Informazioni sul pero

Fatti sul pero – Informazioni sul pero

Nella maggior parte dei casi, il pero è un albero deciduo (perde le foglie stagionalmente) che può crescere fino a 12 metri o anche di più. Quasi tutti i peri coltivati ​​per ottenere frutti sono decidui, ma alcune cultivar (per lo più ornamentali) sono sempreverdi. Il pero è un membro della famiglia delle Rosacee. I fiori sono prodotti in primavera. I frutti maturano su germogli di 2 o più anni. Maturano in tarda estate o in autunno, a seconda della varietà. Il pero medio può produrre una notevole quantità di frutti dal 4° al 6° anno di età e può continuare a farlo fino al 30°- 40° anno.

Si ritiene che i peri siano stati coltivati ​​sin dal I secolo A.C., principalmente in Asia. Le caratteristiche in parte responsabili della sua diffusione sono flessibilità, resilienza, resistenza al freddo e alla siccità. Circa il 70% della produzione mondiale di pere avviene in Cina, ma i peri sono coltivati ​​anche in Nord e Sud America, Europa e Turchia. Pyrus communis, Pyrus pyrifolia e Pyrus bretschneider rappresentano oltre il 95% degli alberi coltivati ​​a frutto. Tuttavia, ci sono più di 2.500 cultivar conosciute.

  1. Informazioni sul pero
  2. Come far crescere un pero dal seme
  3. Coltivazione di peri in vaso
  4. Coltivazione a scopo commerciale di alberi di pero
  5. Condizioni climatiche del pero
  6. Requisiti e preparazione del suolo del pero
  7. Propagazione e impollinazione del pero
  8. Come piantare alberi di pero
  9. Fabbisogno idrico del pero
  10. Requisiti del fertilizzante del pero
  11. Potatura del pero
  12. Raccolta e resa del pero
  13. Parassiti e malattie del pero
  14. Domande e risposte sul pero

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Nederlands العربية Türkçe Português

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.