Requisiti del fertilizzante del pero

Programma di fertilizzazione del pero – Come concimare i peri

Le pratiche agricole contemporanee suggeriscono che una volta all’anno (in estate – luglio, agosto) dovremmo raccogliere almeno 100 foglie dai nostri peri e inviarle a un laboratorio per un’analisi dettagliata dei nutrienti. Supponiamo di rilevare che la foglia in media ha carenze nutrizionali specifiche (alcuni elementi chimici importanti sono al di sotto degli standard accettabili). In tal caso, possiamo intervenire e correggere i problemi nutrizionali aggiungendo l’elemento appropriato, ad esempio un ammendante di calcio, sempre dopo aver consultato un agronomo certificato.

I livelli normali dei nutrienti più importanti sono elencati di seguito:

N: 2,3% – 2,7%

P: 0,14% – 0,4%

K: 1,2% – 2,2%

Ca: 1,5% – 2%

mg: 0,25% – 0,5%

L’azoto e il potassio sono essenziali per la crescita delle foglie, la fioritura e l’allegagione, mentre il fosforo è fondamentale per lo sviluppo di un forte apparato radicale, specialmente nelle prime fasi dello sviluppo della pianta. Calcio, magnesio, manganese, zinco e boro sono anche vitali per le varie fasi dello sviluppo, della fioritura e della fruizione delle gemme. Qualsiasi carenza influenzerà negativamente il numero di frutti, la qualità e la salute generale dell’albero.

Come regola generale, i peri fruttiferi maturi hanno bisogno di più fertilizzazione rispetto ai giovani alberi che non sono entrati nel loro periodo di fruttificazione. I coltivatori di pere professionisti spesso iniziano a concimare gli alberi quando raggiungono i 2 anni. Uno schema di fertilizzazione comune utilizzato da numerosi coltivatori di pere è l’aggiunta di 82 kg di N, 63 kg di P2O5, 50 kg di MgO e 182 kg di K2O per ettaro, supponendo che ci siano 600-800 alberi per ettaro e nessuna coltura di copertura. Tieni presente che 1 tonnellata = 1.000 kg e 1 ettaro = 2,47 acri = 10.000 metri quadrati. Queste quantità vengono normalmente distribuite in 3-4 diverse sessioni di applicazione durante l’anno. I fertilizzanti fogliari di boro, zinco e calcio vengono aggiunti in base all’analisi fogliare. I programmi di alimentazione fogliare vengono applicati dalla primavera fino al raccolto, ma il periodo critico è di 5-7 settimane dopo la fioritura. In alternativa, molti agricoltori aggiungono una volta all’anno 0,9 – 1,4 kg di 12-12-17 + 2 MgO per albero giovane e 3 – 5,4 kg di 12-12-17+2MgO per pero maturo.

Tuttavia, queste sono solo pratiche comuni e i coltivatori di pere non dovrebbero seguirle alla cieca senza fare le proprie ricerche. Ogni campo è diverso e quindi ha esigenze diverse. Il controllo dei nutrienti e del pH del terreno è fondamentale prima di applicare qualsiasi metodo di fertilizzazione. Inoltre, supponiamo che un sistema di irrigazione a copertura totale sia combinato con trifoglio o altre colture di copertura in un sistema di piantagione denso. In tal caso, la necessità di concimare i peri è notevolmente ridotta. Questo perché la coltura di copertura produce materia organica che si decompone rilasciando al suolo nutrienti essenziali (chiedere ad un agronomo certificato).

  1. Informazioni sul pero
  2. Come far crescere un pero dal seme
  3. Coltivazione di peri in vaso
  4. Coltivazione a scopo commerciale di alberi di pero
  5. Condizioni climatiche del pero
  6. Requisiti e preparazione del suolo del pero
  7. Propagazione e impollinazione del pero
  8. Come piantare alberi di pero
  9. Fabbisogno idrico del pero
  10. Requisiti del fertilizzante del pero
  11. Potatura del pero
  12. Raccolta e resa del pero
  13. Parassiti e malattie del pero
  14. Domande e risposte sul pero

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Nederlands العربية Türkçe Português

La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.