Sciame di api da miele

Comprendere e controllare la sciamatura

La sciamatura è la naturale proliferazione e riproduzione dell’apiario. Il processo si svolge in genere durante la primavera o l’inizio dell’estate (aprile – giugno). In poche parole, la regina, accompagnata da alcune operaie, lascia l’apiario alla ricerca di un nuovo nido. Questo gruppo di api (la regina accompagnata dalle sue fedeli api operaie) probabilmente riposerà nei dintorni del vecchio alveare, ma presto troverà un nuovo nido, si sistemerà e continuerà il suo ciclo vitale. Nel frattempo, nell’alveare ci sono abbastanza api e uova, da cui nasceranno nuove regine. Se l’apicoltore non interviene, la più forte di queste regine emergerà e alla fine prevarrà (pungendo e uccidendo tutte le regine rivali) diventando la nuova regina. Le api sono geneticamente programmate per sciamare quando trovano le condizioni adatte per farlo. Senza lo sciame, le api non sarebbero sopravvissute per migliaia di anni prima della loro domesticazione da parte dell’uomo. Tuttavia, la sciamatura incontrollata crea problemi per l’apicoltore perché la popolazione dell’alveare (e quindi la produzione) è ridotta del 50% o più. Ogni apicoltore deve esaminare i modi per prevenire la sciamatura o sfruttare la sciamatura in condizioni controllate. Anche gli apicoltori più esperti vedono sciamare alcune delle loro api ogni anno.

Esistono diverse misure anti-sciame. Alcuni apicoltori tagliano un’ala della regina in modo che non possa volare (una tecnica antica ma con sostenitori fanatici anche oggi). Altri riorganizzano l’alveare e riducono la popolazione delle api in modo che la regina possa comunicare meglio con tutti i lavoratori attraverso i feromoni. Uno dei fattori più comuni che scatenano la sciamatura è la diminuzione della produzione e dell’emissione di feromoni da parte di una vecchia regina. Pertanto, molte api operaie non ascoltano o si rifiutano di prendere ordini dalla regina. Questo comportamento è più comune negli alveari sovraffollati con scarsa ventilazione. In questi casi, la regina risulta frustrata dalla sua incapacità di controllare e motivare l’alveare, quindi fugge per creare una nuova società più piccola composta esclusivamente da poche ma leali e “fedeli” api operaie. Quindi, ancora una volta, avere una regina giovane (fino a 2 anni) e fiorente nel nostro alveare ci salverà da molti problemi. Prevenire il sovraffollamento e la congestione delle api e migliorare la ventilazione all’interno dell’alveare sono anche tecniche necessarie per essere proattivi e prevenire la sciamatura.

In generale, gli alveari brulicanti non immagazzinano abbastanza miele che l’apicoltore possa raccogliere, né offrono un buon servizio di impollinazione nelle colture vicine. Inoltre, l’apicoltore corre il rischio di non essere in grado di individuare o catturare lo sciame. Invece di aspettare che il gruppo di api sciama per poi inseguirlo, possiamo creare con cura le condizioni adatte che favoriscano la scissione di una singola colonia in due, in condizioni controllate e prima che si verifichi lo sciame naturale. In questo caso, trarremo beneficio dalla sciamatura controllata dividendo la colonia, evitando i rischi. Possiamo posizionare con cura un alveare vuoto vicino a quello che vogliamo dividere. Rimuoviamo metà dei telai del vecchio alveare (ma non quello con la regina) e li trasferiamo nel nuovo (dovrebbero esserci da 2 a 3 telai con covate aperte, sigillate e dello stesso giorno). La configurazione deve essere dall’esterno all’interno: miele-polline-covata. Trasferiamo il nuovo alveare “orfano” nella posizione desiderata e lasciamo la porta aperta. In cinque giorni, controlliamo le “cellule regina” e ne lasciamo solo 2. Aggiungiamo il cibo. Verifichiamo se il vecchio alveare (in cui abbiamo lasciato la regina) ha un buon sviluppo. Naturalmente, queste sono linee guida semplificate e manipolazioni così complesse richiedono una certa esperienza. È meglio lavorare con un apicoltore esperto durante i tuoi primi sforzi di divisione.

  1. Apicoltura per principianti
  2. Struttura e organizzazione della società delle api da miele
  3. Come viene prodotto il miele dalle api?
  4. Fornitura di alveari e attrezzature
  5. Luogo e posizionamento dell’alveare
  6. Come nutrire le api?
  7. Sciame di api da miele
  8. Preparare gli alveari per l’inverno
  9. Raccolta del miele
  10. Malattie e parassiti comuni delle api
  11. Parassiti principali delle api
  12. Principali malattie delle api
  13. Avvelenamento delle api causato dai pesticidi
  14. Domande e risposte sulle api

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी العربية Türkçe Русский Ελληνικά Português Tiếng Việt Indonesia

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.