Come coltivare l’uva e ottenere profitto – Guida essenziale per il coltivatore di uva

Riepilogo dell’agricoltura in vigna – Coltivazione commerciale dell’uva

La produzione di uva, se fatta in modo razionale e scalabile, può essere una buona fonte di reddito a lungo termine. Tuttavia, la coltivazione della vite, sia per il consumo (uva da tavola) che per la vinificazione, è una scelta che “legherà” te e la tua terra per almeno due decenni. Pertanto, questa decisione richiede ricerche approfondite e un piano aziendale chiaro.

Prima di tutto, devi sapere che molti paesi hanno regolamenti molto severi sulla concessione di licenze per la coltivazione della vite. In secondo luogo, è sempre meglio avere un proprio terreno (almeno 4-5 ettari) perché la coltivazione della vite richiede molti anni di sfruttamento del campo. La vite media matura e dà la massima resa circa 7-8 anni dopo l’impianto. Quindi, se prendi in considerazione l’affitto di un campo, i costi fissi aumenteranno e nessuno potrà assicurarti che sarai in grado di mantenerlo occupato tra un decennio.

In poche parole, la vite è una pianta perenne con una grande varietà di tecniche colturali. Come regola generale, le varietà vinicole maturano e danno una buona resa circa 7-8 anni dopo l’impianto. D’altra parte, le varietà di uva da tavola contemporanee (destinate al consumo) possono raggiungere la loro maturità e dare la massima resa già due anni dopo la semina. Il buon andamento delle viti dura circa 15-17 anni, poi la maggior parte dei viticoltori di uva da tavola ara e distrugge le viti poiché non possono più dare una resa soddisfacente.

La maggior parte dei viticoltori commerciali avvia la coltivazione di vite da piante innestate. Tuttavia, in alcuni paesi in cui il suolo è esente da fillossera, possono preferire piante autoctone. È importante non impiantare un nuovo vigneto dove uno vecchio è stato recentemente rimosso. Il terreno sarà molto probabilmente impoverito e infetto. La finestra temporale tra il reimpianto può essere di 2-5 anni (chiedere a un agronomo locale autorizzato). La selezione della varietà è molto importante. Ogni vitigno ha caratteristiche qualitative uniche che possono essere espresse solo in determinate condizioni pedoclimatiche e con specifiche tecniche di coltivazione.

La selezione della varietà è un fattore restrittivo quando si coltiva l’uva. Le varietà di portainnesto e marza devono essere congrue e, ovviamente, è fondamentale scegliere la varietà più adatta al proprio clima. In genere la vite predilige estati calde e asciutte ed inverni freddi (non gelidi), suoli con un contenuto di argilla inferiore al 25%, e una piccola percentuale di ghiaia, sebbene queste necessità dipendano sempre dalla varietà del portainnesto. Sono necessarie anche quantità sufficienti di materia organica. Gli alti livelli di umidità durante l’estate molto probabilmente causeranno un aumento delle infezioni fungine. Temperature inferiori a -3 °C durante la primavera o inferiori a -15 °C durante il periodo di dormienza danneggiano il legno, i giovani germogli e le gemme. Inoltre, le temperature del suolo dovrebbero essere superiori a 5 °C affinché la vite possa recuperare al massimo la materia organica del suolo. I livelli ottimali di pH e U.R. dipendono dalla varietà. In genere, i livelli di pH ottimali sono compresi tra 6,5 ​​e 7,5. Tuttavia, ci sono varietà che crescono bene anche a livelli vicini a 4,5 o addirittura 8,5.

Dopo aver completato tutta la burocrazia e la selezione della varietà, è necessario avviare le fasi di pre-pianificazione. I viticoltori lavorano la terra e rimuovono ogni residuo di coltura precedente. Tuttavia, una lavorazione molto pesante nel terreno inclinato può avere conseguenze indesiderate, come l’erosione. I campi estremamente inclinati devono essere livellati. In caso contrario, molto probabilmente l’acqua scenderà dai livelli superiori e si raccoglierà nei livelli inferiori, causando condizioni di saturazione.

Successivamente, i produttori installano il sistema di irrigazione a goccia quando si tratta di vigneti da irrigare. Quando le piantine sono pronte per il trapianto, praticano dei piccoli fori nel terreno per piantarle. La maggior parte degli agricoltori esercita l’utilizzo di fertilizzanti, dell’irrigazione a goccia e la gestione delle piante infestanti.

Dopo il trapianto, è il momento di definire la forma e il sistema di allevamento della vite. Esistono diversi sistemi di allevamento tra cui scegliere, a seconda del vitigno, delle condizioni ambientali e pedologiche, delle tecniche di raccolta e, naturalmente, dell’esperienza di ogni viticoltore. I produttori danno la forma voluta alle loro viti utilizzando sostegni e tecniche di potatura. Questa procedura, nella maggior parte dei casi, richiede 2-3 anni nelle varietà da vino e 1-2 anni nelle varietà da tavola.

Dopo aver eseguito l’installazione e la sagomatura del traliccio, il programma di lavoro annuale che prende inizio include la potatura, la rimozione delle parti appassite, la defogliazione e il diradamento dell’uva. Alcuni viticoltori rimuovono la maggior parte dei germogli in via di sviluppo durante l’intero periodo di crescita per incoraggiare la pianta a dedicare le sue risorse a un minor numero di frutti ma di qualità superiore. Naturalmente, questo metodo non è preferito da tutti i viticoltori.

Durante la stagione di crescita è fondamentale monitorare il raccolto quasi quotidianamente per prevenire la diffusione di malattie e altre circostanze negative. L’agricoltore può raccogliere l’uva manualmente, utilizzando forbici o coltelli, o meccanicamente mediante l’uso di trattori. Tuttavia, l’uva da tavola può essere raccolta solo manualmente. Ogni metodo ha i suoi pro e contro. I vigneti tradizionali in Europa che producono vini di alta qualità e bassa resa vengono vendemmiati manualmente.

Il momento della vendemmia è difficile da generalizzare. È una combinazione tra il tipo di varietà, le condizioni climatiche, le caratteristiche del suolo e le tecniche di coltivazione. Raramente possiamo raccogliere l’uva nella stessa data in cui abbiamo raccolto l’anno precedente. Anche nella stessa azienda agricola, con gli stessi vitigni, i tempi di raccolta delle viti possono differire. In generale si potrebbe dire che nell’emisfero settentrionale la maggior parte delle varietà matura da agosto a novembre, mentre nell’emisfero australe da marzo ad agosto. Dopo la raccolta, i viticoltori separano con cautela le uve sane da quelle malate, le puliscono accuratamente, le raffreddano e le conservano per essere vendute così come sono o iniziano la procedura di vinificazione. Dopo la raccolta e la caduta del fogliame, la vite inizia ad entrare nel periodo di dormienza.

Per quanto riguarda la resa, in generale, quando raccogliamo varietà di uva da tavola, possiamo ottenere una resa maggiore rispetto a quando coltiviamo varietà da vino. Ma anche tra le varietà da vino ci sono differenze significative nella resa finale. Ogni agricoltore deve prendere decisioni dopo avere ottenuto informazioni, basate sui fatti e trovare il giusto equilibrio tra quantità e qualità. Alcuni produttori di uva europei (varietà Sauvignon o Cabernet) affermano di non voler raccogliere più di 6 tonnellate di uva per ettaro perché una resa maggiore ridurrà drasticamente la qualità del prodotto. Sebbene questa resa possa sembrare incredibilmente bassa rispetto ad altre varietà, è più che sufficiente per sostenere finanziariamente il produttore poiché può vendere i suoi prodotti a un prezzo superiore. Le varietà vinicole di media e bassa qualità, invece, possono dare 20-40 quintali per ettaro o anche di più, ma non possono essere commercializzate a caro prezzo. Le varietà di uva da tavola possono produrre una resa di 20-50 tonnellate per ettaro.

Puoi fare clic sui seguenti collegamenti e leggere di più su ciascuna delle tecniche di coltivazione della vite.

Riferimenti:

  1. Definizione di viticoltura – Cos’è la viticoltura?
  2. Rapida panoramica sull’uva
  3. Benefici dell’uva sulla salute
  4. Informazioni sulla pianta d’uva
  5. Selezionare la varietà di uva
  6. Come coltivare l’uva e ottenere profitto – Guida essenziale per il coltivatore di uva
  7. Requisiti e preparazione del suolo per la coltivazione della vite
  8. Sesto d’impianto e spaziatura – Numero di piante per ettaro
  9. Sistemi e metodi di allevamento dell’uva
  10. Irrigazione della vite e gestione dell’acqua
  11. Potatura, defogliazione e diradamento della vite
  12. Gestione del fertilizzante per le viti
  13. Parassiti e malattie comuni della vite
  14. Vendemmia: quando e come raccogliere
  15. Resa di uva per ettaro
  16. L’uso della tecnologia nella viticoltura contemporanea

 

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी العربية Türkçe Русский Ελληνικά Português Tiếng Việt Indonesia

La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.