Come allevare i polli

Introduzione all’allevamento di polli – Nozioni di base sui polli da cortile

Simile a molte altre attività agricole o di allevamento, se possiedi il triangolo “Terra – Tempo – Energia”, puoi provare la gioia di allevare i tuoi polli nel tuo cortile, indipendentemente dal fatto che tu abbia intenzione di allevarli per le loro uova o la loro carne. Il primo anno di coinvolgimento è introduttivo e un allevatore inesperto deve iniziare con un massimo di 4-5 polli per testare il proprio impegno.

Prima di tutto, per chiarificazione, non hai bisogno di un gallo (un pollo maschio adulto) se sei interessato solo a raccogliere le uova. Le galline femmine possono produrre uova senza la presenza di un gallo. Un gallo è necessario solo se allevi polli per la loro carne. In tal caso, avrai bisogno di un gallo per ottenere uova fertili (da cui emergeranno i pulcini appena nati) e, naturalmente, avrai anche bisogno di una gallina da cova.

Le normative locali sono più severe per i pollai che ospitano un gallo piuttosto che per quelli che hanno solo galline femmine. Dovresti prima controllare con l’autorità locale il quadro legale completo, ma nella maggior parte dei casi non affronterai alcun problema se allevi solo polli femmine (il rumore è molto più basso) in un’area semi rurale.

La durata della vita di un pollo sano varia da 8 a 12 anni. Ci sono, ovviamente, notevoli eccezioni a questi limiti di età. Le galline iniziano a produrre uova dai 5-6 mesi fino agli ultimi anni di vita. Tuttavia, la maggior parte dei polli smette di produrre uova a un buon ritmo quando raggiungono i tre anni. Durante i primi anni di vita, la maggior parte dei polli produce 180-270 uova all’anno.

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी العربية Türkçe Русский Ελληνικά Português Tiếng Việt Indonesia

La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.