Crescere gli olivi

Come coltivare gli olivi – Coltivazione commerciale dell’olivo

La coltivazione commerciale dell’olivo richiede innanzitutto condizioni climatiche adeguate e la selezione di un campo con determinate caratteristiche. In poche parole, gli olivi prediligono terreni ben drenati (pianeggianti o in leggera pendenza) e l’esposizione alla luce solare diretta. Non possono tollerare temperature inferiori a 7 °C per molti giorni, ma è necessaria una certa quantità di ore di freddo per lo sviluppo dei frutti. Questo è il motivo per cui gli olivi non possono essere coltivati ​​nei climi tropicali.

L’olivo in media inizia a produrre olive all’età di 4-5 anni, proseguendo fino a quando non muore. I risultati suggeriscono che in alcuni casi gli alberi di 1800 anni producono ancora germogli. L’olivo ha una risposta significativamente positiva all’irrigazione e alla concimazione, mentre la potatura è necessaria ogni due anni. Se ti prendi cura dei tuoi olivi, raccoglierai una produzione media da 22 a 90 kg per albero maturo e sano. Avere una buona conoscenza dell’alternanza è essenziale per la coltivazione commerciale degli olivi.

  1. Informazioni sull’olivo
  2. Crescere gli olivi
  3. Le aziende olivicole sono redditizie?
  4. Alternanza di produzione dell’olivo
  5. Propagazione e impollinazione dell’olivo
  6. Clima dell’olivo – Requisiti termici
  7. Requisiti del suolo dell’olivo
  8. Piantare gli olivi
  9. Requisiti del fertilizzante dell’olivo
  10. Requisiti idrici dell’olivo
  11. Potatura dell’olivo
  12. Raccolta delle olive
  13. Malattie e parassiti dell’olivo
  14. Domande e risposte sull’Olivo

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Nederlands العربية Türkçe Ελληνικά Português

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.