Nozioni di base sull’alimentazione dei maiali: cosa mangiano i maiali

Ad oggi, è in corso un dibattito sul corretto programma di alimentazione dei suini. Ci sono principalmente due approcci diversi, “Pascolo” contro “Mangime commerciale”.

I sostenitori dell’approccio “Pascolo” basano la dieta dei loro maiali sul pascolo in una percentuale del 70% o più. È certo che il maiale medio non solo può sopravvivere, ma aumenterà anche di peso e vivrà sano quando mangia solo al pascolo e beve acqua. Secondo questo schema dietetico, i maiali sono sopravvissuti allo stato brado per secoli. Con il termine pascolo si definisce un’ampia gamma di specie vegetali: graminacee, trifoglio, erba medica (Medicago sativa), cicoria, leguminose, brassiche, arbusti, alberelli, ecc. La biodiversità del pascolo è direttamente correlata alla qualità del cibo consumato (cibo più vario – migliore qualità). Tuttavia, non è sicuro lasciare che i tuoi maiali mangino piante non identificate. Alcune specie di rododendro e altre piante ornamentali (azalea, geranio) e arbusti sono tossici per i maiali e possono provocare situazioni pericolose per la loro vita dopo aver mangiato anche solo una piccola foglia. Anche le foglie di belladonna (patate e pomodoro) sono state segnalate come tossiche in alcuni casi. Generalmente, un futuro proprietario di suini dovrebbe prima ricercare le piante locali che possono essere tossiche per i maiali.

Nonostante la scuola di pensiero del pascolo stia guadagnando terreno, anche i più grandi sostenitori del “Pascolo” ammettono che la crescita dei loro maiali è fortemente inibita quando vengono nutriti solo al pascolo. Questo è il motivo per cui gli allevatori esperti di suini oltre al pascolo aggiungono altri alimenti (ad esempio uova cotte o altri alimenti ricchi di proteine) per arricchire la loro dieta.

D’altra parte, i sostenitori del “Mangime commerciale” affermano che, contrariamente alla mucca, il maiale è un animale mono gastrico ed è contro la sua natura mangiare pascolo al 70% o più della sua dieta. Questi allevatori si affidano a mangimi commerciali premiscelati per suini (pellet), che regolano i livelli di proteine. Affermano che i maiali dovrebbero ricevere il 15-18% di proteine ​​grezze dal loro mangime. In un tale schema di alimentazione, il maiale di carne medio di 7 settimane che pesa 22 kg dovrebbe pesare 100 kg quando ha 20 settimane. I mangimi commerciali contemporanei contengono ingredienti come proteine ​​di origine vegetale (grano, orzo, piselli, riso, sesamo, mais, soia), prodotti botanici, probiotici oltre a vitamine, minerali e altri nutrienti in tracce per ottimizzare le prestazioni dei suini (crescita rapida, riduzione al minimo dei rifiuti). Soprattutto i grani hanno suscitato molta attenzione. Molti allevatori affermano che i cereali, se inseriti nella dieta del maiale in una percentuale del 15-20%, aiutano il maiale a produrre carne di migliore qualità, tra gli altri benefici. La lisina è molto importante anche per i suini allevati da carne. Aiuta a promuovere la crescita e lo sviluppo dei muscoli. Alcuni mangimi concentrati per suini contengono il 40% di proteine ​​grezze e il 2,5% di lisina. Pertanto, l’agricoltore mescola spesso 45 kg di concentrato con 136 kg di mais macinato in modo che le proteine ​​e la lisina si adattino ai livelli desiderati.

Al giorno d’oggi, i sostenitori di entrambi gli approcci spesso aggiungono altri prodotti alla dieta dei maiali, come patate e carote lesse, zucca, mele, avanzi di cucina (oltre a carne e pesce). Molti allevatori danno quotidianamente anche il latte di capra ai loro maiali.

Prima della diffusione commerciale dei maiali nel XX secolo, i vecchi allevatori erano soliti allevare i loro maiali con una dieta interamente a base di mais integrale, latte di capra, uova sode, carote lesse e molti frutti (soprattutto mele e zucche). Erano soliti offrire un mix di quanto sopra elencato e permettevano loro di mangiare 2, 3 o anche 4 volte al giorno (ma almeno 3 volte al giorno durante il gelo invernale) per soli 15 minuti ogni volta.

Il maiale medio beve 11 L di acqua ogni giorno. Di conseguenza, l’animale deve avere accesso all’acqua fresca 24 ore al giorno. Se notiamo che uno dei nostri maiali non ha consumato acqua per 5-6 ore circa, dobbiamo contattare un veterinario autorizzato il prima possibile.

Quindi, non c’è una sola risposta alla domanda “come nutrire i maiali”. Dipende dal motivo per cui allevi maiali (carne vs animale domestico), da cosa hai a disposizione, se hai un grande campo che produce pascoli ricchi e diversificati, o che tipo di ingredienti o prodotti finiti puoi trovare vicino a casa ad un buon prezzo, ecc. Un allevatore inesperto deve prima consultare esperti locali, allevatori di suini o sindacati, un veterinario e/o un agronomo per formare un programma alimentare annuale equilibrato ed essere informato sulle piante e gli arbusti tossici che si trovano comunemente nella regione. Maggiori informazioni sulle piante velenose per il bestiame (Plants Poisonous to Livestock.)

  1. Come allevare i maiali
  2. Alloggiare i maiali – Progettare l’allevamento dei maiali
  3. Selezione dei maiali
  4. Come nutrire i maiali
  5. Salute, malattie e sintomi dei suini
  6. Produzione del letame suino e gestione dei rifiuti
  7. Domande e risposte per i maiali
  8. Grossisti carne – vendita carne all’ingrosso

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी العربية 简体中文 Русский Ελληνικά Português Tiếng Việt Indonesia 한국어

I NOSTRI PARTNER

Collaboriamo con O.N.G., Università, e altre organizazzioni globali allo scopo di raggiungere una missone condivisa di sostenibilità e benessere sociale.