Gestione dei rifiuti e del letame equino

Mantenere pulita la proprietà del cavallo è la chiave per allevare cavalli sani e prosperi. Dobbiamo rimuovere quotidianamente i loro rifiuti e la lettiera perché attirano mosche e insetti.

Il letame fresco di cavallo contiene alti livelli di semi di piante infestanti. Quindi, se aggiungi letame fresco al tuo terreno, le tue colture soffriranno della presenza di quelle erbacce, insieme ad altre carenze. Tuttavia, il letame di cavallo ben decomposto è un’ottima fonte di materia organica. Può essere l’ammendante ideale per alberi, ortaggi, erbe aromatiche e giardini fioriti se aggiunto in quantità razionale al terreno.

I proprietari di cavalli devono esaminare come possono trarre vantaggio dai loro rifiuti. Possono compostarlo e usarlo sui loro raccolti, donarlo a un sindacato di agricoltori locali o venderlo a un commerciante locale. Non sottovalutare la quantità di rifiuti che un singolo cavallo può produrre. Si stima che un cavallo del peso di 364 kg produrrà rifiuti del peso di 7.300 kg in un anno. A questa quantità vanno aggiunti la lettiera (che va rimossa quasi giornalmente) e vari altri rifiuti (cibo, ecc.). Pertanto, è necessario creare in anticipo una politica di gestione dei rifiuti conforme, sostenibile e rispettosa dell’ambiente.

  1. Come allevare i cavalli
  2. Alloggiare i cavalli
  3. Selezione di un cavallo
  4. Come nutrire i cavalli
  5. Sicurezza sanitaria e cura dei cavalli
  6. Gestione dei rifiuti e del letame equino
  7. Domande e risposte sui cavalli

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी العربية Türkçe Русский Ελληνικά Português Tiếng Việt Indonesia

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.