Fornitura di alveari e attrezzature

Come scegliere l’alveare – Di cosa ha bisogno un apicoltore

Iniziamo l’apicoltura con l’acquisto dei nostri primi alveari. Per il primo anno bastano da due a quattro alveari per mettere alla prova la nostra forza e il nostro impegno. L’anno dopo potremo raddoppiare o addirittura moltiplicare i nostri alveari. È meglio acquistare gli alveari durante la primavera per vedere l’intero ciclo di sviluppo delle api fino all’autunno e prepararsi adeguatamente per l’inverno. Dovremmo acquistare solo alveari con un certificato sanitario valido da un venditore affidabile (le specifiche e il quadro legale variano da Paese a Paese). Scegliamo alveari sani con una popolazione di almeno 4-5 telai. Devono necessariamente avere una covata (larve di api) e una giovane regina fiorente. Le regine generalmente smettono di deporre le uova a un ritmo soddisfacente quando raggiungono il terzo anno di vita. La maggior parte dei nuovi apicoltori preferisce iniziare il proprio viaggio nell’apicoltura acquistando una “colonia nucleo”, cioè una piccola comunità di api, qualcosa come una colonia forte ma al 50% in scala. Invece di avere 8 o 10 telai, una colonia di nuclei spesso include 4-5 telai, ma include anche una covata, il polline, il miele sigillato e non sigillato, sufficienti lavoratori e una giovane regina fiorente, che i lavoratori hanno ben accettato e da cui prendono ordini. È improbabile che il nuovo apicoltore riesca a raccogliere il miele durante la prima estate. Tuttavia, può monitorare da vicino lo sviluppo della colonia nucleo di un’intera colonia forte, il quale risulterà essere altamente istruttivo ed educativo. Una colonia nucleo può costare da 120 a 250€.

Per quanto riguarda l’attrezzatura per l’apicoltura, non abbiamo bisogno di spendere molti soldi nel primo anno introduttivo. Al contrario, però quando utilizziamo l’attrezzatura di qualcun altro, rischiamo l’infezione da varie malattie. Oltre agli alveari, abbiamo bisogno di vestiti da lavoro adeguati, una maschera speciale e guanti per proteggerci dalle punture. Inoltre, possiamo acquistare un semplice raschietto, un affumicatore d’api (viene usato per calmare le api e potrebbe non essere consentito in alcuni paesi), una spazzola e un kit di attrezzi (martello, chiodi assortiti, cacciavite, viti angolari, coltello, pinze, filo, clip per celle, maniglie per celle). Avremo anche bisogno di uno spazio per raccogliere, immagazzinare, mantenere e riparare i telai. Una piccola stanza con una buona ventilazione è tutto ciò di cui abbiamo bisogno, purché la teniamo pulita. Infine, potremmo aver bisogno di filo, spilli, un coltello elettrico per rimuovere la cera d’api, un bruciatore (per disinfettare i telai dell’alveare e i pavimenti) e piatti di plastica poco profondi per nutrire la colonia. Supponendo di essere sicuri di voler esercitare l’apicoltura professionalmente, allora avremo bisogno di un veicolo per trasportare gli alveari (questo è richiesto dalla legge per più di 25-30 alveari in molti paesi).

  1. Apicoltura per principianti
  2. Struttura e organizzazione della società delle api da miele
  3. Come viene prodotto il miele dalle api?
  4. Fornitura di alveari e attrezzature
  5. Luogo e posizionamento dell’alveare
  6. Come nutrire le api?
  7. Sciame di api da miele
  8. Preparare gli alveari per l’inverno
  9. Raccolta del miele
  10. Malattie e parassiti comuni delle api
  11. Parassiti principali delle api
  12. Principali malattie delle api
  13. Avvelenamento delle api causato dai pesticidi
  14. Domande e risposte sulle api

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी العربية Türkçe Русский Ελληνικά Português Tiếng Việt Indonesia

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.