Come coltivare la Zinnia

La Zinnia è una pianta molto resistente e adattabile. È uno dei modi più semplici per dare colore al nostro giardino. I fiori di Zinnia sono disponibili in una vasta gamma di tipi e cultivar. Crescono meglio in terreno umido, fertile, ben drenato e soleggiato. Le piante generalmente preferiscono temperature da 23°C a 29°C. Preferiscono le estati lunghe e calde, mentre non amano i cambiamenti climatici improvvisi e le correnti d’aria fredde. Il pH del terreno deve essere compreso tra 5,5 e 7,5. Se viene aggiunto del compost al terreno, i fiori cresceranno più velocemente. Puoi chiedere consiglio a un agronomo autorizzato dopo aver condotto un’analisi del suolo.

Come coltivare la Zinnia dal seme?

Per usi commerciali, le Zinnie sono per lo più propagate per seme (propagazione sessuale). Le zinnie sono generalmente molto facili da coltivare partendo dal seme. I semi di Zinnia possono essere seminati in superficie e quindi aggiungere solo un piccolo strato di terreno in modo che i semi non siano esposti direttamente alla luce solare. Possono essere seminati non appena il terreno è abbastanza caldo e le gelate sono terminate. In molti casi, già in soli 10-14 giorni (a seconda della varietà), alcune piccole piantine di Zinnia saranno cresciute, con fiori che sbocciano dopo poche settimane. Possiamo anche coltivare Zinnie in casa seminando circa 4 – 6 settimane prima della nostra ultima gelata.

Come trapiantare le piantine di Zinnia

Se vuoi trapiantare le piante tieni presente che il terreno deve essere abbastanza caldo, con una temperatura del suolo di 21-26°C. Non saranno trapiantate troppo presto in primavera, né troppo tardi; altrimenti, le piante soffriranno. La stagione di fioritura della Zinnia inizia in tarda primavera e termina in autunno (prima del primo gelo). Le piante di Zinnia crescono velocemente e normalmente fioriscono da sei a otto settimane dopo la semina. È meglio scegliere un posto soleggiato nel nostro giardino. Le zinnie preferiscono crescere in grandi contenitori. Puoi selezionare un vaso di almeno 30 cm per ottenere risultati migliori. Le varietà alte, come la State Fair, hanno bisogno dei vasi più grandi.

Cimatura e Deadheading

Se vogliamo che la pianta appaia più cespugliosa e abbia più fiori, possiamo cimare parte dei gambi e buttare via la talea. Questa tecnica è chiamata cimatura. Più cimiamo, più la Zinnia ricrescerà e si rigenererà. Possiamo potare lo stelo sulle prime foglie in modo che la pianta non sprechi la sua energia nella produzione di nuovo materiale vegetale che verrà rimosso. Possiamo cimare il gambo con delle forbici speciali.

Lo scopo di ogni pianta è produrre semi e quindi riprodursi. La pianta di Zinnia è geneticamente programmata per produrre semi in una certa fase del suo ciclo biologico. Tuttavia, se lasciamo che i fiori di Zinnia producano semi, le piante dedicheranno tutta la loro energia alla procedura di creazione dei semi e quindi smetteranno di fiorire. Di conseguenza, se vogliamo prolungare il periodo di fioritura delle piante, dovremo eliminare ogni parte della pianta che contiene semi immaturi. Questa procedura è chiamata deadheading e la maggior parte dei giardinieri esegue queste due procedure (cimatura e deadheading) in una sessione.

Irrigazione delle piante di Zinnia – Irrigazione

La maggior parte delle piante di Zinnia proviene dalle regioni equatoriali, motivo per cui alcune varietà sono più resistenti alla siccità. Indipendentemente da quanto bene possano fare in condizioni di terreno asciutto, possono sempre trarre beneficio e produrre ancora più fiori se viene fornita acqua supplementare. In linea di massima possiamo annaffiare le piante di Zinnia 2-3 volte a settimana quando notiamo che il terreno è completamente asciutto.

Inoltre, irrigheremo le zinnie sulla superficie del suolo e non sulle foglie. In questo modo, manteniamo il fogliame asciutto e riduciamo il rischio di diffusione della malattia. La maggior parte dei giardinieri irriga le zinnie la mattina presto. Se le innaffiamo durante la sera, il fogliame rimarrà umido e, di conseguenza, più vulnerabile alle infezioni fungine. Dopo che le Zinnie hanno raggiunto un’altezza di 15-20 cm, possiamo aggiungere 8 cm di pacciame intorno per controllare l’evaporazione dell’acqua. Il pacciame aiuta anche a preservare l’umidità del suolo e blocca le erbacce indesiderate in competizione con le Zinnie per l’acqua, la luce solare e le sostanze nutritive.

Raccolto – Conservazione del seme di Zinnia

La produzione di semi di Zinnia si tradurrà in una rapida diminuzione della fioritura. Tuttavia, se vogliamo davvero raccogliere i semi di Zinnia, possiamo farlo molto facilmente. Per prima cosa, dobbiamo smettere di interrompere la pianta nella produzione di semi. Quindi, possiamo usare dei sacchetti di carta (in modo che assorbano l’umidità), tagliare i fiori e strofinarli delicatamente tra le dita in modo che i semi cadano nel nostro sacchetto. Dopo averli raccolti, possiamo stenderli in casse poco profonde o sopra della carta in un locale chiuso per un paio di settimane per consentire loro di asciugarsi completamente.

Parassiti nelle piante di Zinnia

Sfortunatamente, le zinnie occasionalmente vengono attaccate da insetti. Gli insetti più comuni che possono attaccare le zinnie sono afidi, tripidi e mosche bianche. Possiamo facilmente individuare gli insetti che hanno attaccato le nostre zinnie scuotendo la pianta e verificando la presenza di insetti. Se controllando la parte inferiore della foglia si notano delle macchie bianche o uova, è probabile che afidi o mosche bianche abbiano attaccato le nostre piante. Il miglior trattamento in tutti i casi è la prevenzione. Se non ha funzionato, puoi creare un insetticida fatto in casa, aggiungendo 35 gr di detersivo per i piatti e 10 gr di alcol in 1 litro di acqua e mescolando bene. Questo composto andrà spruzzato al mattino ovunque si notano segni di afidi, tripidi e mosche bianche. Si può ripetere questa procedura ogni giorno per diversi giorni.

Malattie delle piante di Zinnia

Le infezioni da funghi sono più comuni delle invasioni di insetti. Le malattie fungine più comuni nelle zinnie sono la muffa polverosa e la macchia fogliare di Alternaria. Come suggerisce il nome, muffa polverosa provoca l’oidio bianco sulla superficie del fogliame vecchio o nuovo. Le foglie infette cadono prima di quelle sane. La macchia fogliare di Alternaria provoca macchie rossastre, marroni e viola sul fogliame.

La chiave per preservare la salute e l’intensa fioritura delle Zinnie è costruire un ambiente poco accogliente per i parassiti. Fai crescere le tue piante di Zinnia al sole, innaffia regolarmente, ma mantieni il terreno ben drenato per evitare l’arrivo di insetti. Applica la potatura e la cimatura per avere piante sane, vigorose e in fiore. Rimuovere eventuali foglie o fiori morti. Inoltre, rimuovi tutte le erbacce indesiderate che possono attirare vari insetti. Se hai eseguito tutti questi passaggi e le tue piante soffrono ancora, puoi chiedere consiglio al tuo agronomo locale autorizzato.

Riferimenti

https://www.rhs.org.uk/Plants/199305/i-Zinnia-elegans-i-Dreamland-Red-(Dreamland-Series)/Dettagli

https://www.chicagobotanic.org/plantinfo/smart_gardener/zinnias_hardest_working_flower_summer_garden

https://homeguides.sfgate.com/much-water-should-use-water-zinnias-75537.html

http://hort.ufl.edu/floriculture/pdfs/crop_production/zinnia_ENHFL05-017.pdf

https://ucanr.edu/sites/ucmgnapa/files/81929.pdf

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी العربية Türkçe Русский Ελληνικά Português Indonesia

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.