Requisiti del fertilizzante dell’olivo

Come concimare gli olivi – Concimazione di un oliveto

In passato si riteneva che l’olivo fosse adatto a terreni poveri e aridi e potesse dare rese medie su terreni ritenuti non idonei ad altre colture arboree. Questo è parzialmente vero, ma non significa che l’olivo preferisca effettivamente un ambiente del genere. L’olivo preferisce terreni fertili con un’umidità adeguata a dare raccolti sostenibili e di grandi quantità per molti decenni.

Prima di applicare qualsiasi metodo di concimazione nel nostro oliveto, verificheremo le proprietà fisiche del suolo (consistenza, permeabilità del suolo, ecc.) e i livelli di nutrienti disponibili. Questi valori influenzano le nostre decisioni e quindi la resa. Pertanto, conoscerli è utile per affrontare la mancanza o l’eccesso di alcuni nutrienti ed evitare lo stress degli alberi. Due parametri molto importanti sono il pH e il contenuto di calcio del terreno perché entrambi influenzano l’assorbimento di alcuni nutrienti forniti dal fertilizzante. Il pH ottimale per l’olivo è di circa 6,5, ma può produrre frutti in terreni con pH da 5,5 a 8. Un’azione correttiva comune per fissare il pH del terreno prima di piantare giovani olivi è l’aggiunta di calce al terreno (consultare il vostro agronomo locale autorizzato).

Dopo l’analisi chimica delle foglie, il tasso minimo accettabile di nutrienti è: 1,5% per N, 0,1% per P e 0,5% per K. L’azoto è l’elemento nutritivo più importante quando coltiviamo un olivo per l’olio d’oliva o le olive da tavola. L’azoto è necessario per la germinazione e la produzione delle olive. Il sintomo principale della mancanza di azoto è la vegetazione annuale sottosviluppata. Le foglie sono molto più corte del normale e non virano gradualmente al verde intenso come le foglie normali. Quando diagnostichiamo una mancanza di azoto, dovremmo consultare l’agronomo locale per creare un programma di fertilizzazione idoneo.

Uno schema comune di fertilizzazione dell’olivo che viene utilizzato da centinaia di olivicoltori esperti prevede l’aggiunta 4-7 kg di fertilizzante N-P-K 11-15-15 in ogni albero adulto una o due volte l’anno. Il periodo più adatto è durante l’autunno, mentre in inverno per alberi non irrigati. Possiamo aggiungere il fertilizzante nel terreno a un raggio di 60-90 cm dal tronco per evitare un’eccessiva concentrazione di nutrienti in un punto rispetto a un altro. Tuttavia, queste sono solo alcune pratiche comuni e i coltivatori non dovrebbero seguirle alla cieca senza prima aver svolto le proprie ricerche. Ogni campo è diverso e quindi ha esigenze diverse. È utile testare il terreno almeno una volta all’anno e intraprendere azioni correttive dopo aver consultato un esperto.

La materia organica nei vari stadi di decomposizione (soprattutto come humus) è benefica in molti modi. Migliora le condizioni del suolo, come la consistenza in terreni leggeri. Migliora anche la consistenza dei terreni pesanti, funziona come regolazione del pH, mantiene l’umidità del suolo, aumenta la capacità del suolo, attiva i microrganismi del suolo e aumenta l’assorbimento dei nutrienti. Di conseguenza, i fertilizzanti organici sono spesso alla base di un razionale programma di concimazione delle olive. Durante l’autunno è possibile aggiungere liquame di letame incorporandolo nel terreno. In oliveti senza irrigazione e senza piogge frequenti, molti agricoltori forniscono 10-20 tonnellate di letame per ettaro ogni due anni. Nelle aree ben irrigate, questa azione correttiva viene spesso eseguita ogni 3-4 anni. Ancora una volta, queste sono solo pratiche comuni e ogni agricoltore deve effettuare le proprie ricerche e test del suolo o analisi dei tessuti prima di applicare i metodi di fertilizzazione descritti. Tieni presente che 1 tonnellata = 1.000 kg e 1 ettaro = 2,47 acri = 10.000 metri quadrati.

Livelli sufficienti di calcio sono molto importanti per un olivo sano, poiché il calcio riduce la suscettibilità alle malattie. Il sintomo più comune della carenza di calcio è la clorosi (le foglie diventano pallide o giallo-bianche). La carenza di calcio può essere trattata aggiungendo 6 – 7 kg di ossido di calcio per albero maturo (consultare il proprio agronomo autorizzato locale).

Magnesio e Boro hanno un ruolo centrale nel corretto sviluppo dei frutti. Il Magnesio (Mg) è la parte centrale della molecola della clorofilla, mentre il Boro (B) svolge un ruolo fondamentale nel metabolismo e nel trasporto degli zuccheri. In molti casi, se gli agricoltori diagnosticano una carenza di magnesio o boro a metà del periodo vegetativo, spesso applicano fertilizzanti fogliari (11-0-0-16MgO, 20,5% B).

  1. Informazioni sull’olivo
  2. Crescere gli olivi
  3. Le aziende olivicole sono redditizie?
  4. Alternanza di produzione dell’olivo
  5. Propagazione e impollinazione dell’olivo
  6. Clima dell’olivo – Requisiti termici
  7. Requisiti del suolo dell’olivo
  8. Piantare gli olivi
  9. Requisiti del fertilizzante dell’olivo
  10. Requisiti idrici dell’olivo
  11. Potatura dell’olivo
  12. Raccolta delle olive
  13. Malattie e parassiti dell’olivo
  14. Domande e risposte sull’Olivo

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Nederlands العربية Türkçe Ελληνικά Português

La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.