Raccolta delle olive in Grecia

Chania, Creta: l’olio d’oliva di Pamako e Eftychios Androulakis hanno reso famosa la varietà di olive Tsounati.

Nonostante la convinzione comune che la varietà di olive Tsounati non fosse in grado di produrre olio d’oliva di alta qualità, Eftychios Androulakis, sempre con il supporto di suo padre, è riuscito a creare Pamako e conquistare il mercato nazionale e globale. L’olio di oliva mono-varietale di olive Tsounati e la miscela 60% Tsounati e 40% Koroneiki sono ora prescritti come integratore alimentare in Belgio, grazie al loro contenuto fenolico che raggiunge i 1.800 mg/kg. In un oliveto biologico con una forte pendenza e un’altitudine da 500 a 700 metri, il signor Androulakis coltiva 10.000 alberi di varietà Koroneiki e 4.000 alberi di olivo di varietà Tsounati, con un’età compresa tra i 300 e i 1.000 anni, ed un’altezza che raggiunge i 15-20 metri. La raccolta delle olive da entrambe le varietà di solito inizia il 20 settembre, ma il grave periodo di siccità dell’estate del 2021 ha costretto l’agricoltore a iniziare il processo un po’ più tardi (5 ottobre). A quel tempo, le olive hanno un colore della buccia verde-giallo. I risultati delle analisi di micro estrazione di olio (100 ml), che forniscono dati come la concentrazione dell’olio e le sue caratteristiche organolettiche in diverse fasi di maturazione, indicano il momento esatto della raccolta. A causa dell’estrema altezza degli alberi Tsounati, della geomorfologia del frutteto aziendale, la raccolta è piuttosto complicata, con gli operai che si arrampicano, in molti casi, con le corde sugli alberi. Per tutelare la qualità del prodotto e dell’ambiente, il Sig. Androulakis sceglie di utilizzare solo raccoglitrici vibranti a batteria con gancio. Due settimane dopo il completamento della raccolta, il produttore applica al suo campo il compost di sua produzione. La potatura avviene due mesi dopo, con l’agricoltore che sceglie di rimuovere la quantità minima di rami dagli alberi Tsounati. L’eccellente qualità dell’olio di oliva Pamako, oltre ai meticolosi metodi di coltivazione messi in atto, è anche il risultato di una costante sperimentazione in frantoio in collaborazione con l’esperto di olio Mr. Michali Marako. Parallelamente alla coltivazione dell’olivo, il sig. Androulakis si occupa di modifiche alle macchine del frantoio. Infatti, la sua ultima invenzione, un nuovo sistema di lavaggio e asciugatura delle olive che riduce la temperatura del frutto di 2 o 3 gradi, è ora in fase di brevetto.

 

Makri, Alexandoupoli: Il nome della varietà di origine protetta Makri e un microclima ideale creano l’olio d’oliva di alta qualità Cyclops.

Il frutteto familiare di 12.000 alberi secolari si trova vicino al mare, in una delle parti settentrionali della Grecia, dove crescono gli olivi. Arricchendo l’azienda di famiglia con un frantoio privato nel 1982 e applicando tecniche di coltivazione di un sistema di gestione integrato, i contadini di Cyclops (Kyklopas in greco) sono riusciti a produrre un olio extra vergine di oliva che ha raggiunto la top ten della classifica mondiale. L’agricoltura biologica è praticata in 2.000 piante, mentre la resa è fortemente fluttuante a causa dell’alternanza. “Negli ultimi 10-15 anni, iniziamo la raccolta prima, a metà ottobre, per dare un valore in più al prodotto finale. Vediamo che sempre più produttori di olive della zona tendono ultimamente a seguire questa tendenza”, affermano al team di Wikifarmer. L’analisi del contenuto di olio dei frutti dà il segnale di raccolta. Vengono impiegate macchine a tronchi vibranti e reti, nonché abbacchiatori vibranti con gancio. “Le olive devono essere temporaneamente conservate in cassette (con una capacità di stoccaggio di 20 chili) poiché garantiscono una migliore aerazione del frutto”, afferma l’agricoltore.

 

Ofrinio, Kavala: L’uso dei guanti durante la raccolta protegge le preziose olive Xalkidiki di Michalis Nikos.

Un oliveto irriguo di 3.500 alberi della varietà autoctona Xalkidikis (o Hondroelia Halkidikis) produce l’eccezionale olio d’oliva Εnnέα e olive delle dimensioni di una mandorla. L’agricoltore classifica i frutti in base alla loro dimensione finale e utilizza quelli più piccoli (200 pezzi per chilo e oltre) per la produzione di olio d’oliva a raccolta precoce (agoureleo). Le più grandi sono vendute come olive da tavola. Il signor Nikos non applica alcun diradamento dei frutti. Riduce invece meccanicamente i fiori in eccesso all’inizio della stagione (aprile-maggio). A volte, l’agricoltore spruzza sostanze chimiche per promuovere la produzione di frutti. Grazie a potature e irrigazioni adeguate, gli alberi offrono una produzione stabile ogni anno, senza drammatiche alternanze. La raccolta avviene a metà autunno (fine settembre e ottobre) ed è rigorosamente manuale. I lavoratori indossano guanti o nastri protettivi sulle unghie per evitare di ferire le olive sensibili. Il contadino pota i suoi alberi più tardi, dal 25 febbraio al 10 marzo. “A causa dell’irrigazione, gli alberi mostrano una crescita dei germogli forte e vivace, che dobbiamo controllare ogni anno con una buona potatura. Rimuoviamo anche i polloni (germogli vigorosi) e i germogli d’acqua durante il mese di luglio”, ricorda l’agricoltore.

 

Arkaloxori, Heraklion: Amore, rispetto dell’albero e cura costante sono la ricetta dell’esclusivo olio d’oliva Seven Olea.

L’olio extra vergine di oliva Seven Olea, che reclama benefici sulla salute, è prodotto da 370 alberi di varietà Koroneiki nell’area di Arkalochori, Creta. Gli alberi hanno 50, 30 e 20 anni e crescono organicamente in un oliveto irrigato tramite la pioggia. La raccolta avviene tra la fine di ottobre e l’inizio di novembre dopo le prime piogge (ma non in condizioni ambientali bagnate-umide). In questo modo, i rami acquisiscono elasticità e non si danneggiano o si rompono durante il processo. “In generale, il momento ideale per la raccolta è quando il frutto ha raggiunto un indice di maturazione di 2. In quel momento, possiamo raggiungere il massimo contenuto di olio e un’elevata concentrazione fenolica nei frutti. Visivamente questa fase di maturazione può essere definita da quando il colore viola copre meno del 50% della buccia del frutto”, dichiara l’agricoltore Manos Kokkinelis. “Il nostro obiettivo è produrre un prodotto di alta qualità facendo ciò che amiamo di più”, continua. Secondo il signor Kokkinelis, quando si decide il tempo di raccolta, ogni agricoltore dovrebbe tenere conto della posizione dell’oliveto (ad esempio, l’altitudine). Inoltre, è fondamentale determinare se la produzione è a rischio a causa di condizioni meteorologiche estreme o di un’epidemia di malattie. In tal caso, la raccolta dovrebbe iniziare da lì. Se fossero due le persone che raccolgono le olive per albero, dovrebbero iniziare dallo stesso punto e muoversi in cerchio e in modo sfalsato per non calpestare i frutti caduti. In nessun caso devono essere utilizzati sacchetti di plastica o iuta. L’agricoltore, invece, può raccogliere le olive in cassette di plastica, dove avviene un migliore ricambio d’aria. La ricerca di un buon frantoio è fondamentale in quanto il processo di estrazione dell’olio può incidere notevolmente sulla qualità del prodotto finale (degrado della qualità fino al 50%). In conclusione, il sig. Kokkinelis ha sottolineato l’importanza della formazione costante degli olivicoltori e la necessità di unire le forze creando cooperative di produttori. Infine, l’attuazione di buone pratiche agricole e la standardizzazione dell’olio d’oliva possono aggiungere un valore significativo al prodotto finale.

 

Messara, Creta: L’implementazione di tecniche ben studiate è il segreto del successo di ἔ.thoς di Creta e di Markos Kelly.

Nella parte più meridionale della Grecia, la famiglia di Markos Kelly produce un olio d’oliva che viaggia dalla Scandinavia alla Gran Bretagna e presto in Giappone e negli Stati Uniti. L’oliveto di 35.000 metri quadrati (3,5 ettari), con Koroneiki, si trova ai piedi dei monti Asterousia ad un’altitudine di 250-300 metri. Essendo un olivicoltore di sesta generazione e costantemente impegnato ad arricchire le sue conoscenze, il signor Markos Kelly sceglie di perseguire la qualità rispetto alla quantità e di “bloccare” gli aromi fruttati nel suo olio d’oliva raccogliendo il 20 ottobre con abbacchiatori pneumatici. L’inizio della colorazione viola sulla buccia del frutto e le estrazioni di piccole quantità di olio che danno dati sul contenuto, sui fenoli e sulle caratteristiche organolettiche, forniscono un doppio e affidabile segnale per la raccolta. “E’ ancora abbastanza comune vedere persone che raccolgono le olive dagli alberi a gennaio, anche a marzo. Questa tecnica può ridurre drasticamente sia la qualità dei frutti che la resa della stagione successiva. I terreni agricoli piccoli e frammentati e la mancanza degli operai ritardano la raccolta». cita l’agricoltore. Dopo la raccolta e utilizzando solo cassette per trasferire i frutti al frantoio, l’estrazione dell’olio d’oliva inizia entro 5 ore.

 

Apollo, Rodi: Gianna Leventi raccoglie a inizio novembre

Con metodi di coltivazione convenzionali e senza irrigazione crescono i 2.000 alberi di varietà Koroneiki e Rhodes, di età compresa tra 20 e 80 anni, che danno i prodotti dell’olio d’oliva Rodian. La forte alternanza è un problema comune nell’isola, afferma l’agricoltrice Gianna Leventi. La raccolta inizia a novembre e si protrae fino a gennaio, utilizzando solo raccoglitrici vibranti con gancio.

 

Plomari, Lesbo: gli uliveti sui ripidi pendii e la varietà a maturazione tardiva Kolovi producono un ricco olio d’oliva di grande interesse culturale.

Ogni varietà coltivata nell’isola ha il suo tempo di maturazione, ma Kolovi è l’ultima, spiega l’agricoltore Apostolos Toumanis che ne coltiva 4.000 alberi. “E’ un errore comune lasciare le olive sugli alberi molto dopo la loro maturazione e credere che producano più olio. In questo modo, la qualità del prodotto diminuisce, ed è in gioco anche la produzione dell’anno prossimo” dice il contadino. Per produrre un olio di oliva verde ricco di polifenoli e aromi, il sig. Toumanis inizia la raccolta delle olive a novembre. Negli anni in cui gli alberi non sono sovraccarichi di olive, la raccolta potrebbe iniziare un po’ più tardi. Come la maggior parte delle altre attività, anche la raccolta è impegnativa negli uliveti dell’isola a causa dei ripidi pendii del terreno. L’unica attrezzatura adatta in queste circostanze è la raccoglitrice vibrante portatile (con gancio). La potatura avviene circa il 10-15 di marzo. Utilizzando principalmente seghe e forbici a movimento manuale e rimuovendo la minima quantità possibile di rami, la potatura è un lavoro molto delicato per il signor Toumanis. Ogni 3-4 anni si effettuano potature più pesanti con motoseghe per ridurre l’altezza degli alberi.

 

Stylida, Phthiotida: raccolta eseguita solo a mano per produrre l’olio d’oliva “d’oro” Amfora Icons

Con un’esperienza secolare, l’olivicoltura è una tradizione di famiglia per il signor Giorgos Mpalatsos. L’oliveto di 10.000 alberi di varietà Amfissis, di 100-600 anni, si trova nel monte Othris. I frutti prodotti vengono utilizzati sia come olive da tavola che per l’estrazione dell’olio. Gli alberi mostrano una forte tolleranza alla siccità e agli sbalzi di temperatura e, nonostante la loro media produttività, i frutti sono di alta qualità e ricchi di zuccheri. Per garantire questa qualità superiore e creare un olio d’oliva premium, il signor Mpalatsos raccoglie a mano 2.000 dei suoi alberi nella seconda metà di ottobre. “Raccogliamo i frutti delle olive quando sono tra la terza e la quinta fase di maturazione, quando il colore della buccia cambia dal giallo al viola chiaro. Abbiamo scelto di raccogliere a quel punto perché vogliamo un’alta concentrazione di polifenoli e un sapore ricco”, spiega l’agricoltore. Le olive da tavola, invece, vengono raccolte verdi a settembre, a mano e con abbacchiatore vibrante con uncino. In base alle condizioni ambientali e alle previsioni meteorologiche, l’agricoltore pota i suoi alberi nel periodo gennaio-febbraio, per evitare danni da gelo.

 

Stylida, Phthiotida: nei mercati internazionali come prodotto standardizzato, il 90% delle olive da tavola Konservolia dei membri della cooperazione dei produttori di olive Stylis.

I 750 membri della Cooperazione producono olive Konservolia verdi e nere sulla base di un sistema di gestione integrato. La maggior parte degli oliveti presenta una forte pendenza (fino a 20º), rendendo la raccolta tediosa e quasi impossibile l’uso di macchine a trattore. A mano, a pettine o con raccoglitrici vibranti, i contadini iniziano a raccogliere le olive verdi dopo le prime piogge di settembre. I frutti delle olive nere più sensibili vengono raccolti successivamente, esclusivamente a mano. Non è necessario il diradamento dei frutti. La maggior parte degli agricoltori pota i propri alberi a marzo.

 

Itea, Focide: “Dobbiamo allontanarci dalle tecniche e dalle credenze obsolete”, sottolinea l’agricoltore Panagiotis Danatzis.

Gli olivi di Panagiotis Danatzis fanno parte del più grande oliveto tradizionale dei Balcani, protetto dall’UNESCO. L’agricoltore ha deciso di utilizzare una varietà di oliva da tavola, come l’Amfissis, per produrre un olio d’oliva pregiato, il “Socrate”. “Siamo consapevoli che l’olio che otterremo sarà poco, ma la qualità del prodotto ci premia. Abbiamo bisogno di 12-13 chili per estrarre 1 chilo di olio d’oliva”, cita Signor Danatzis. La maggior parte degli olivicoltori della zona sono soliti raccogliere alla fine di febbraio. Quando il signor Danatzis ha iniziato a raccogliere le olive sette anni fa alla fine di settembre, tutti pensavano che fosse pazzo. “Per me è stato facile applicare le tecniche corrette e le fresche idee fin dall’inizio perché non avevo alcuna esperienza precedente. Capisco che per gli agricoltori più anziani, il passaggio a una vendemmia anticipata è ancora impensabile o almeno più difficile. Tuttavia, è essenziale che il settore dell’olio d’oliva greco investa nella qualità poiché non possiamo competere con paesi come la Spagna o la Turchia in termini di quantità”, afferma l’agricoltore. Per mantenere la buona salute e la qualità delle olive, la raccolta avviene quando le condizioni ambientali lo consentono (senza pioggia per 2-3 giorni prima e dopo la raccolta). Nella regione, dai tempi antichi fino a 20 anni fa, la maggior parte delle persone usava bastoncini di legno per raccogliere le olive dagli alberi. Ultimamente, sempre più agricoltori, come il sig. Danatzis, hanno scelto di orientarsi verso una raccolta più meccanizzata utilizzando raccoglitrici vibranti con uncino.

 

Messolonghi, Etoloakarnania: L’obiettivo di Panagiotis Papachristos è quello di lasciare 50 chili di olive per albero dopo il diradamento dei frutti.

In un oliveto semi-montano con pendenza si trova la tenuta Kakkavos con 7.000 alberi di varietà Koroneiki, Koutsourelia e Kalamon. L’irrigazione è applicata nel 50% degli olivi, mentre tutti sono coltivati ​​con sistema biologico. Per ottenere olive da tavola più grandi con grandi caratteristiche qualitative, l’agricoltore applica il diradamento dei frutti alla varietà Kalamon, puntando a una resa finale di 50 chili di olive per albero. Per la produzione dell’olio di oliva verde, il sig. Papachristos continua la tradizione di famiglia e raccoglie all’inizio di ottobre, mentre per le olive da tavola la raccolta inizia alla fine dello stesso mese. In entrambi i casi, l’agricoltore utilizza macchine vibranti manuali. Quando il processo sarà completato, sterilizzare gli alberi con il rame li proteggerà da qualsiasi infezione fungina, spiega l’agricoltore.

 

Trikeri, Magnisia: Raccolta anticipata e un microclima ideale “formano” lo speciale olio d’oliva Aladanon del sig. Aris Sarhgiannis.

L’oliveto biologico con 3.500 piante di varietà Piliou si trova in un terreno roccioso e asciutto ricoperto di ladano. L’eccezionale microclima della zona sembra essere responsabile delle caratteristiche uniche dell’olio d’oliva “Aladanon”, spiega l’agricoltore Sarhgiannis. È interessante notare che il contenuto di polifenoli (con più di 450 mg/kg) nelle olive prodotte da questa azienda è molto più alto rispetto a un altro oliveto, in un campo diverso, che l’agricoltore coltiva con le stesse tecniche e varietà. “Quando l’oliva diventa nera, stiamo perdendo i preziosi polifenoli”, dice l’agricoltore, che sceglie di raccogliere presto. Prima della siccità e dell’ondata di caldo dell’estate 2021, il piano del signor Sarigiannis era di raccogliere alla fine di agosto. Con i nuovi dati, ha deciso di iniziare a ottobre, anche più tardi rispetto a prima. Come per le olive che verranno utilizzate per la produzione dell’olio, così per la raccolta delle olive da tavola viene utilizzato un abbacchiatore a batteria 12V. L’agricoltore ha notato che con questo metodo non si provocano danni misurabili alla buccia delle olive da tavola. Dopo la raccolta le olive vengono poste in cassette in luogo fresco e ombreggiato. Il processo di estrazione dell’olio di solito inizia entro lo stesso giorno o la mattina dopo. Sapendo che la potatura con o subito dopo il raccolto metterà in pericolo gli alberi durante l’inverno, il signor Sarigiannis aspetta fino a marzo per rimuovere almeno i polloni.

 

Paliabela, Vonitsas: La sperimentazione con il tempo e il modo di raccolta aggiornano costantemente l’olio d’oliva Agalis di Nikolas Stogiannos.

A Paliabela, a soli 750 metri dal mare, si trovano i 4.000 giovani alberi irrigati a pioggia della varietà Koroneiki che producono l’olio d’oliva Agalis. Il periodo di raccolta per il Sig. Stogiannos inizia a fine ottobre-inizio novembre, dalla parte dell’oliveto che si trova su un terreno roccioso in pendenza. Nonostante il basso contenuto di olio (11%), le olive in questa fase (con buccia di colore giallastro) offrono un gusto ricco e unico al prodotto finale. La raccolta prosegue nella parte dell’oliveto dove l’agricoltore è maggiormente preoccupato per un possibile focolaio di malattia o dove la resa è maggiore. In questo modo, garantisce gran parte della sua produzione. Di conseguenza, al termine della stagione della raccolta, l’agricoltore crea una miscela con l’olio estratto dal 50% di frutta gialla e 50% di frutta nera.” Unendo l’olio di oliva di raccolta anticipata con quello estratto dalle olive più mature, abbiamo un prodotto finale con aromi, sapore delicato e un contenuto fenolico soddisfacente che i nostri clienti preferiscono.”, cita l’agricoltore. Inoltre, il signor Stogiannos, turbato dalla mancanza di lavoratori disponibili e abili, ha provato per la prima volta (nel 2021) un nuovo raccoglitore collegato a un trattore. La potatura avviene a febbraio, mentre i prolungati fenomeni di siccità degli ultimi anni preoccupano il sig. Stogiannos, che sta valutando la possibilità di trasformare il suo oliveto in irriguo.

 

Schimatari, Biotia: “Raccogliamo a metà ottobre poiché anche due settimane di ritardo aumentano l’acidità dell’olio d’oliva prodotto”, affermano Marina Korlou e Kostas Tasias.

L’eccellente qualità dell’olio d’oliva Aulis non è casuale, ma è il risultato del continuo duro lavoro dei due agricoltori, Marina Korlou e Kostas Tasias. L’oliveto di Schimatari è composto da 200 piante di varietà Megaritiki ed Evia, di età compresa tra 40 e 50 anni. I due giovani agricoltori con l’obiettivo di produrre un olio di oliva a bassissima acidità, ricco di fenoli, aromi e sapore, hanno deciso di raccogliere nella seconda metà di ottobre. Tuttavia, le prime piogge inaspettate alla fine di settembre 2021 hanno permesso loro di iniziare il processo un po’ prima. “La raccolta in tempo (o prima) è fondamentale per la qualità dell’olio d’oliva poiché anche un ritardo di due settimane può aumentare l’acidità dello 0,2%”, spiega il signor Tasias. Le olive vengono raccolte con abbacchiatori pneumatici poste in crateri. L’estrazione dell’olio inizia il pomeriggio dello stesso giorno della raccolta o la mattina del giorno successivo. Infine, gli agricoltori hanno affermato che a causa delle gelate tardive più comuni degli ultimi anni, ritardano la potatura dei loro alberi. Infatti, le abbondanti nevicate di fine febbraio 2021 li hanno costretti a potare a marzo.

 

Lixouri, Cefalonia: Con pratiche basate sul sistema biodinamico, la signora Eleni Skafida produce i prodotti organici di Ellia.

Continuando la tradizione di famiglia, il giovane agricoltore coltiva 100 olivi di 50 anni delle varietà Koroneiki, Korfolia e Ntopia. Tutti gli alberi crescono con metodi rigorosamente biologici e, come ha detto la signora Skafida, soffrono di un’alternanza intensa. La raccolta inizia a metà ottobre, come nella maggior parte degli uliveti dell’isola, e dura circa un mese. “Vorremmo idealmente raccogliere 2-3 settimane prima, ma il contenuto di olio dei frutti è ancora piuttosto basso rispetto alle nostre esigenze”, spiega l’agricoltore. L’intero processo è lento e viene eseguito a mano (spremitura) e con rastrelliere in plastica spostabili a mano. In alcuni casi, la signora taglia dei rami pieni di olive e li mette in un separatore posizionato in terra per raccogliere i frutti. Infine, la famiglia pota gli alberi nel mese di febbraio.

 

Trizina, Argolis: Più precoce è la raccolta, più forte è la forza di distacco dei frutti, spiega il signor Thanos Tsigras.

Con un oliveto di 9 ettari di alberi di Manaki e Koroneiki sparsi nella zona di Trizina, il signor Tsigras produce l’olio d’oliva biologico Teseo. Alcuni alberi sono irrigati mentre altri no. Con l’obiettivo di produrre olio d’oliva di alta qualità, l’agricoltore sceglie di raccogliere presto, a partire dal 10-20 ottobre per gli alberi Manaki e intorno al 5-10 novembre per gli alberi Koroneiki (più tardivi). Tuttavia, la siccità prolungata di quest’anno ha fatto ritardare la maturazione delle olive, poiché i frutti, negli alberi aridi, sono disidratati. “Stiamo aspettando la pioggia. Poi sarà più facile determinare la data esatta in cui inizieremo la raccolta”, afferma l’agricoltore. Nonostante ciò, la raccolta anticipata ha molti vantaggi per la qualità e il profilo organolettico dell’olio d’oliva, ma presenta anche un problema. L’elevata forza di distacco delle olive premature rende più difficile la raccolta, costringendo l’agricoltore ad aumentare la vibrazione degli abbacchiatori pneumatici utilizzati. Queste nuove impostazioni causano un’ampia perdita di foglie, cosa che preoccupa l’agricoltore. Dopo il raccolto, il signor Katsigras spruzza rame sui suoi alberi e li pota più tardi verso gennaio.

 

Astros Kynourias: “Le olive maturano prima di anno in anno”, afferma la signora Antonia Ksenou

I 300 alberi della varietà Xontroelia Kynourias producono olive gigantesche e di alta qualità che raggiungono il mercato con il marchio Olivitsa. Secondo l’agricoltore, gli alberi hanno un’elevata richiesta di acqua, quindi l’installazione di un sistema di irrigazione nell’oliveto era l’unica opzione. La fruttificazione alternata non è grave, ma negli anni con un carico di frutta significativo, la signora Ksenoy esegue un diradamento precoce dei frutti. “Tradizionalmente, abbiamo iniziato a raccogliere le olive a metà ottobre. Tuttavia, abbiamo notato che le olive maturano sempre più presto negli ultimi anni, spostando il giorno della raccolta verso la fine di settembre”, afferma l’agricoltore. La signora Ksenou preferisce la raccolta tradizionale, a mano, per evitare di ferire le olive. La lavorazione delle olive da tavola raccolte avviene in botti speciali, senza acidi e conservanti chimici. Ogni anno, nel mese di febbraio, l’agricoltore effettua solo una leggera potatura degli alberi, mentre, una volta ogni due anni, esegue una potatura più rigorosa.

 

 Krokees, Lakonia: aumentare il valore del prodotto coltivando biologicamente.

Il signor Eythymios Xristakos ha deciso di cambiare il sistema di coltivazione applicato ai suoi 3.000 olivi da convenzionale a biologico. L’oliveto di oltre 600 anni ha alberi di tre diverse varietà, Koroneiki, Smyrtolia e Kalamon, con le olive di quest’ultima da utilizzare sia come olive da tavola che per la produzione di olio d’oliva. Per la produzione dell’olio di oliva da raccolta precoce, ricco in polifenoli, la raccolta inizia a metà ottobre, basata su estrazioni micro-oleose che ne verificano il grado di maturazione. Per un olio d’oliva dal sapore più delicato, l’agricoltore utilizza frutti che sono stati raccolti a metà novembre. In entrambi i casi raccoglie le olive utilizzando abbacchiatori vibranti con gancio. Per aiutare i suoi alberi a produrre olive da tavola più grandi e ben formate, il signor Christakos applica il diradamento dei frutti negli alberi di Kalamon. La potatura avviene subito dopo la raccolta. Sebbene l’agricoltore riconosca che combinare queste attività non sia la tecnica più appropriata, ritiene che gli inverni miti della zona consentano tale pratica.

 

Gythio, Lakonia: raccogliendo le olive in anticipo, Helianna Zafeirakou e Dimitris Tsitsos hanno notato un aumento della resa.

L’amore personale di entrambi gli agricoltori per il gusto dell’olio d’oliva a raccolta anticipata (agoureleo) li ha convinti a provare una raccolta anticipata in un terzo (1/3) dei loro alberi. Il risultato; I consumatori lo adoravano. L’oliveto responsabile di questo eccezionale prodotto finale si trova a pochi metri dal mare, nella parte sud del Peloponneso. Ha 800 alberi di Koroneiki e 200 alberi di varietà Kalamon, vecchi di oltre un secolo, che crescono senza irrigazione e in modo biologico. La giovane coppia sceglie di non utilizzare alcuna fertilizzazione chimica o lavorazione del terreno. Invece, applicano un composto organico sulle foglie e sui rami danneggiati durante la potatura, una tecnica che aumenta la disponibilità di acqua del terreno. “È stato sorprendente vedere alberi che non producono olive da anni, produrre di nuovo”, afferma il signor Tsitos. Di solito, la raccolta inizia i primi giorni di novembre dagli alberi di Koroneiki, quando il frutto dell’oliva è ancora verde. Il prossimo in linea è Kalamon, mentre la raccolta dell’oliveto si completa con la raccolta delle ultime olive nere dagli alberi di Koroneiki. La famiglia Zafeirakou utilizza, come la maggior parte degli agricoltori oggigiorno, raccoglitori vibranti con un gancio. Fino all’acquisto delle casse, i contadini raccolgono le olive raccolte in sacchi di juta e le svuotano in contenitori quando arrivano al frantoio. Infine, potano gli alberi subito dopo il raccolto poiché è più conveniente.

 

Filiatra, Messinia: “Le olive maturano prima a causa del microclima della zona”, afferma Basilis Kitsos.

Nonostante i molti anni di esperienza con il raccolto, il signor Kitsos ha deciso di seguire la tendenza moderna e raccogliere in anticipo. L’Azienda Agricola Messiniana conta oltre 4.000 olivi di Koroneiki, la maggior parte da irrigare, situati in pianura e collina. L’età media è di 70 anni, i più grandi hanno 200 anni. Per produrre il prezioso olio verde precoce, e con l’aiuto del microclima della zona, la raccolta inizia quando il colore della buccia dell’oliva vira dal verde al giallo. Questo livello di maturazione avviene intorno al 20 settembre. L’agricoltore utilizza raccoglitrici pneumatiche per raccogliere le olive dagli alberi. Come metodo complementare, pota alcuni rami pieni di olive e usa una macchina per separare le olive dalle foglie e dai gambi. Per proteggere i suoi alberi, dopo il raccolto, dalle infezioni fungine, li spruzza con il rame.

 

Labena Messinia: “Possiamo ottenere un olio d’oliva gustoso e ricco di fenoli anche dalle olive disidratate”, afferma Athanasios Theodoropoulos.

La maggior parte degli agricoltori pensa che non ci sia motivo di raccogliere le olive che sembrano rugose e disidratate. Tuttavia, il signor Theodoropoulos ha un’opinione diversa e l’eccezionale qualità dell’olio d’oliva Lezi che produce, conferma che ha ragione. L’oliveto della famiglia Theodoropoulos conta quasi 2000 olivi di varietà Koroneiki. Più di 1.700 di loro si trovano sulla montagna, e la loro età varia tra i 60-80 anni, mentre sono presenti, ovviamente, diversi alberi secolari. Il resto degli olivi è sparso in pianura e sono irrigati. Sebbene sia un olivicoltore di terza generazione, non aveva mai visto nessuno nella zona raccogliere prima del 6 dicembre. Le cose sono cambiate radicalmente per l’agricoltore quattro anni fa. Un anno estremamente precoce, combinato con la crescente convinzione che “prima è, meglio è”, ha portato il signor Theodoropoulos a vendemmiare il 20 ottobre. La quantità finale di olio era un po’ inferiore, ma il miglioramento della qualità è stato sorprendente. Mentre all’inizio la maggior parte dei contadini rideva di lui, presto si sono convinti dei risultati e hanno seguito il suo esempio. Da quel momento in poi, la raccolta inizia sempre a fine ottobre per gli alberi in pianura. Quindici giorni dopo l’agricoltore continua con gli alberi situati in montagna irrigati tramite la pioggia. In entrambi i casi utilizza una macchina raccogli olive con generatore elettrico. La mancanza di pioggia da febbraio a ottobre 2021 ha stressato gli alberi in montagna. “Le olive possono sembrare rugose, ma possono comunque dare un olio di alta qualità”, ammette l’agricoltore. La forte pendenza dell’uliveto rende difficile l’uso delle cassette, per questo il contadino raccoglie le olive in sacchi di juta. L’estrazione dell’olio avviene entro un giorno dalla raccolta.

 

Agios Mattheos, Corfù: un record mondiale nel contenuto di fenoli per l’oliva The Governor prodotta dalla varietà Lianolia.

A Corfù, il 65% della totalità delle piante sono olivi. L’oliveto dell’isola, con la varietà autoctona denominata Lianolia, è classificato tra i più antichi di tali dimensioni al mondo (piante di 400-1.500 anni). Nonostante la lunga tradizione nella coltivazione dell’olivo, non si osserva alcuna specializzazione o miglioramento dei metodi utilizzati. La maggior parte degli agricoltori posa le reti nel terreno a novembre e raccoglie i frutti troppo maturi che cadono naturalmente dagli alberi fino a giugno. Non molto tempo fa, la gente credeva anche che durante la gramolatura della pasta di olive la temperatura dovesse essere estremamente alta. Avendo sperimentato il decadimento della coltivazione dell’olivo, Spyros Dafnis decise di viaggiare all’estero e di acquisire nuove conoscenze che avrebbe potuto applicare nel suo oliveto. “Il primo anno, il risultato è stato ancora deludente e si sono resi conto che era necessario uno sforzo maggiore per essere il più precisi possibile. Dopo due anni, un’analisi chimica del nostro olio d’oliva ha sorpreso tutti. L’olio d’oliva “Il Governatore” si è distinto nella Olympia Awards 2016, battendo un record mondiale nel contenuto totale di fenoli (2.377 mg/kg), con una concentrazione di oleocantale di 980 mg/kg”, spiega Dafnis. Ora, l’oliveto di famiglia conta 10.000 alberi di varietà Lianolia e quasi 2.500 di Koroneiki. “Gli alberi sembrano più una foresta. Molti di loro sono stati abbandonati per anni e raggiungono i 15-20 metri di altezza. Stiamo cercando di abbassarli con la potatura, ma ci vuole molto tempo. Per raccogliere le olive da alberi così alti, usiamo uno scuotitore del tronco e applichiamo anche la vibrazione nei rami più grandi. Le temperature insolitamente elevate, anche in ottobre, degli ultimi due anni costituiscono uno dei problemi più importanti degli agricoltori. “L’anno scorso abbiamo sperimentato raccogliendo e facendo estrazioni di olio nel tardo pomeriggio o molto presto la mattina per tutelare la qualità del nostro prodotto. Quest’anno stiamo valutando anche l’utilizzo di un camion frigorifero per il trasporto delle olive dal campo al frantoio. L’estrazione dell’olio avviene entro 2-4 ore dalla raccolta nel nostro frantoio privato situato nel cuore dell’oliveto” ricorda il Sig. Dafnis.

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Nederlands Ελληνικά

La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.