Come concimare le piante di menta piperita

La menta piperita è una coltura molto esigente in termini di nutrienti. Generalmente, la pianta ha bisogno di alti tassi di azoto, fosforo e potassio per produrre rese elevate per 4-5 anni. L’azoto incoraggia una rapida crescita tra i tagli, mentre il potassio rafforza la pianta contro la ruggine della menta e altre malattie. Come accade in ogni altra coltura, non può esserci una tecnica di concimazione universale poiché ogni campo è diverso e ha esigenze distinte. L’esecuzione dell’analisi del suolo una volta all’anno è estremamente importante per diagnosticare carenze di nutrienti e intraprendere azioni correttive.

Molti agricoltori convenzionali applicano una pratica comune di fertilizzazione che prevede l’aggiunta di 635 kg di N-P-K 20-20-20 per ettaro ogni anno (1 ettaro = 2,47 acri = 10.000 metri quadrati). Solitamente si sceglie di suddividere questa quantità in 6 o 7 applicazioni, con la prima che inizia all’inizio della primavera e l’ultima da applicare 10 giorni prima dell’ultima raccolta. Tuttavia, queste sono solo pratiche standard che gli agricoltori non dovrebbero seguire ciecamente senza prima fare le proprie ricerche.

Di solito è necessario applicare terriccio o fertilizzanti idrosolubili tra le due o tre sessioni di raccolta. In questo modo, le piante saranno incoraggiate a rigenerarsi rapidamente e produrre abbastanza materiale vegetale per il prossimo taglio, che avverrà solo 45 giorni dopo. Come regola generale, le quantità di fertilizzante devono essere basse subito dopo ogni raccolto e crescere gradualmente in base alla crescita della pianta. I fertilizzanti idrosolubili vengono spesso applicati tramite irrigazione a goccia o a pioggia.

I coltivatori di menta piperita biologica spesso aggiungono 30-40 tonnellate di letame di bestiame o pollame ben decomposto per ettaro e arano bene prima di piantare i giovani portainnesti. Quindi, ogni anno aggiungono 15-20 tonnellate di letame per ettaro durante la stagione di crescita. Coltivano leggermente e irrigano bene dopo ogni applicazione di letame. Sono comuni anche i fertilizzanti organici idrosolubili a lenta cessione. Tuttavia, coltivare la menta piperita biologica non è affatto facile. Richiede ricerche e campionamenti approfonditi perché l’origine e la qualità del letame possono influenzare notevolmente la qualità dell’olio essenziale. Maggiori informazioni sulla concimazione organica della menta piperita e sull’effetto del tipo di letame sull’olio essenziale.

  1. Informazioni sulla pianta di menta piperita
  2. Come coltivare la menta piperita a casa
  3. Coltivare la menta piperita a scopo commerciale
  4. Condizioni di coltivazione della menta piperita
  5. Distanze di impianto e numero di piante di menta piperita per ettaro
  6. Requisiti idrici di menta piperita
  7. Requisiti dei fertilizzanti per piante di menta piperita
  8. Controllo delle infestanti di menta piperita
  9. Raccolta della menta piperita
  10. Materiale vegetale di menta piperita e resa di olio essenziale
  11. Parassiti e malattie della menta piperita
  12. Domande e risposte sulla Menta piperita

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands العربية Türkçe 简体中文 Português

I NOSTRI PARTNER

Collaboriamo con O.N.G., Università, e altre organizazzioni globali allo scopo di raggiungere una missone condivisa di sostenibilità e benessere sociale.