Olivicoltura biologica

L’olivo è sempre stato di grande importanza storica ed economica per paesi come la Grecia, l’Italia e la Spagna. Negli ultimi anni, sempre più olivicoltori stanno valutando il passaggio dalla coltivazione convenzionale a quella biologica degli olivi e quindi la produzione di olio d’oliva biologico o olive da tavola (commestibili). La coltivazione biologica può essere ufficialmente certificata, offrendo un guadagno finanziario per l’agricoltore, il quale potrà vendere il suo olio ad un prezzo più alto rispetto all’olio d’oliva convenzionale.

Vediamo ora i passaggi che un olivicoltore convenzionale dovrebbe seguire per passare con successo a un sistema di coltivazione biologica. Cosa dovrebbe sapere in anticipo per poter essere pronto?

Cominciamo con alcune definizioni di base.

L’olio d’oliva biologico è prodotto da processi specifici che sono del tutto rispettosi dell’ambiente (e dell’uomo), seguendo le chiare ed esplicite normative dell’Unione Europea in materia di agricoltura biologica. Questi regolamenti garantiscono che gli olivi siano cresciuti senza prodotti fitosanitari chimici (pesticidi), fertilizzanti sintetici ed erbicidi.

La certificazione di un olio d’oliva come biologico non dipende solo da ciò che accade in campo. Comprende anche i processi attuati in frantoio e si estende fino alla fase di imbottigliamento. Certo è che la resa di un oliveto biologico sarà inferiore a quella di un oliveto convenzionale, principalmente a causa della mancanza di azioni drastiche durante la concimazione e la protezione delle piante.

Pertanto, è più probabile che si perda parte della produzione a causa di un’epidemia o di un’infestazione da parassiti. D’altra parte, l’agricoltore può vendere i suoi prodotti biologici a prezzi notevolmente più alti. Questo aumento dei prezzi è una ricompensa per l’implementazione di metodi che contribuiscono alla protezione dell’ambiente, alla conservazione della biodiversità e alla sostenibilità.

Per quanto riguarda il quadro normativo, la procedura è la seguente:

Il produttore deve trovare un organismo di certificazione (un’organizzazione che offre tali certificazioni) e stipulare un contratto. Le organizzazioni di ispezione e certificazione dei prodotti biologici sono società private autorizzate dallo stato a fornire tali servizi.

Il produttore paga queste aziende e il loro compito è controllare e certificare che tutti gli standard dell’agricoltura biologica siano rispettati. Per verificarlo, rappresentanti specializzati effettuano visite programmate e a sorpresa sul campo per raccogliere vari campioni di suolo o di tessuto vegetale. Questi campioni vengono inviati al laboratorio per l’analisi chimica per rilevare eventuali irregolarità (es. tracce chimiche).

Il coltivatore deve poi dichiarare al Sistema Integrato di Gestione e Controllo (SIGC) che la sua coltivazione in un determinato campo è biologica. Sarebbe utile per l’agricoltore consultare un agronomo locale per tutti i metodi di coltivazione biologica che può applicare. L’agronomo deve essere un professionista autorizzato con una buona visione d’insieme e conoscenza dei fattori locali che possono compromettere la salute e la produttività della pianta (ad esempio, un focolaio di una malattia nell’area). La vicinanza dell’agronomo è fondamentale poiché, se necessario, avrà bisogno di visitare urgentemente l’oliveto per diagnosticare un problema (es. stimare la popolazione di un insetto in trappola) e suggerire un modo di agire personalizzato. L’agronomo può anche creare il dossier necessario affinché l’agricoltore biologico possa richiedere i relativi sussidi. Attraverso la dichiarazione IACS, il produttore ha il diritto di candidarsi a programmi speciali relativi all’agricoltura biologica.

Per i primi tre anni successivi alla dichiarazione, l’olivicoltore si trova in una fase transitoria e non ha ancora il diritto di vendere il proprio prodotto come biologico. Tuttavia, deve rispettare pienamente il protocollo dei metodi di agricoltura biologica. Se tutti i criteri necessari, fissati dall’ente di certificazione, sono soddisfatti, l’agricoltore può legalmente vendere l’olio d’oliva con l’apposito marchio dal quarto anno di partecipazione all’agricoltura biologica in poi.

Infine, anche il frantoio deve essere certificato, altrimenti è a rischio l’intero sforzo di produrre olio d’oliva biologico. Nel quarto anno l’agricoltore deve portare le sue olive in un frantoio certificato. In via preliminare, deve presentare domanda scritta per ricevere la corrispondente certificazione in possesso del frantoio. L’agricoltore non dovrebbe trascurare questa parte della procedura perché la società di standardizzazione richiederà questo documento.

La filosofia e i principi di base dell’olivicoltura biologica

L’aspirante agricoltore biologico deve considerare il suo oliveto come un sistema naturale chiuso. Sulla base di ciò, ha bisogno di trattare il suo raccolto come un ecosistema separato con pochissimi input e output, dove la maggior parte degli elementi viene riciclata all’interno dell’oliveto, garantendo la sostenibilità.

Ad esempio, dopo la potatura, piuttosto che rimuovere i rami tagliati o bruciarli (come di solito avviene nell’agricoltura convenzionale), gli agricoltori biologici li schiacciano con macchinari speciali, decimano i rami dell’albero e depositano la segatura sul terreno. Ciò ha effetti benefici, poiché è stato calcolato che tramite questa tecnica si aggiungono 4 kg di azoto, 0,5 kg di fosforo, 4 kg di potassio, 5 kg di calcio, e 1 kg di magnesio, per ogni 1.000 kg di legno di olivo (con il 50% di umidità) incorporato nel terreno (Amirante. et al., 2002). Questo metodo riduce la necessità di fertilizzanti chimici aggiuntivi, la maggior parte dei quali non è consentita nell’agricoltura biologica. In questo modo abbiamo meno input e output possibili e promuoviamo il riciclaggio degli elementi all’interno dell’oliveto. Ci sono, ovviamente, casi in cui i rami di un albero devono essere rimossi immediatamente da un frutteto biologico, ad esempio quando un tessuto di un albero soffre di un parassita o di una malattia.

Un secondo fattore che l’agricoltore biologico deve comprendere è il rischio di contaminazione dei suoi prodotti da fonti esterne. Questo non si riferisce solo all’uso di pesticidi chimici. Molti lubrificanti comuni (ad es. oli per catene) utilizzati in macchine come mietitrici e motoseghe contengono oli minerali idrocarburici (cancerogeni) che possono contaminare frutta, terreno o fonte d’acqua durante la raccolta o la potatura. Per questo motivo, gli agricoltori biologici spesso preferiscono lubrificanti vegetali che si degradano completamente nel terreno in breve tempo e sono considerati sicuri per le falde acquifere.

L’olivicoltura biologica incoraggia i produttori a utilizzare varietà tradizionali locali, più resistenti alle malattie e ai nemici della zona. Inoltre, queste varietà si adattano meglio al suolo e alle condizioni ambientali locali della regione. Infine, deve essere chiaro che l’uso di organismi geneticamente modificati (OGM) e dei loro prodotti non è consentito nell’agricoltura biologica.

Nell’olivicoltura biologica, la posizione dell’oliveto è essenziale. Ogni area ha condizioni climatiche e pedologiche uniche che influiscono sulla prosperità degli alberi. Pertanto, dobbiamo prestare particolare attenzione a quanto segue:

Le aree soggette a gelo con un’esposizione solare limitata non sono adatte per la creazione di un oliveto biologico.

L’oliveto biologico non deve essere confinante con uno convenzionale. Tale “isolamento” eviterebbe la contaminazione dovuta alle sostanze chimiche utilizzate nei metodi di coltivazione convenzionali (consultare l’organismo di certificazione).

Quando l’olivicoltura biologica è adiacente a colture convenzionali, il coltivatore deve gestire le acque reflue che possono anche essere state contaminate da sostanze chimiche (consultare l’ente di certificazione).

È necessario studiare le condizioni climatiche e pedologiche locali dell’oliveto per adeguare il piano d’azione.

Nei casi in cui l’oliveto è confinante con le colture convenzionali, l’agricoltore deve informare gli altri produttori locali e rimanere in contatto con loro. Il coltivatore biologico può richiedere ai colleghi convenzionali adiacenti di non spruzzare i loro alberi nei giorni in cui soffiano forti venti e possono trasportare nebulizzazioni di sostanze chimiche. Ciò ridurrà il rischio di contaminazione del frutteto biologico.

Inoltre, deve informare (ad esempio, mediante l’affissione di cartelli) il gruppo di persone che esegue le procedure di controllo per la mosca dell’olivo (Dacus oleae). In questo modo, il team eviterà di applicare tecniche non adatte all’agricoltura biologica.

Come potare un oliveto biologico

La potatura è particolarmente importante in un oliveto biologico. Questa attività fornisce un migliore flusso d’aria all’interno della chioma degli alberi, riducendo il rischio di infezione da agenti patogeni. Inoltre, la potatura riduce la densità della chioma degli alberi e garantisce un migliore accesso alla luce solare.

Infine, gli alberi ben potati rimangono ad un’altezza ottimale facilitando pratiche come la raccolta. Ogni anno sugli alberi maturi viene eseguita la potatura che facilita la produzione di frutta, mentre nelle giovani piantine, è necessario applicare la potatura in modo che acquisiscano una struttura durevole nel tempo, creando un tronco forte e una chioma a corona. Infine, questa tecnica può anche aiutare a ridurre la tendenza dell’albero all’alternanza.

Il coltivatore deve rispettare l’ecosistema durante la potatura, garantendo il minor numero possibile di sostanze inquinanti, residui e rumore. I moderni olivicoltori utilizzano sempre di più i moderni potatori ricaricabili che sono più appropriati per il loro rumore ridotto e l’assenza di sostanze inquinanti.

Fertilizzazione

Il coltivatore deve prendersi cura della fertilità del suolo per evitare la malnutrizione degli alberi e, aumentare la crescita e la produttività. Più specificamente, nutrienti come azoto, fosforo e potassio sono essenziali nelle fasi di crescita vegetativa. Poiché i fertilizzanti convenzionali non sono consentiti, l’agricoltore può applicare alcune delle seguenti tecniche per soddisfare le esigenze nutrizionali delle olive:

Sovescio

L’applicazione del sovescio negli oliveti è diventato un metodo sempre più diffuso negli ultimi anni, particolarmente importante per la coltivazione biologica. Si inizia con la semina nell’oliveto di una pianta annuale o perenne (veccia, erba medica, favino). Questo metodo migliora la fertilità e la struttura del suolo. Inoltre, aumenta l’assorbimento d’acqua e la capacità del terreno di trattenere l’umidità e contribuisce alla gestione delle infestanti perenni e resistenti (soprattutto se seminiamo veccia).

Nella concimazione delle olive verdi sono ampiamente utilizzati legumi come veccia, erba medica, trifoglio rettile, lupino, favino e pisello, ecc., che arricchiscono il terreno di azoto. Allo stesso modo, gli agricoltori possono utilizzare in parte cereali come avena e orzo. Dato che queste piante assorbono quantità significative di sostanze nutritive, incorporarle nel terreno fornisce nutrienti velocemente disponibili per le nostre piante. Nel caso in cui l’olivicoltore decida di applicare il sovescio, è necessario utilizzare materiale di propagazione non Geneticamente Modificato (OGM).

Compostaggio

Il compostaggio è un processo naturale in cui microrganismi specializzati, come batteri e funghi, convertono la materia organica in sostanze umiche. Il prodotto finale di questo processo è il compost, che consiste in una miscela di materia organica, sostanze nutritive e tracce di minerali. È un modo di fertilizzazione naturale con eccellenti proprietà di miglioramento del suolo. Tuttavia, dovresti consultare il tuo agronomo locale autorizzato prima di applicarlo.

Copertura del suolo

La copertura del suolo è una tecnica che protegge il suolo dall’erosione e dalla siccità causate dall’elevata evaporazione dell’acqua del suolo. Questa tecnica è anche utile nel controllo delle infestanti poiché ne impedisce la crescita. A tale scopo, il coltivatore può utilizzare piante tappezzanti o materia organica. I materiali utilizzati nella copertura del suolo sono paglia, foglie, erba, segatura, compost, ecc.

Controllo delle malattie per gli olivi biologici

Senza prodotti agrochimici consentiti, la prevenzione è la chiave nell’olivicoltura biologica per evitare eventuali problemi di malattie delle piante. L’agricoltore può utilizzare la potatura per aprire la chioma e facilitare il flusso d’aria, riducendo la probabilità di un’epidemia nel suo oliveto biologico.

Inoltre, prodotti approvati come i fungicidi a base di rame sono a disposizione degli agricoltori biologici. Tuttavia, dovresti assolutamente consultare un agronomo locale prima di spruzzare qualsiasi tipo di sostanza.

Controllo dei parassiti

Nell’olivicoltura biologica, le pratiche di gestione dei parassiti includono misure preventive come la potatura, la copertura del suolo, l’uso di insetti utili e di uccelli insettivori. Inoltre, speciali trappole colorate e prodotti approvati per l’agricoltura biologica arricchiscono i mezzi di controllo del coltivatore. Tuttavia, per questi prodotti approvati, è necessario consultare un agronomo. Esempi indicativi di gestione dei parassiti sono:

  • L’uso di diversi tipi di trappole è efficace nel controllo della mosca dell’olivo (Dacus oleae), della tignola dell’olivo (Prays oleae) e del curculio dell’oliva (Rhynchites cribripennis).
  • La potatura è un’importante misura preventiva contro alcuni insetti, mentre l’uso di insetti utili aiuta a controllare questi nemici.

Raccolta delle olive biologiche.

L’olivicoltore biologico deve informare l’organismo di certificazione un giorno prima della raccolta. Tutte le macchine utilizzate nella raccolta meccanica devono essere accuratamente pulite per evitare la contaminazione delle olive e dell’oliveto. I moderni olivicoltori evitano la raccolta con lunghi bastoni di legno per proteggere le piante e ridurre le lesioni. Queste lesioni possono fungere da ingresso per i microrganismi patogeni che infettano la pianta, facilitando la trasmissione della malattia.

Per evitare ciò, sempre più olivicoltori scelgono di utilizzare raccoglitrici in grado di trasmettere la vibrazione localmente solo al ramo di loro interesse, senza danneggiare l’albero. Queste macchine consentono di massimizzare l’efficienza del raccolto e, allo stesso tempo, di proteggere i tessuti vegetali che sosterranno la produzione del prossimo anno. Inoltre, i moderni agricoltori biologici generalmente preferiscono utilizzare raccoglitrici vibranti ricaricabili che non lasciano sostanze inquinanti.

Dopo il raccolto, il coltivatore deve contattare nuovamente l’organismo di certificazione e dichiarare la quantità finale di olive raccolte.

Conservazione

L’oliva biologica non può essere conservata nello stesso luogo di una proveniente da coltura convenzionale perché c’è un’alta possibilità di contaminazione. In genere, dopo la raccolta, i frutti devono essere trasportati direttamente all’oleificio utilizzando esclusivamente casse di plastica.

Il processo di estrazione dell’olio d’oliva

Supponiamo che il frantoio lavori le olive sia per gli oliveti convenzionali che per quelli biologici. In tal caso, è fondamentale pulire accuratamente le macchine prima di lavorare le olive biologiche in modo che i residui che possono esistere nei frutti convenzionali non contaminino l’olio biologico. Inoltre, il mulino deve fornire al coltivatore un documento attestante che il prodotto è biologico.

Standardizzazione

I contenitori utilizzati nel processo di standardizzazione devono essere rispettosi dell’ambiente, realizzati in acciaio inossidabile o vetro. Dopo la standardizzazione, per preservare la qualità dell’olio di oliva, è necessario conservarlo in un luogo fresco e ombreggiato.

Esportazioni di olio d’oliva

Per esportarlo all’estero l’agricoltore deve avere un certificato che attesti che l’olio d’oliva è biologico.

Il processo è relativamente semplice e standard quando viene esportato da un paese europeo a un altro perché tutti i membri dell’UE seguono lo stesso protocollo di produzione e certificazione. Tuttavia, quando si esporta olio d’oliva biologico al di fuori dell’UE, un agricoltore può incontrare alcuni problemi a causa di diversi sistemi legislativi.

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Nederlands Ελληνικά

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.