i laser ad alta precisione per “disegnare” la mappa di semina. Quindi scavano buche profonde 30-50 cm e piantano le piantine. La semina può essere eseguita manualmente o utilizzando macchinari per la semina con strumentazione laser. Il vantaggio delle seminatrici laser, contrariamente alla semina manuale, è che il primo può piantare velocemente, con altissima precisione, e alle giuste distanze, però hanno difficoltà a piantare su campi inclinati.

Quando si tratta di innesti radicati, è importante piantarli a una profondità tale da mantenere il punto di connessione a circa 4-5 cm sopra la superficie del terreno. Se copriamo il punto di connessione, il rampollo molto probabilmente svilupperà radici, che inizieranno ad aumentare rapidamente e supereranno quelle del portainnesto. La presenza di questo evento potrebbe causare dei problemi. Tuttavia, nei paesi ad alto rischio di gelate, alcuni agricoltori erano soliti ricoprire l’intera pianta di terra dopo il trapianto, per proteggerla. Dopo un paio di settimane rimuovevano il terreno in eccesso insieme a qualsiasi possibile radicazione del rampollo.

Per quanto riguarda le distanze d’impianto e il numero di piantine, abbiamo modelli diversi a seconda delle varietà produttrici, della struttura del suolo, della sostanza organica, del tipo di vigneto e delle tecniche di coltivazione. Ad esempio, nei vigneti irrigati formati da terreno fertile, un modello comunemente usato include fino a 2.000-2.500 piante per ettaro per l’uva da tavola e 3.000-3.500 piante per ettaro per le varietà da vino con una resa di 10-12 tonnellate per ettaro.

Per una popolazione da 3.000 a 4.000 piante per ettaro, molti produttori preferiscono installare le loro viti su distanze di 2 – 2,5 m tra i filari e 1,25 – 1,35 m tra le piante. Altri produttori preferiscono una distanza di 2,5 m tra i filari e 1,15 m tra le piante. Tieni presente che 1 ettaro = 10.000 metri quadrati.

Il secondo modello non è raccomandato per tutte le varietà. Il motivo è che mantenendo distanze così ravvicinate tra le piante nella fila, le radici delle due piante vicine possono interferire. Distanze inferiori a 1 metro tra le piante devono essere generalmente evitate, poiché porteranno alla sovrapposizione fogliare e all’affollamento delle piante. Ciò si traduce spesso in una scarsa aerazione e in una ridotta circolazione dell’aria all’interno della chioma.

La maggior parte delle varietà contemporanee di uva da tavola richiedono una distanza di 3 metri tra le file e 1,5 metri di distanza tra le piante di ciascuna fila.

Alcuni agricoltori utilizzano speciali reti antigrandine, anche per proteggere il raccolto dagli uccelli.

  1. Definizione di viticoltura – Cos’è la viticoltura?
  2. Rapida panoramica sull’uva
  3. Benefici dell’uva sulla salute
  4. Informazioni sulla pianta d’uva
  5. Selezionare la varietà di uva
  6. Come coltivare l’uva e ottenere profitto – Guida essenziale per il coltivatore di uva
  7. Requisiti e preparazione del suolo per la coltivazione della vite
  8. Sesto d’impianto e spaziatura – Numero di piante per ettaro
  9. Sistemi e metodi di allevamento dell’uva
  10. Irrigazione della vite e gestione dell’acqua
  11. Potatura, defogliazione e diradamento della vite
  12. Gestione del fertilizzante per le viti
  13. Parassiti e malattie comuni della vite
  14. Vendemmia: quando e come raccogliere
  15. Resa di uva per ettaro
  16. L’uso della tecnologia nella viticoltura contemporanea

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी العربية Türkçe Русский Ελληνικά Português Tiếng Việt Indonesia

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.