Fertilizzazione del mandorlo

Requisiti del fertilizzante del mandorlo

Le pratiche commerciali contemporanee di coltivazione delle mandorle suggeriscono che una volta all’anno (in estate – luglio, agosto) dovremmo raccogliere almeno 100 foglie dai nostri mandorli e inviarle a un laboratorio per un’analisi dettagliata dei nutrienti. Supponiamo di rilevare che la foglia media ha carenze nutrizionali specifiche (alcuni elementi chimici essenziali sono al di sotto degli standard accettabili). In tal caso, possiamo discutere con un agronomo come intervenire e correggere i problemi nutrizionali aggiungendo l’elemento appropriato, come un ammendante di calcio, il più delle volte attraverso applicazione fogliare.

I livelli normali dei nutrienti più importanti sono elencati di seguito:

Livelli fogliari minimi accettabili

N: 2%

K: 1,2%

Ca: 2,2%

mg: 0,3%

Bisogna fare molta attenzione nella concimazione dei mandorli giovani (1-3 anni), perché se aggiungiamo del fertilizzante in un punto preciso del terreno senza irrigare contemporaneamente, questo può causare diversi problemi all’albero. Questo potrebbe anche essere un problema per alcuni alberi maturi. La maggior parte degli agricoltori applica 150g di N per ogni giovane albero durante il 2° e 3° anno dopo la loro costituzione.

Per quanto riguarda i mandorli maturi, uno schema di fertilizzazione standard aggiunge 3,6 – 5,4 kg di N-P-K 12-12-17 + 2MgO per albero maturo, applicato due volte l’anno, una a fine inverno (febbraio) e poi durante la tarda primavera-inizio estate (maggio-giugno). Un secondo schema di fertilizzazione dei mandorli prevede l’aggiunta di 8-12 libbre. (3,6 – 5,4 kg) di NPK 12-12-17 +2 MgO per ogni albero maturo durante il tardo inverno – inizio primavera (febbraio-marzo) e l’iniezione di fertilizzante idrosolubile NPK 15-15-15 attraverso il sistema di irrigazione durante la tarda primavera (aprile-maggio). Un terzo schema di concimazione del mandorlo (parzialmente combinabile con uno dei precedenti) prevede 3 applicazioni fogliari con N-P-K 20-20-20, una alla caduta dei petali del fiore e le altre due ad intervalli di 10 giorni. Queste sono solo alcune pratiche comuni che i coltivatori non dovrebbero seguire alla cieca senza aver prima eseguito apposite ricerche e analisi fogliari.

Il mandorlo ha grandi esigenze di azoto. Molti agricoltori aggiungono (tramite irrorazione o fertirrigazione) un totale di 1 kg di azoto in ogni albero maturo all’anno, che sembra essere sufficiente. L’aggiunta di una quantità molto maggiore di quella è stata segnalata per provocare la rapida crescita dei germogli. Di conseguenza, la resa è ridotta poiché i germogli spesso ombreggiano le parti fruttifere dei rami.

Il potassio è il secondo macronutriente più importante. Se viene rilevata una carenza di potassio dopo l’analisi delle foglie, i coltivatori di mandorle spesso aggiungono 6,8-9 kg di solfato di potassio (K2SO4) in ogni albero maturo. In alternativa, possono utilizzare l’irrorazione fogliare con nitrato di potassio spruzzato almeno 5 volte al mese durante la primavera.

Un’eccellente fertilizzazione dei mandorli può essere gestita con l’aggiunta di letame. Molti agricoltori aggiungono da 10 a 20 tonnellate di letame per ettaro ogni uno o due anni (1 ettaro = 2,47 acri = 10.000 metri quadrati e 1 tonnellata = 1.000 kg). Quando non riescono a trovare letame a un prezzo ragionevole, molti agricoltori applicano il sovescio, principalmente Vicia faba o Vicia sativa. In questo caso, i coltivatori di mandorle seminano i legumi in autunno. Durante i mesi successivi, aggiungono fosforo e potassio al campo per aiutare i legumi a crescere rapidamente. Infine, arano le piante, incorporandole nel terreno poco prima della loro fioritura (primavera – aprile, maggio). Tieni presente che durante la decomposizione della materia organica aumenta il consumo di azoto. Di conseguenza, molti agricoltori aggiungono, al momento dell’aratura, azoto (sotto forma di nitrati) al terreno per evitare carenze (chiedere a un agronomo autorizzato).

Tuttavia, queste sono solo pratiche comuni che i coltivatori non dovrebbero seguire senza prima condurre le proprie ricerche. Ogni campo è diverso e ha esigenze diverse. Il controllo dei nutrienti e del pH del terreno è fondamentale prima di applicare qualsiasi metodo di fertilizzazione. L’analisi fogliare è molto importante per diagnosticare e correggere le carenze nutrizionali dei mandorli, sempre dopo aver consultato un agronomo.

  1. Informazioni sul mandorlo
  2. Come far crescere un mandorlo dal seme
  3. Coltivare mandorli a scopo commerciale
  4. Requisiti climatici del mandorlo
  5. Requisiti e preparazione del suolo del mandorlo
  6. Propagazione del mandorlo
  7. Impollinazione dei mandorli
  8. Piantare i mandorli
  9. Potatura del mandorlo
  10. Fabbisogno idrico del mandorlo
  11. Fertilizzazione del mandorlo
  12. Raccolta e resa dei mandorli
  13. Parassiti e malattie del mandorlo
  14. Domande e risposte sul Mandorlo

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Nederlands العربية Türkçe Português

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.