Parassiti e malattie comuni della vite

Parassiti

Fillossera

La Phylloxera vastatrix (PLANCHON), è un afide che distrugge l’apparato radicale della vite e per questo motivo in Europa si sono iniziate ad utilizzare piante innestate. Il parassita è originario dell’America, dove la maggior parte delle varietà di vite ha sviluppato un’immunità contro di esso. In Europa è apparso per la prima volta intorno al 1850-60 e da allora è stato uno dei principali nemici della vite. Gli insetti si nutrono delle radici e delle foglie della pianta. Possiamo riconoscere la fillossera per la comparsa di galle sulle radici e talvolta sul fogliame. Il danno alle radici è catastrofico, poiché il parassita può distruggere completamente l’apparato radicale della pianta. L’unica misura di gestione per le varietà europee è l’innesto su portinnesti americani, poiché alcuni sono resistenti alla Fillossera.

Tignoletta della vite

La Lobesia botrana è una falena originaria dell’Italia ed è uno dei parassiti più diffusi in Europa. In America è stato registrato per la prima volta nel decennio precedente. Predilige la vite, ma può attaccare anche la pianta del Rosmarino o del Mandorlo. Le femmine possono deporre più di 30 uova al giorno. Le prime larve si nutrono di foglie, ma le generazioni successive si nutrono di bacche, con conseguente diminuzione della resa.
La misura precauzionale più utilizzata è l’uso di trappole a feromoni, il monitoraggio costante della coltura e la rimozione delle erbe infestanti. Queste trappole attirano gli insetti maschi, tenendoli lontani dalle femmine fertili. Pertanto, riducono la loro riproduzione.

Solo in caso di gravi infestazioni è possibile usare prodotti chimici per il controllo del parassita, qualsiasi applicazione deve essere eseguita sempre sotto la supervisione di un agronomo autorizzato.

Falena delle bacche d’uva

La falena delle bacche, Endopiza viteana o Paralobesia viteana, è un parassita originario del Nord America che può causare gravi perdite economiche nei vigneti. La falena ha 2 o 3 generazioni all’anno. Gli adulti svernano e iniziano a deporre le uova di prima generazione sui grappoli dei fiori alla fine della primavera o all’inizio dell’estate, prima della fase di fioritura. Le larve delle generazioni successive attaccano i frutti per nutrirsi, provocando gravi danni. Quando le nostre uve subiscono un attacco di falena, probabilmente osserveremo delle ragnatele attorno ai frutti e ai fiori. Possiamo anche vedere dei tunnel neri sulla superficie del frutto (le larve sono entrate nella bacca). I frutti attaccati non solo non possono essere commercializzati, ma sono soggetti anche ad un rischio maggiore di infezioni fungine. Alcune misure preventive includono trappole a feromoni, monitoraggio costante e rimozione delle erbacce. Una volta che il raccolto è stato attaccato, la gestione è più difficile poiché i parassiti sviluppano l’immunità contro i pesticidi. Il controllo biologico risulta essere il metodo più efficacie per limitare questo sviluppo di resistenza. Sfortunatamente, il parassita può svernare nel terreno.

Coleottero giapponese

Nonostante il nome, il coleottero giapponese (Popillia japonica) non è così catastrofico in Giappone come negli Stati Uniti. Possiamo facilmente individuare lo scarabeo ad occhio nudo grazie alle sue dimensioni (15 mm). I coleotteri svernano nel terreno e iniziano i loro attacchi durante la primavera. Questi coleotteri attaccano una vasta gamma di specie vegetali (verdure, alberi, fiori, ecc.). Per quanto riguarda i vigneti, scheletrizzano le foglie mentre se ne nutrono. La gestione include misure preventive e l’uso di prodotti chimici per controllare l’attacco. Le trappole a ferormoni, il monitoraggio costante e la rimozione delle erbe infestanti sono considerate alcune delle misure di prevenzione più efficaci. Allo stesso modo, in alcuni casi vengono utilizzati insetticidi a base di piretrina, sempre dopo aver consultato un agronomo locale autorizzato.

Malattie

Peronospora

La peronospora è forse la malattia più grave della vite, che si manifesta soprattutto nelle zone con clima caldo e umido. È causata dal fungo Plasmopara viticola e può portare a una completa devastazione del raccolto. Le piogge primaverili ed estive favoriscono lo scoppio della malattia. L’agente patogeno sverna su gemme, foglie o sulle foglie morte presenti sul terreno. La malattia si presenta con delle macchie di olio sulla superficie superiore delle foglie, simili a un mosaico, e il fungo colpisce gemme, fogliame, fiori, frutti e steli. Sul lato inferiore delle foglie, possiamo osservare la muffa bianca. La necrosi dei germogli è un altro sintomo comune. Anche le infiorescenze sono colpite dal fungo, le quali appassiscono e cadono. Se l’infezione si verifica in una fase successiva, quando la pianta ha già i frutti, l’uva può indurirsi, diventare marrone, restringersi e infine cadere.
Il controllo della malattia inizia con adeguate misure precauzionali. Questi includono il controllo delle infestanti e le distanze di sicurezza tra le piante, una potatura adeguata e la rimozione dei tessuti vegetali morti dal terreno. Anche le condizioni generali della coltura (nutrienti e livello dell’acqua, esposizione al sole, aerazione) possono aumentare la loro immunità. Allo stesso tempo, l’accesso di una pianta infetta alla luce solare diretta può ritardare la rapida insorgenza della malattia. Fondamentale è anche l’utilizzo di servizi igienico-sanitari adeguati, come la disinfezione degli attrezzi ogni volta che tocchiamo le piante.
Il trattamento chimico può essere utilizzato solo se il problema è grave e sempre sotto la supervisione di un agronomo locale autorizzato. La prima volta che furono utilizzati i composti di rame fu nel 1880. Sebbene i fungicidi a base di rame siano ancora utilizzati oggi, ci sono molte alternative sul mercato, inclusi agenti biologici, materiali di origine animale, estratti vegetali (Salvia officinalis) e altri.

Muffa polverosa

La muffa polverosa è un’altra grave malattia della vite. I funghi Uncinula necator ed Erysiphe necator svernano su gemme, foglie o tralci e iniziano la loro attivà quando arriva la primavera. La malattia è favorita dalle alte temperature insieme ad un’umidità relativa media. L’agente patogeno provoca una crescita polverosa sulle parti verdi della pianta. I sintomi iniziano con macchie clorotiche sul fogliame, simili a quelle causate da Plasmopara viticola, ma più piccole. Più tardi, appare una sostanza polverosa bianca. Questa polvere bianca appare anche su steli e frutti. I sintomi sui frutti includono anche lacrimazione, necrosi e caduta. La malattia può comportare una diminuzione della qualità e della resa del prodotto e una ridotta resistenza invernale della pianta, anche in caso di infezione lieve.
Il controllo della malattia inizia con adeguate misure precauzionali. Questi includono il controllo delle infestanti e le distanze di sicurezza tra le piante, la potatura adeguata e la rimozione dei tessuti vegetali morti dal terreno. Anche le condizioni generali della coltura (nutrienti e livello dell’acqua, esposizione al sole, aerazione) possono aumentare l’immunità delle piante. Il sistema di allevamento e la potatura adeguata sono vitali nel controllo della muffa polverosa. Un’adeguata circolazione dell’aria e l’accesso diretto alla luce solare ritarderanno lo scoppio della malattia.
Il trattamento chimico prevede l’uso di composti solforici. Molti coltivatori usano lo zolfo a temperature comprese tra 18-30°C. Tuttavia, lo zolfo può essere inattivo a basse temperature, mentre a temperature superiori a 30°C può causare ustioni chimiche sui frutti. In ogni caso, il trattamento chimico viene sempre utilizzato sotto la supervisione di un agronomo locale autorizzato. Fondamentale è anche l’utilizzo di servizi igienico-sanitari adeguati come la disinfezione degli strumenti ogni volta che vengono utilizzati sulle piante.

Mal dell’esca (Esca)

L’Esca è una grave malattia del legno causata da diversi funghi. Questo è il motivo per cui è chiamato complesso di Esca. Si credeva che la malattia colpisse solo piante mature, di dieci anni o più. Tuttavia, scoperte più recenti mostrano che può colpire le giovani piante, anche quelle ancora in vivaio. Potature pesanti, gelo invernale e lesioni al legno possono indebolire le piante e accelerare il ciclo della malattia. La malattia dell’Esca è chiamata “malattia silenziosa”, il che significa che i sintomi possono spesso passare inosservati e, in alcuni casi, possono causare la morte improvvisa della pianta. È diventato un grosso problema per i vigneti maturi europei in Italia, Francia e Spagna.
Il patogeno più comune è la Fomitiporia mediterranea. I sintomi si verificano sulle foglie a causa delle tossine provenienti da Phaeomoniella, Phaeoacremonium e Cylindrocarpon spp. L’Esca può apparire come una malattia cronica o per improvvisa apoplessia durante i periodi caldi e secchi.
I sintomi includono lo scolorimento del tessuto in un taglio trasversale del tronco. Il legno può anche diventare tenero e giallastro. In alcuni casi, possiamo individuare la comparsa di caratteristiche strisce tigrate sulle foglie. Macchie scure possono anche apparire sulle bacche. La malattia può essere trasmessa dal materiale propagato infetto e dal vento. Il controllo delle malattie include principalmente misure preventive, come l’uso di materiale di propagazione sano, la disinfezione delle grandi ferite da potatura e la rimozione e la combustione di piante malate.

Muffa grigia

La muffa grigia è una grave malattia dell’uva causata dal famoso fungo Botrytis cinerea.
La malattia colpisce principalmente le uve mature che si avvicinano alla data di vendemmia. Osserviamo principalmente una macchia marrone sugli acini che ricopre progressivamente l’intero frutto. Il frutto cambia colore, si ammorbidisce, marcisce e infine ammuffisce. Gli acini ammuffiti che cadranno a terra saranno il veicolo più efficace per la diffusione della malattia. Subito dopo, molti grappoli saranno colpiti a causa del contatto diretto con i frutti infetti. In pochi giorni tutte le parti infette sono ricoperte da una caratteristica muffa grigia. Le infezioni sono favorite da alti livelli di umidità in un ampio range di temperature. Il vento e la pioggia diffondono rapidamente le spore da una pianta all’altra.
Le misure di controllo sono simili a quelle utilizzate nelle altre malattie fungine e la sanificazione è essenziale. I tessuti vegetali infetti devono essere immediatamente rimossi, mentre una potatura adeguata favorirà una buona circolazione dell’aria, che inibisce il decorso della malattia.
Tuttavia, ciò che vale la pena ricordare è che, in determinate condizioni meteorologiche, la Botrytis può creare una condizione diversa, nota come muffa nobile. In tali circostanze, abbiamo un notevole aumento del contenuto di zucchero relativo fino al 40%. In poche parole, la muffa fa evaporare l’acqua, aumentando così la proporzione di zucchero nel succo rimanente. Molti produttori ne approfittano, producendo vini dolci dalle caratteristiche uniche. Tuttavia, il successo di questa tecnica richiede un trattamento speciale e molti anni di esperienza.

Marciume nero

Il marciume nero è una malattia fungina causata dal patogeno Guignardia bidwellii.
Il clima caldo e umido favorisce l’insorgere della malattia. La malattia colpisce tutte le parti verdi della vite, ma le conseguenze più gravi si manifestano sul frutto. Come definisce il nome, la malattia fa ammorbidire, marcire e ammuffire l’uva infetta. Gli acini ammuffiti che cadranno a terra saranno il veicolo più efficace per la diffusione della malattia.
Il controllo della malattia inizia con adeguate misure precauzionali. Questi includono il controllo delle infestanti e le distanze di sicurezza tra le piante, insieme ad una potatura adeguata e alla rimozione dell’uva ammuffita dal terreno. Un’adeguata esposizione al sole e una buona circolazione dell’aria inibirà lo scoppio della malattia.

  1. Definizione di viticoltura – Cos’è la viticoltura?
  2. Rapida panoramica sull’uva
  3. Benefici dell’uva sulla salute
  4. Informazioni sulla pianta d’uva
  5. Selezionare la varietà di uva
  6. Come coltivare l’uva e ottenere profitto – Guida essenziale per il coltivatore di uva
  7. Requisiti e preparazione del suolo per la coltivazione della vite
  8. Sesto d’impianto e spaziatura – Numero di piante per ettaro
  9. Sistemi e metodi di allevamento dell’uva
  10. Irrigazione della vite e gestione dell’acqua
  11. Potatura, defogliazione e diradamento della vite
  12. Gestione del fertilizzante per le viti
  13. Parassiti e malattie comuni della vite
  14. Vendemmia: quando e come raccogliere
  15. Resa di uva per ettaro
  16. L’uso della tecnologia nella viticoltura contemporanea

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी العربية Türkçe Русский Ελληνικά Português Tiếng Việt Indonesia

La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.