Requisiti e preparazione del suolo per l’albero di noce

Condizioni, requisiti e preparazione del suolo dell’albero di noce inglese e nero

Come tutti gli alberi da frutto, i noci preferiscono il pieno sole e il terreno ben drenato. Il noce prospera in terreni profondi e sabbiosi, ben drenati, irrigati e ricchi di sostanza organica. Può tollerare un ampio intervallo di pH (pH da 5 a 8), ma nei frutteti commerciali la maggior parte degli agricoltori applica la calce per fissare il pH intorno a 6,5 ​​(chiedi a un agronomo certificato). L’albero è sensibile alle alte concentrazioni di sodio, cloro e boro. I siti più adatti sono le fresche rive dei fiumi, le colline pedemontane e le zone marittime. Dovrebbero essere evitati i siti circondati da colline, dove le masse d’aria fredda non possono fuoriuscire facilmente. Allo stesso modo, i coltivatori non dovrebbero stabilire i loro raccolti in campi dove l’acqua piovana eccessiva può ristagnare e non drenare bene.

Indipendentemente dal fatto che l’albero di noce venga coltivato per legno o noci, l’albero può prosperare solo in terreni in cui il suo apparato radicale può svilupparsi liberamente fino a una profondità di 3 metri o più. Di conseguenza, prima di scegliere un sito per stabilire il nostro noceto, dobbiamo esaminare con uno speciale strumento di penetrazione del suolo se ci sono substrati rocciosi o altri strati impermeabili fino a una profondità di 1,5 metri o più. Potremmo dover testare il nostro frutteto in 5 o più punti distanti del campo. Se il nostro strumento trova grande difficoltà a penetrare nel terreno, le radici di noce avranno la stessa difficoltà e probabilmente non saranno in grado di svilupparsi correttamente. In questo caso, un tale sito dovrebbe essere evitato.

Prima di piantare i giovani alberi di noce, l’agricoltore deve arare il terreno a una profondità di 50-70 cm. Il dissodamento mira a distruggere le erbacce perenni e a rendere il terreno più soffice, necessario per lo sviluppo del sensibile apparato radicale durante i primi mesi. Prima dell’aratura, i coltivatori di noci spesso prelevano campioni di terreno e li inviano a un laboratorio per determinare eventuali azioni correttive necessarie. Molti coltivatori di noci aggiungono 20-30 tonnellate di letame per ettaro ben prima di piantare i giovani alberi per aumentare la fertilità del suolo e migliorare la consistenza del suolo (chiedere a un agronomo certificato). Tieni presente che 1 ettaro = 2,47 acri = 10.000 metri quadrati e 1 tonnellata = 1.000.

Quando coltiviamo alberi da frutto a scopo di lucro, è stato segnalato che le colture di copertura (che nella maggior parte dei casi sono erbe basse) sono utili, se non necessarie in alcuni casi. Le colture di copertura tendono a ridurre l’erosione del suolo durante le forti piogge o tempeste di vento. Migliorano anche l’aerazione del suolo e la stabilità del frutteto, mentre alcune fissano l’azoto. Infine, fungono da filtro per l’irrigazione degli alberi e regolano la temperatura del frutteto. Le piante della senape sono utili quando vengono piantate come colture di copertura nei noceti.

  1. Informazioni sull’albero di noce
  2. Come far crescere l’albero di noce dalla noce?
  3. Avviare un frutteto di noci
  4. Requisiti climatici dell’albero di noce
  5. Propagazione e impollinazione degli alberi di noce inglese e nero
  6. Requisiti e preparazione del suolo per l’albero di noce
  7. Piantare alberi di noce
  8. Potatura e diradamento del noce
  9. Requisiti idrici dell’albero di noce
  10. Requisiti del fertilizzante per l’albero di noce
  11. Raccolta e rese dell’albero di noce
  12. Malattie e parassiti del noce
  13. Domande e risposte sull’albero di noce

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Nederlands العربية Türkçe Ελληνικά Português

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.