Selezionare la varietà di uva

Decidere il vitigno non è semplice. È fondamentale considerare il metodo di coltivazione prescelto, le varietà di uva che prosperano nella nostra zona e se è possibile commercializzare il nostro prodotto ad un prezzo ragionevole in base al tipo di varietà prescelta. Esistono due metodi per avviare un vigneto: coltivare piante autogene o coltivare talee innestate. In ogni caso, ogni varietà ha caratteristiche qualitative uniche, che emergono in condizioni climatiche e pedologiche specifiche, come ad esempio il livello di pH o EC, le esigenze idriche e nutrizionali, la temperatura o l’esposizione solare. Pertanto, la selezione e la decisione devono essere attente e basate sulle informazioni raccolte.

Crescita dei vitigni autogeni

Dal 1850-60, la maggior parte dei viticoltori europei ha interrotto periodicamente la coltivazione di vitigni autogeni. Questo è stato causato dalla comparsa di un nemico catastrofico, da allora sconosciuto in Europa. Il nemico si chiama Fillossera (Phylloxera vastatrix) ed è un afide del suolo estremamente dannoso per la vite. Si ritiene che l’afide provenga dall’America poiché le viti americane avevano già sviluppato l’immunità a causa della simbiosi a lungo termine con il parassita. Prima di allora, le cultivar principali appartenevano alla specie Vitis vinifera, la maggior parte delle quali è sensibile all’afide. Tuttavia, nelle aree in cui non sono stati segnalati problemi di fillossera, alcuni piccoli agricoltori preferiscono ancora piantare vitigni autogeni.

Crescita delle talee di vite innestate

Come accennato in precedenza, durante il 1850, i coltivatori europei iniziarono a cercare soluzioni per sconfiggere la presenza della fillossera. La soluzione è arrivata dallo stesso luogo di provenienza del parassita, l’America. Le varietà di vite autoctone dell’America hanno sviluppato un’immunità genetica contro l’afide a causa della lunga relazione simbiotica. Di conseguenza, i viticoltori iniziato a innestare le loro varietà tradizionali di Vitis vinifera su portinnesti americani. L’innesto è una tecnica comunemente usata in viticoltura mediante la quale le parti di due piante diverse vengono unite in modo che crescano insieme come una sola pianta. La parte superiore della prima pianta si chiama marza e cresce sull’apparato radicale della seconda pianta, che prende il nome di portainnesto. In questo modo si ottiene una pianta che unisce i vantaggi sia della marza che del portainnesto.

I portainnesti preferiti sono diversi, principalmente suddivisi a seconda della loro tolleranza a specifiche condizioni pedoclimatiche e di temperatura. Alcuni dei portinnesti più comunemente utilizzati appartengono alle seguenti specie:

Vitis riparia (es. Riparia Gloire de Montpellier)

Vitis rupestris (es. Rupestris du Lot)

Una combinazione di Riparia-Rupestris

Portainnesti del gruppo Berlandieri x Riparia

Portainnesti del gruppo Berlandieri x Rupestris e tanti altri

Ciascuno dei portinnesti varia significativamente sia nelle caratteristiche morfologiche che nelle tecniche di coltivazione.

Indipendentemente dal metodo che scegliamo, dobbiamo essere sicuri di acquistare le nostre piante da un venditore certificato per evitare sorprese spiacevoli.

Scelta del vitigno

Varietà di vite

Dal momento che la vite è stata coltivata per migliaia di anni, sono state sviluppate e rilasciate migliaia di varietà. Generalmente, dividiamo i vitigni in tre grandi gruppi.

Varietà per la produzione di vino:

In questa categoria, abbiamo principalmente varietà europee a causa della loro lunga storia nella produzione di vino. Tuttavia, anche alcune varietà americane sono importanti. Alcune varietà comunemente utilizzate per la produzione di vino sono: Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Malbec, Merlot, Pinot Nero, Syrah, Concord (varietà rosse), Chardonnay, Pinot Bianco, Pinot Grigio, Semillon, Gewurztraminer, Catawba, Delaware (vini bianchi)

Varietà per la produzione di uva passa:

I più famosi sono Sultanina e Korinth

Varietà per la produzione di uva da tavola:

Cardinal, Perlette, Victoria, Ribier e altri.

  1. Definizione di viticoltura – Cos’è la viticoltura?
  2. Rapida panoramica sull’uva
  3. Benefici dell’uva sulla salute
  4. Informazioni sulla pianta d’uva
  5. Selezionare la varietà di uva
  6. Come coltivare l’uva e ottenere profitto – Guida essenziale per il coltivatore di uva
  7. Requisiti e preparazione del suolo per la coltivazione della vite
  8. Sesto d’impianto e spaziatura – Numero di piante per ettaro
  9. Sistemi e metodi di allevamento dell’uva
  10. Irrigazione della vite e gestione dell’acqua
  11. Potatura, defogliazione e diradamento della vite
  12. Gestione del fertilizzante per le viti
  13. Parassiti e malattie comuni della vite
  14. Vendemmia: quando e come raccogliere
  15. Resa di uva per ettaro
  16. L’uso della tecnologia nella viticoltura contemporanea

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी العربية Türkçe Русский Ελληνικά Português Tiếng Việt Indonesia

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.