Piantare i mandorli

Trapianto, spaziatura e numero di mandorli per ettaro ed acro

Il trapianto di giovani mandorli in campo può avvenire durante l’inverno (prima della fioritura).

Prima di piantare, dobbiamo etichettare le posizioni degli alberi nel campo. In generale, i mandorli sono piantati seguendo schemi rettangolari o esagonali. I giovani mandorli vengono normalmente piantati a una distanza di 5,5 metri l’uno dall’altro, soprattutto quando il terreno è abbastanza fertile. Se li collochiamo vicini, dopo qualche anno, il sovraffollamento e l’ombreggiamento reciproco degli alberi diminuiranno la quantità e la qualità della produzione e renderanno più difficile la raccolta e la potatura. Tuttavia, metodi innovativi suggeriscono distanze di 1,2 X 1,2 metri, ma con un’aspettativa di vita molto breve degli alberi. Le distanze tipiche sono 6 X 6 metri, 7 X 7 metri e 5,5 X 5,5 metri. Le distanze di 6 X 6 metri permettono una quantità di 109 alberi per acro, o 270 alberi per ettaro, mentre distanze di 7 X 7 metri piedi risultano in 134 alberi per acro o 330 alberi per ettaro. (1 ettaro = 2,47 acri = 10.000 metri quadrati). Tieni presente che i coltivatori commerciali di mandorle piantano una fila di alberi della varietà impollinatrice ogni tre file della varietà principale per garantire l’impollinazione incrociata, necessaria per l’allegagione. Ciò facilita anche la raccolta e la cernita di ciascuna varietà, poiché raccolgono e selezionano ciascuna varietà di mandorle raccogliendo la fila corrispondente.

Successivamente dobbiamo scavare e aprire delle buche nel terreno. I fori hanno tipicamente dimensioni di 45 X 45 cm e una profondità di 60 cm. Tieni presente che i giovani mandorli vengono spesso piantati senza la palla di terra del vivaio. Le piantine vengono spesso piantate all’incirca alla stessa profondità in cui si trovavano nel vivaio, quindi dobbiamo mettere molta terra superficiale alla base dell’apparato radicale delle piantine. Quando si aggiunge il terreno, dobbiamo premerlo delicatamente fino al completo riempimento dei buchi per evitare di danneggiare il giovane e sensibile apparato radicale. Dopo la semina, le piantine devono essere annaffiate. Molti coltivatori di mandorle aggiungono quindi una piccola quantità di letame attorno alla base della piantina. Lo fanno per prevenire la germinazione dei semi delle erbacce e mantenere un’adeguata umidità del suolo. In alcuni paesi, i coltivatori di mandorle mettono uno speciale tappeto contro le erbacce intorno alla base del mandorlo appena piantato. Inoltre, coprono il tronco con una speciale copertura bianca per evitare scottature (chiedere a un agronomo locale autorizzato).

  1. Informazioni sul mandorlo
  2. Come far crescere un mandorlo dal seme
  3. Coltivare mandorli a scopo commerciale
  4. Requisiti climatici del mandorlo
  5. Requisiti e preparazione del suolo del mandorlo
  6. Propagazione del mandorlo
  7. Impollinazione dei mandorli
  8. Piantare i mandorli
  9. Potatura del mandorlo
  10. Fabbisogno idrico del mandorlo
  11. Fertilizzazione del mandorlo
  12. Raccolta e resa dei mandorli
  13. Parassiti e malattie del mandorlo
  14. Domande e risposte sul Mandorlo

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Nederlands العربية Türkçe Português

La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.