Preparare gli alveari per l’inverno

Preparazione invernale dell’alveare – Come preparare gli alveari per l’inverno

L’inverno è la stagione più impegnativa per le api, soprattutto se l’apicoltore non ha preparato adeguatamente gli alveari. Durante questi mesi più freddi dell’anno, si verificano la maggior parte delle perdite. In primavera e in estate il successo della crescita e della produzione di miele delle colonie è fortemente correlato alla loro preparazione per l’inverno precedente e al loro corretto svernamento. Alcuni apicoltori affermano che è normale perdere il 20-40% delle colonie durante un inverno rigido, quindi non rimanere deluso se ciò accade. La chiave è essere proattivi piuttosto che reattivi.

La preparazione dell’alveare invernale differisce significativamente da un luogo all’altro. Nessuno può darti consigli precisi al 100% a meno che non abbia vissuto come apicoltore attivo per diversi anni nella tua regione. Tuttavia, elencheremo le azioni e le precauzioni più comuni degli apicoltori, la maggior parte delle quali deve avvenire in autunno (settembre-ottobre nella maggior parte delle aree):

1) Durante l’inverno, potremmo dover trasferire i nostri alveari in zone soleggiate, ben drenate, protette dai forti venti. Se li trasferisci, assicurati di scegliere un punto ad almeno 4,8 km di distanza dalla posizione iniziale. Altrimenti, se non si applicano misure di riorientamento, le api bottinatrici possono confondersi e tornare nel posto iniziale.

2) Controllare i parassiti durante l’autunno (settembre-ottobre nella maggior parte delle aree). Se il numero di parassiti fosse in aumento, potrebbe essere necessario prendere misure drastiche (chiedi a un esperto locale). Durante l’inverno, il ciclo naturale riduce intenzionalmente la popolazione di api in una colonia in modo che l’alveare abbia meno bisogno di energia e più possibilità di sopravvivere. Tuttavia, il risultato potrebbe non essere lo stesso nella popolazione di parassiti, che si riduce a un ritmo molto più lento. Se salti questo passaggio, potresti finire con un alto rapporto “parassiti/api” durante l’inverno.

3) Effettuare l’ispezione standard dell’alveare e cercare una nuova regina produttiva al suo interno. Una regina giovane e fiorente è necessaria per una buona crescita durante l’autunno e la sopravvivenza della colonia durante l’inverno. Durante l’autunno, la regina dovrebbe deporre molte uova, dalle quali emergeranno migliaia di operaie. Contrariamente ai lavoratori che sono emersi durante la primavera e hanno una durata media di sei settimane, questi lavoratori vivranno in media 4-5 mesi e svolgeranno il pesante compito di riscaldare l’alveare e mantenere calda la regina. Durante il tardo autunno, la regina è geneticamente programmata per smettere di deporre le uova fino alla prossima primavera. Di conseguenza, la capacità di riproduzione durante l’autunno è forse il fattore più cruciale per la sopravvivenza della colonia. Se vedi che non sta facendo il suo lavoro correttamente, potresti doverla sostituire il prima possibile.

4) Come regola generale, è necessario avere meno spazio per la stessa popolazione di ogni alveare nelle regioni con inverni lunghi e freddi. Il nostro obiettivo è avere più api per unità di spazio, così avranno bisogno di meno energia per riscaldare il loro posto. Inoltre, in questo modo, gli intrusi troveranno meno spazio e quindi saranno scoraggiati dall’entrare in un determinato alveare. La maggior parte degli apicoltori rimuove tutti i melari vuoti dal tardo autunno.

5) Crea una combinazione di colonie deboli con colonie più forti. Secondo il vecchio slogan degli apicoltori, avere due colonie forti in primavera è meglio di quattro colonie morte. Potrebbe essere necessario combinare colonie deboli con colonie forti (non combinare mai due colonie deboli).

6) Rimuovere i telai con miele non finito, poiché potrebbe causare la dissenteria alle api.

7) Controllare regolarmente se le scorte di cibo sono adeguate. Il miglior cibo per lo svernamento è il miele che hanno prodotto e immagazzinato. C’è una grande disputa sulla quantità minima di miele richiesta per lo svernamento. Gli apicoltori partono da 20 kg per alveare in climi miti fino a 60 kg o più nelle regioni con inverni rigidi. La durata dell’inverno di solito ha un impatto significativo sul tasso di consumo. Molti apicoltori utilizzano anche i famosi sciroppi di zucchero, ovvero varie miscele fatte in casa di 2 parti di zucchero e 1 parte di acqua, a cui spesso vengono aggiunti olii essenziali di timo (chiedere agli esperti locali). Altri apicoltori usano glasse speciali. Tieni presente che tutti questi sciroppi e glasse vengono messi con cura all’interno degli alveari perché altrimenti attireranno altri insetti e predatori. Alcuni apicoltori riferiscono di aggiungere 2,2 kg di zucchero semolato secco all’interno dell’alveare in rari casi, come ultimo tentativo di evitare la fame e la morte delle loro api durante l’inverno. In Canada, dove la temperatura spesso scende sotto i -30°C, alcuni apicoltori mettono una quantità di zucchero di 22 kg all’interno dell’alveare come routine. Tieni presente che lo zucchero con additivi può creare dissenteria. Si stima che per un alveare debole di 5 telai siano sufficienti 1,3 kg di cibo per due settimane nel periodo invernale. Anche il polline è necessario, quindi molti apicoltori usano miscele di caramelle con polvere di polline se non c’è abbastanza scorta nell’alveare.

8) Nelle zone con inverni lunghi e freddi, è utile posizionare una grossa torta di zucchero nella parte interna del tetto (questo assicura la presenza di un’adeguata scorta alimentare e isola dal freddo).

9) Bloccare gli ingressi dell’alveare (soprattutto gli ingressi bassi) in modo che i topi e altri potenziali invasori non riescano ad entrare. Tuttavia, una buona ventilazione è essenziale per la sopravvivenza delle api, quindi devi lasciare una piccola fessura aperta. Puoi usare speciali protezioni sollevate per topi. Molti apicoltori riducono anche l’ingresso superiore.

10) In caso di forte vento nella tua zona, puoi posizionare una pietra pesante nella parte superiore per evitare che l’alveare si muova.

11) Molti apicoltori isolano anche i propri alveari avvolgendoli con apposita carta catramata o semplice carta da tetto. Naturalmente, lasciano sempre un ingresso adeguato, poiché una buona ventilazione è necessaria per la sopravvivenza delle api. Tuttavia, in alcuni climi, questo metodo si traduce in un rapido aumento dell’umidità all’interno dell’alveare. Cerca consigli dagli apicoltori locali e osserva se altri apicoltori avvolgono i loro alveari.

12) Non aprire l’alveare durante le fredde giornate invernali, non importa quanto tu sia ansioso. Il calore svanirà rapidamente e le api avranno bisogno di molto sforzo ed energia per creare nuovamente questo calore. Usa il buon senso. Aprilo per meno di un minuto e solo quando la temperatura è salita al di sopra di determinati livelli (chiedere agli esperti locali).

13) È buona norma controllare regolarmente e pulire l’area circostante agli alveari da rifiuti e vegetazione indesiderata. Ad esempio, se un gatto, un piccolo riccio o un procione è morto da qualche parte vicino agli alveari e non è stato rimosso, l’odore attirerà sicuramente molti potenziali intrusi (topi, insetti ecc.). Avere un’area circostante pulita garantisce l’igiene e non offre rifugio a potenziali invasori. Questo vale tutto l’anno, ma le nostre colonie sono più vulnerabili agli intrusi durante l’inverno.

  1. Apicoltura per principianti
  2. Struttura e organizzazione della società delle api da miele
  3. Come viene prodotto il miele dalle api?
  4. Fornitura di alveari e attrezzature
  5. Luogo e posizionamento dell’alveare
  6. Come nutrire le api?
  7. Sciame di api da miele
  8. Preparare gli alveari per l’inverno
  9. Raccolta del miele
  10. Malattie e parassiti comuni delle api
  11. Parassiti principali delle api
  12. Principali malattie delle api
  13. Avvelenamento delle api causato dai pesticidi
  14. Domande e risposte sulle api

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी العربية Türkçe Русский Ελληνικά Português Tiếng Việt Indonesia

La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.