Rotazione delle colture di erba medica

La maggior parte degli agricoltori smette di coltivare erba medica dopo il 4° anno perché la resa è diminuita in modo significativo (può diminuire del 15% ogni anno). Come accade in molte altre piante, l’erba medica è colpita dal fenomeno dell’auto-tossicità. Ciò significa che le piante di erba medica producono tossine che inibiscono lo sviluppo di nuove piante di erba medica nello stesso campo. Di conseguenza, dopo aver raccolto la produzione di erba medica del 4° anno, la maggior parte degli agricoltori distruggono le proprie piante di erba medica arando in profondità, quindi seminano grano, mais o orzo. Dopo aver raccolto la produzione annuale di grano, mais o orzo, seminano nuovamente erba medica per i successivi 4 anni di coltivazione. Questa rotazione delle colture avvantaggia sia l’erba medica che il frumento/orzo/mais. Da un lato i cereali tendono a diminuire lo sviluppo delle erbe infestanti, lasciando il campo libero per la coltivazione dell’erba medica. D’altra parte, i risultati suggeriscono che il mais dopo l’erba medica produce circa il 10% in più rispetto alla rotazione mais-mais.

  1. Usi dell’erba medica e informazioni generali
  2. Informazioni sulla pianta di erba medica
  3. Come coltivare l’erba medica
  4. Requisiti del suolo per la pianta di erba medica – Selezione della varietà – Gestione delle infestanti
  5. Tasso di semina e semina dell’erba medica
  6. Requisiti del fertilizzante per l’erba medica
  7. Requisiti idrici per l’erba medica
  8. Raccolta dell’erba medica e resa per acro
  9. Rotazione delle colture di erba medica
  10. Domande e risposte sull’erba medica

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी العربية Türkçe Русский Ελληνικά Português Tiếng Việt Indonesia

La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.