Compostaggio

Brevemente

Se chiediamo a un giardiniere esperto cosa gli viene in mente quando sente la frase “oro nero”, probabilmente non penserà all’olio, ma al compost. Il compost è una sostanza biologica che deriva dal processo di compostaggio e trasforma il terreno del nostro giardino; fornisce anche nutrienti e sapore extra alla frutta e alla verdura che raccogliamo dal nostro orto. Il compostaggio è una pratica altamente ecologica con ottimi risultati in termini di nutrizione delle piante, offrendo un notevole risparmio economico.

Nel compostaggio, i rifiuti organici (della nostra cucina o del nostro giardino), come foglie, erba, ramoscelli, bucce e altri residui di cibo (ad es. gusci d’uovo), vengono convertiti attraverso vari processi, e con l’aiuto di microrganismi del suolo, in una sostanza ricca di sostanze nutritive chiamato compost.

Usandolo correttamente e aggiungendolo al terreno, possiamo moderare l’erosione del suolo, arricchire il nostro campo/orto con sostanze nutritive e aumentare la sua capacità di trattenere l’acqua. Allo stesso tempo, riduciamo significativamente la quantità dei nostri rifiuti domestici, poiché parte di essi viene riciclata.

Un consiglio prima di iniziare

Il consiglio più importante che possiamo dare a chi è interessato a iniziare il compostaggio è: non analizzare eccessivamente la fase di preparazione e esecuzione del compost. Non è necessario spostarsi costantemente con un termometro che misura la temperatura della pila o pesare attentamente i singoli materiali per raggiungere il rapporto perfetto tra carbonio e azoto.

Il compostaggio va avanti da milioni di anni sulla terra, anche senza il perfetto rapporto tra temperatura, umidità e materiale.

Di cosa avremo bisogno: I materiali essenziali per il compostaggio.

Dividiamo le materie prime per il compostaggio in verdi (fresche) e marroni (secche).

Per verde intendiamo la maggior parte dei nostri rifiuti di cucina. Possiamo utilizzare bucce di frutta (es. mele, banane, arance, kiwi), avanzi di insalata (lattuga, cavolo, ecc.) e frutta e verdura intere pronte a marcire.

La categoria dei materiali freschi (verdi) comprende anche tutti i rifiuti del nostro giardino (fiori che hanno iniziato ad appassire, erba verde tagliata, foglie cadute, ecc.). L’elevata percentuale di azoto che questi materiali contengono li rende indispensabili per il compostaggio.

Rispettivamente, nei materiali secchi, includiamo terreno da giardino, compost esistente, paglia, segatura, fieno, rami secchi tritati, erba e foglie, ecc. Questi materiali sono ricchi di carbonio.

Infine, possiamo utilizzare gusci d’uovo (ricchi di calcio), avanzi dei filtri del caffè, nonché giornali e cartone sminuzzati. Maggiore è la varietà delle materie prime che utilizziamo per il compostaggio, maggiore è la qualità e il valore nutritivo del compost che verrà creato poche settimane dopo.

Cosa non usare per il compostaggio

Non tutti i materiali provenienti dalla cucina e dall’ orto sono adatti al compostaggio. È vietato utilizzare avanzi di latticini e carne, compresi i salumi. Ovviamente non possiamo usare nulla di plastica o sintetico. Inoltre, un principiante dovrebbe evitare di usare letame, poiché richiede esperienza nella selezione della tipologia benefica-adatta.

Dimensioni e proporzioni dei materiali

Come principio generale, questi due gruppi di materiali dovrebbero essere in proporzioni uguali, circa 1 secco per 1 verde. Questi rapporti si riferiscono ai materiali triturati piuttosto che interi. Tuttavia, non è un problema se non raggiungi l’equilibrio perfetto, poiché il compostaggio inizierà comunque. Al contrario, è fondamentale tritare in pezzi molto piccoli tutti i materiali (di entrambe le categorie) prima di riporli a strati nel silo di digestione. Questo passaggio è necessario per facilitare la circolazione dell’aria tra questi materiali e consentire ai batteri aerobici di decomporli il più rapidamente possibile. Se li lasciamo intatti (ad esempio, se usiamo una buccia di banana intera o un pomodoro intero), senza passarli attraverso un trituratore, il processo di compostaggio sarà piuttosto ritardato e potrebbe richiedere un anno intero invece di 2 mesi e mezzo.

Dopo aver verificato che i nostri materiali siano della giusta dimensione, provvederemo a posizionarli nel silo di digestione. Un bidone appropriato dovrebbe essere resistente alla luce e fornire le condizioni ottimali di temperatura e umidità, poiché l’attività microbica e la temperatura devono aumentare nel tempo. A questo punto, è possibile anche costruire una compostiera fatta in casa con i pallet, ma di certo non avrà la qualità e la comodità di una compostiera ben fatta e acquistata in negozio.

Dopo aver posizionato il bidone per il compostaggio in un punto ombreggiato del nostro giardino, riporremo a strati i materiali del gruppo verde e marrone (uno strato di materiale verde e uno strato di materiale secco). Dobbiamo posizionare materiali asciutti, come terra e compost, alla base e alla sommità del mucchio. Il processo di stratificazione è piuttosto importante, poiché accelererà l’attività microbica e non sarà necessario mescolare spesso il silo.

Umidità: l’elemento chiave per un compostaggio di successo.

Garantire un’umidità adeguata nel nostro silo è uno dei fattori più critici per il compostaggio. Una volta che abbiamo realizzato una pila con una lunghezza, larghezza e altezza di almeno 70 cm e 4-5 strati, dobbiamo bagnare la nostra pila prima di chiudere la compostiera. Quindi almeno una volta alla settimana, dovremmo aggiungere dell’acqua (empiricamente) in cima al mucchio per mantenere l’umidità a livelli desiderabili.

Durata del processo di compostaggio e integrazione di nuovi materiali su una pila esistente.

Se seguissi tutti i passaggi sopra menzionati, il compost potrebbe aver già iniziato a formarsi entro la 10°-12° settimana. Nella maggior parte dei casi, se si utilizzano materiali tritati finemente, il compostaggio sarà completato in un massimo di 6 mesi (26 settimane). Durante tutte queste settimane, oltre a fornire umidità, è possibile mescolare il mucchio, controllando che la temperatura sia aumentata al centro e che ci sia effettivamente attività microbica. L’aggiunta di nuovi materiali a una pila in cui è già iniziato il compostaggio dovrebbe essere eseguita con cautela. In ogni caso, i nuovi materiali aggiunti non dovranno superare il 20% della quantità totale.

Possiamo integrare nuovi rifiuti organici freschi aprendo un foro nella parte superiore del mucchio. Dopo aver aggiunto nuovi materiali del gruppo verde, possiamo quindi chiudere il buco aggiungendo materiale secco in cima.

Il compostaggio è terminato quando la nostra miscela ha acquisito un colore marrone scuro e ha un forte odore di terra. In questa fase, la temperatura all’interno della pila è la stessa della temperatura ambiente (non osserviamo vapori quando scaviamo verso il centro della nostra pila). Molti giardinieri lasciano il compost a riposare per altre 2-3 settimane prima di utilizzarlo nel terreno.

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Nederlands

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.