Come nutrire i cavalli

Nozioni di base sull’alimentazione dei cavalli – Tipi di mangime

Quando si tratta di nutrire i cavalli, abbiamo il noto dibattito “Pascolo contro Mangimi Commerciali”. È vero che i cavalli (proprio come le mucche, i maiali, le capre e altri animali addomesticati) erano sopravvissuti per secoli solo mangiando pascoli e bevendo acqua allo stato brado. Tuttavia, la vita media di un cavallo in natura è molto più breve della durata che vogliamo i nostri cavalli abbiano. Inoltre, alcuni animali (anziani, laboriosi, feriti, ecc.) necessitano di alti livelli di proteine ​​(e/o vitamine), che si trovano solo nei mangimi commerciali. In ogni caso, i cavalli devono avere accesso 24 ore su 24 ad acqua dolce e fieno.

Un cavallo può mangiare quotidianamente più dell’1% del suo peso corporeo in fieno. Se possiedi solo cavalli giovani e robusti e se il tuo campo può produrre abbastanza pascoli diversi durante tutto l’anno, puoi basare l’alimentazione del tuo cavallo su pascolo fresco e fieno ed evitare di spendere centinaia di euro in mangimi commerciali. Con il termine pascolo si definisce un’ampia gamma di specie vegetali: graminacee, trifoglio, erba medica (Medicago sativa), Lollium, leguminose, brassiche, ecc. Timothy, erba medica e Trifolium Alexandrinum (freschi o come fieno) sono una buona base nutritiva per i cavalli. Le specie di sorgo sono velenose e devono essere evitate. Un futuro proprietario di cavalli deve ricercare le piante locali che possono essere tossiche.

Le regole sopra menzionate sono generali e si applicano alla maggior parte dei cavalli sani. Tuttavia, nessun cavallo è uguale all’altro, né hanno le stesse capacità fisiche e le stesse esigenze. Ad esempio, i cavalli più anziani di solito soffrono di problemi dentali e/o di mobilità. Pertanto, potrebbero non essere in grado di pascolare 15 ore al giorno per trovare il cibo. Dobbiamo quindi sempre avere in magazzino diversi tipi di mangimi commerciali. Crusca, Barbabietola da zucchero, Pellet Mix (pellet, fiocchi, mais), Avena, Orzo, Chaffed (fieno tritato) e Vitamine vengono utilizzati per integrare la dieta dei cavalli. I cereali vengono utilizzati principalmente quando prevediamo un aumento di peso. Sebbene i cereali in piccole quantità facciano un ottimo lavoro, dobbiamo essere cauti perché quantità eccessive si tradurranno in situazioni pericolose per la loro vita. Come regola generale, i cavalli maturi, sani e robusti possono consumare più fieno e pascolo, mentre i cavalli più anziani, feriti e laboriosi richiedono più proteine ​​e in alcuni casi anche vitamine.

Se il nostro cavallo è impegnato in lavori pesanti o è anziano, possiamo offrire mangimi misti commerciali ricchi di proteine. Gli allevatori di solito offrono prodotti anti-sfregamento agli animali più anziani con problemi dentali. La paglia d’orzo è molto povera di proteine ​​(circa il 5%) e molto ricca di fibre.

Il primo taglio di un campo contenente Trifolium alexandrinum e altre piante affini è un’ottima fonte di fibre.

Il fieno di avena è un foraggio adatto per cavalli maturi a mantenimento e fattrici in gestazione precoce. Secondo Bob Coleman, i proprietari di cavalli dovrebbero testare il fieno di avena per i livelli di nitrati per garantire che il foraggio sia sicuro. I livelli di nitrati nella dieta totale di un cavallo non devono superare lo 0,5%.

In generale, lo stomaco di un cavallo è piccolo rispetto alle sue grandi dimensioni. Pertanto, i cavalli dovrebbero idealmente avere un accesso continuo ma controllato a piccole dosi di cibo in modo che possano consumare al proprio ritmo pasti piccoli e frequenti piuttosto che 2-3 pasti più abbondanti al giorno. Tuttavia, ricorda che subito prima e dopo un esercizio intenso (ad esempio, l’equitazione), non dovresti permettere ai cavalli di mangiare perché probabilmente soffriranno di coliche.

Infine, i proprietari di cavalli mettono spesso blocchi di sale all’interno del box del cavallo. In questo modo, i cavalli leccheranno il blocco di sale a libera scelta e soddisferanno i loro bisogni di sodio e cloruro. Tuttavia, tieni presente che molti blocchi di sale sono mineralizzati, cioè contengono anche altri minerali. Una grande percentuale di cavalli riceve abbastanza di quei minerali dai loro mangimi commerciali o integratori vitaminici. Quindi puoi discutere con il tuo veterinario locale autorizzato sulla dieta del tuo cavallo e quindi sulla fornitura o meno di blocchi di sale mineralizzati.

Il proprietario di un cavallo per la prima volta deve prima consultare esperti locali, un veterinario locale e/o un agronomo per formare un programma alimentare annuale razionale ed essere informato sulle piante e sugli arbusti tossici che si trovano comunemente nella regione. In molti casi, la flora della regione e le condizioni meteorologiche sono parametri importanti dell’equazione finale. Il veterinario e il proprietario del cavallo dovrebbero anche esaminare la salute fisica e dentale del cavallo. Sotto la supervisione di un veterinario autorizzato, l’allevatore può includere alcune vitamine in determinati programmi di alimentazione.

Nutrire i cavalli ogni giorno è una questione molto complessa, soprattutto se hai più di 3-4 cavalli di età, background ed esigenze diverse, alcuni con problemi dentali, ecc. Se ti affidi solo alla tua memoria e li nutri senza prendere nota delle quantità, diventerai presto confuso sul programma alimentare giornaliero di ogni cavallo. Ti consigliamo di posizionare una lavagna nella stanza in cui prepari e mescoli il mangime di ogni cavallo. Creare una tabella con i nomi di tutti i tuoi cavalli e colonne con la quantità di ogni mangime così ti assicuri di tenere sempre traccia del programma di mangime giornaliero e settimanale di ogni cavallo.

Anche se sembra un’attività noiosa e che fa perdere tempo, tenere questo tipo di appunti può essere molto utile in alcuni casi: ogni volta che c’è un sintomo allarmante per un cavallo, il veterinario chiede della dieta sostenuta del cavallo negli ultimi 3 o 4 giorni. In tal caso, devi essere molto preciso e fornire informazioni analitiche sul tipo di alimento, sugli ingredienti e sulla quantità esatta. Il veterinario avrà quindi tutti i dati per fare una diagnosi corretta. Puoi anche leggere di più sulle piante velenose per i cavalli. (Plants Poisonous to Horses.)

  1. Come allevare i cavalli
  2. Alloggiare i cavalli
  3. Selezione di un cavallo
  4. Come nutrire i cavalli
  5. Sicurezza sanitaria e cura dei cavalli
  6. Gestione dei rifiuti e del letame equino
  7. Domande e risposte sui cavalli

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी العربية Türkçe Русский Ελληνικά Português Tiếng Việt Indonesia

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.