Plumbago – Il fiore del cielo

Il noto Plumbago, o fiore del cielo, è uno dei modi più semplici e veloci per dare una colorazione blu a un giardino, terrazzo o balcone.

Il Plumbago ha guadagnato questo soprannome da tutte le sfumature dei colori celesti che hanno i suoi fiori.

Molti giardinieri e amanti delle piante combinano il blu etereo dei fiori di Plumbago con i fiori rosa e rossi delle bouganville e li piantano fianco a fianco, in terra o in vaso.

Il Plumbago (Plumbago auriculata, Plumbaginacee) è una pianta perenne originaria del Sudafrica. Si arrampica facilmente, quindi si può vedere spesso sopra il tronco di un albero o su un punto fisso (es. recinzione) raggiungere, in alcuni casi, un’altezza di oltre 4 metri. Per questo motivo, e per la vigorosa vegetazione che produce, il Plumbago viene spesso utilizzato come recinto naturale per garantire la privacy in un cortile. Possiamo sfruttarlo anche per coprire terreni in pendenza.

Plumbago è una delle piante “Pianta e dimentica” per via delle cure minime necessarie per crescere. Di conseguenza, è una pianta ideale per i giardinieri principianti. È una pianta sempreverde o semi sempreverde a seconda delle condizioni ambientali. In diverse zone, con inverni miti e temperature che raramente scendono sotto lo zero, la pianta conserva le foglie tutto l’anno e in alcuni casi fiorisce anche in quel periodo.

Il Plumbago può anche crescere bene in vaso. In questo caso, può conferire al nostro balcone un tono vivace fungendo allo stesso tempo come una bellissima recinzione naturale.

Per fare crescere in un vaso il Plumbago, che prospererà e fiorirà per diversi anni, dobbiamo seguire i seguenti passaggi:

  1. Comprare una pianta di Plumbago

Iniziamo con l’acquisto di una pianta di Plumbago dal vivaio locale in tarda primavera o all’inizio dell’estate. Il prezzo di 3 vasi medi con piante alte 1-1,5 metri costa circa 22 euro.

  1. Potatura

Dopo aver acquistato il Plumbago, la prima cosa da fare è pulirlo rimuovendo la vegetazione secca e i fiori appassiti, utilizzando delle forbici da potatura. Per prima cosa tagliamo fino alla ramificazione precedente tutti i fiori maturi, che hanno cominciato la senescenza. In questo modo, aiuteremo la pianta a concentrare le sue risorse e i suoi preziosi nutrienti su un numero ridotto di fiori e giovani boccioli ma di maggiore qualità. Le forbici che utilizzeremo durante la rimozione dei fiori appassiti devono essere di alta qualità e accompagnate dai certificati corrispondenti.

  1. Trapianto

Subito dopo le prime potature leggere, bisogna trapiantare le piante di Plumbago in vasi più grandi, idealmente di terracotta. A differenza della plastica, questo materiale poroso aiuta a ridurre l’eccessiva umidità del suolo. Ovviamente, indipendentemente dal materiale, dobbiamo aprire dei fori sul fondo del vaso per consentire un veloce drenaggio dell’acqua in eccesso.

La pianta di Plumbago non ha requisiti speciali per quanto riguarda il suolo. Possiamo scegliere terriccio che fornisce un buon drenaggio e possiamo mescolarlo con sabbia di fiume, aggiungendo un po’ di compost alla fine.

Selezione della migliore posizione per il nostro vaso di fiori

Come in molte piante ornamentali, dobbiamo selezionare un punto appropriato per posizionare i nostri vasi. Se l’area non è abbastanza soleggiata e non ha accesso diretto alla luce solare per almeno 6 ore al giorno, il Plumbago produrrà fiori (cachettici) di quantità e di qualità ridotta. In questo caso la crescita della vegetazione verde prevarrà sulla fioritura. Dovremmo anche fare attenzione a scegliere un posto protetto (non esposto al vento), poiché i forti venti disperderanno i suoi fiori delicati.

Fertilizzazione della pianta di Plumbago

Quando il Plumbago cresce in vaso, invece che nel terreno, potrebbe essere necessario aggiungere alcuni nutrienti. La fertilizzazione ha un ruolo cruciale, soprattutto durante il periodo primavera-estate. È meglio usare un fertilizzante NPK solubile in acqua 7-7-7 o 10-10-10 ogni sei-otto settimane. Il dosaggio esatto è riportato dal produttore nell’etichetta del prodotto, ma di solito si scioglie una quantità pari ad un tappo in 3 litri di acqua. La quantità di questa soluzione è sufficiente per innaffiare due vasi grandi. Bisogna fare attenzione a non bagnare le foglie. È meglio fare l’ultima concimazione alla fine dell’estate e non oltre (autunno), poiché ciò potrebbe causare problemi alla pianta.

Fabbisogno idrico del Plumbago – Irrigazione del Plumbago

Il Plumbago ha generalmente un fabbisogno idrico moderato. Anche durante le alte temperature estive, può superare lo stress causato dalla mancanza d’acqua per 2-3 giorni. Come regola generale, in primavera la pianta del Plumbago va innaffiata, in media, una volta alla settimana, mentre durante l’estate, va innaffiata da 2 a 3 volte a settimana. È bene innaffiarla solo dopo aver controllato l’umidità del terreno per capire se il terreno è asciutto.

Potatura delle piante di Plumbago

In piante come il Plumbago che presentano una crescita accelerata e sono abili rampicanti, la potatura è essenziale. La potatura può servire come modo per modellare la pianta in un cespuglio compatto, incoraggiarla ad arrampicarsi su un punto fisso o coprire un terreno in pendenza. Tuttavia, se lo lasciamo completamente non potato per fare in modo che si diffonda in maniera incontrollata, sarà molto difficile limitarlo di nuovo in seguito. In ogni caso, una rigorosa potatura avviene a fine inverno – inizio primavera e interromperà in modo significativo la crescita vegetativa e la fioritura nella prossima stagione di crescita. Il Plumbago fiorirà vigorosamente per alcune settimane dopo una rigorosa potatura, siccome questa pianta fiorisce durante la nuova crescita vegetativa. Non aver paura di rimuovere anche i grandi germogli dalla loro base. In via complementare, possiamo eseguire cimature e deadheading durante la stagione di crescita.

Trapiantare in un vaso più grande ogni tre anni circa

Iniziamo nella primavera-estate del primo anno con un vaso relativamente piccolo (ma più grande del vaso in cui abbiamo comprato il Plumbago dal vivaio). Ad esempio, i vasi nella foto che abbiamo acquistato dal vivaio erano 6-9 litri e li abbiamo trapiantati in vasi da 20 litri.

Il cambio di vasi, dal più piccolo al più grande, deve avvenire gradualmente, ad es. dal vaso da 20 litri (solitamente profondo 30 cm) a un vaso da 30 litri (solitamente profondo 38-40 cm) dopo 2-3 anni.

Se seguiamo tutti i passaggi e le basi di coltivazione sopra descritti, le nostre piante di Plumbago vivranno per diversi anni e ci ricompenseranno con numerosi fiori colorati.

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Nederlands

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.