Come coltivare i meloni a scopo commerciale: tutto ciò che devi sapere

L’allevamento commerciale di meloni all’aperto, se fatto in modo razionale e scalabile, può essere una buona fonte di reddito. Il fattore restrittivo nella coltivazione del melone è sempre il clima. La pianta viene dall’Africa. È una pianta estremamente sensibile alle basse temperature e al gelo. Richiede in media temperature da 18 a 35°C, mentre la temperatura del suolo non dovrebbe scendere sotto i 18°C. In poche parole, la maggior parte dei coltivatori di meloni commerciali inizia il raccolto dai semi (ibridi) in un ambiente protetto al chiuso. Preparano il campo mentre aspettano che le giovani piantine crescano e siano pronte per il trapianto. Lavorano la terra, fanno i letti o i solchi e posizionano una pellicola di plastica nera attraverso le file. La pellicola di plastica nera non solo aiuta il terreno a riscaldarsi, ma controlla anche le erbacce. Progettano e posizionano anche l’impianto di irrigazione a goccia. Alcuni produttori rafforzano le piante per 3-6 giorni prima di trapiantarle nelle posizioni finali. Quando sono pronte per il trapianto, praticano dei piccoli fori nel film plastico e piantano le piantine.

Nella maggior parte dei casi vengono applicate la fertilizzazione, l’irrigazione a goccia, la gestione delle infestanti e il diradamento. Ciò significa che i coltivatori di meloni commerciali rimuovono i meloni malformati o sottosviluppati per incoraggiare la pianta a dedicare le sue risorse a frutti meno numerosi ma più grandi e più gustosi. La maggior parte delle varietà commerciali di melone può essere raccolta 78-90 giorni dopo il trapianto. Possiamo raccogliere solo usando le forbici manuali o coltelli. Dopo la raccolta, i coltivatori di meloni arano e distruggono i residui del raccolto. Possono anche ruotare il raccolto per controllare le malattie o prevenire l’esaurimento del suolo. Come regola generale, eviteremo di coltivare le Cucurbitacee nello stesso terreno per più di due anni consecutivi.

Tecnicamente, la parola melone si riferisce a qualsiasi membro della famiglia delle Cucurbitacee. Tuttavia, la maggior parte delle persone con il termine melone si riferisce specificamente a Cucumis melo L.

Innanzitutto, è fondamentale decidere il metodo di coltivazione e le varietà di melone che prosperano nella nostra zona. Esistono 2 metodi per coltivare i meloni: crescerli dai semi e crescerli dalle piantine.

Meloni cresciuti dal seme

Per la coltivazione all’aperto, i meloni impiegano in media da 100 a 130 giorni dalla semina alla raccolta. Tuttavia, se hai intenzione di coltivare il melone dai semi, ci sono alcuni fatti che devi sapere. Innanzitutto, i semi di melone richiedono una temperatura del suolo di almeno 18 °C per germinare. In secondo luogo, il seme deve avere livelli di umidità ottimali per germogliare. L’irrigazione eccessiva può essere dannosa. Alcuni produttori annaffiano abbondantemente il terreno un giorno prima della semina diretta e non irrigano nuovamente fino a quando i semi non germogliano. Tuttavia, questa non è una buona tecnica se il terreno ha difficoltà a preservare abbastanza acqua disponibile. Molti coltivatori normalmente piantano i semi in cumuli di terra o in letti di semina rialzati. Se non hanno applicato il letame prima di piantare, scavano buche profonde e larghe 35-40 cm e aggiungono il letame. Mescolano il letame con il terreno rimosso e creano piccole colline. Successivamente, piantano 3-5 semi in ciascuna collina a una profondità di 3 cm. Il terreno deve avere abbastanza umidità in questa fase. Per quanto riguarda le distanze di semina, uno schema comunemente usato è 90–120 cm tra i semi di fila e 150–180 cm tra le file. Quando le piantine hanno sviluppato 1-2 foglie vere, molti produttori rimuovono le piantine in più, lasciando 2-3 piante sane per cumulo di terra.

In 1 grammo di semi di melone ci sono circa 25-30 semi. Molti coltivatori riferiscono di aver bisogno di 0,25-0,4 kg di semi per ettaro. I semi di melone germinano relativamente facilmente in 4-7 giorni, a seconda delle condizioni meteorologiche e del suolo. Nelle zone a rischio di gelo, i coltivatori preferiscono seminare i semi nel vivaio in condizioni controllate e poi trapiantarli nelle loro posizioni finali. Preferiscono utilizzare l’erba come substrato per un’aerazione ottimale. Iniziano i loro trapianti in casa 2-3 settimane prima del trapianto. Alcuni produttori rafforzano le piante per 3-6 giorni prima di trapiantarle nelle posizioni finali.

Meloni cresciuti da piantine non innestate

Un altro metodo comunemente usato è l’acquisto di piantine non innestate. Se seguiamo questo metodo, è fondamentale scegliere con cura la varietà di melone che andremo a piantare. Se, ad esempio, i campi della nostra zona hanno problemi di malattie, parassiti, pH basso o livelli di salinità, allora non tutte le varietà possono prosperare. Alcune varietà sono più tolleranti ad alcuni di questi fattori, mentre altre no. La maggior parte dei produttori preferisce acquistare e trapiantare piantine di età compresa tra 3-6 settimane. A questo punto, avranno sviluppato 1-3 foglie.

Meloni cresciuti da piantine innestate

L’innesto è una tecnica comunemente usata mediante la quale uniamo parti di due piante diverse per ottenere una singola pianta. La parte superiore della prima pianta è detta marza e cresce sull’apparato radicale della seconda pianta, che prende il nome di portainnesto. Alla fine, abbiamo un impianto che combina tutti i vantaggi dei suoi diversi componenti. Alcuni produttori preferiscono coltivare da seme sia la pianta portainnesto che la marza. Quindi, eseguono l’innesto da soli, mentre altri acquistano piantine innestate certificate da venditori legittimi. Alcune piantine comunemente usate al giorno d’oggi sono ibride di Cucumis melo L innestati su C. maxima × C. moschata.

Requisiti e preparazione del suolo per la coltivazione di meloni

I meloni prosperano meglio in terreni ricchi e leggermente sabbiosi con livelli di pH da 6 a 6,5. Non amano i terreni con un quantitativo di acqua elevato. Dovremmo evitare di utilizzare terreni argillosi pesanti con scarso drenaggio e aerazione. La coltivazione del melone richiede un’ampia preparazione del terreno prima della semina per essere redditizia e portare a rese elevate.

La preparazione di base del terreno inizia circa 3 mesi prima del trapianto delle piantine di melone. I contadini arano bene in modo da migliorare l’aerazione e il drenaggio del suolo. Allo stesso tempo, l’aratura rimuove rocce e altri materiali indesiderati dal terreno. Una settimana prima della semina, molti agricoltori applicano un fertilizzante pre-piantagione come letame o fertilizzante commerciale sintetico, sempre dopo aver consultato un agronomo locale autorizzato. Poiché le piante di melone hanno bisogno di molto spazio per crescere, gli agricoltori le piantano a distanze predefinite.

Di conseguenza, non vi è alcun motivo di applicare il fertilizzante pre-piantagione all’intero campo. Una buona tecnica è segnare le aree in cui pianterai e poi applicare il fertilizzante verso le linee. Il giorno successivo è probabilmente il momento giusto per installare i tubi di irrigazione a goccia. Dopo l’installazione, alcuni agricoltori possono applicare sostanze per la disinfezione del suolo attraverso il sistema di irrigazione se l’analisi del suolo ha rivelato problemi di infezione del suolo (chiedere ad un agronomo autorizzato della propria zona).

Il rivestimento lineare in polietilene è il passaggio successivo e più importante (soprattutto nei paesi con temperatura del suolo non ottimale durante il periodo di semina). Molti produttori coprono le file con pellicola di plastica nera o verde a trasmissione di infrarossi (IRT). Usano questa tecnica per mantenere la temperatura della zona radicale a livelli ottimali (>18°C) e prevenire la crescita delle erbacce. In questo modo viene stimolata la crescita delle piante, mentre le erbacce vengono controllate efficacemente.

Piantagione di meloni, spaziatura delle piante e numero di piante per ettaro

In molti casi, il periodo più adatto per piantare i meloni all’aperto è durante la seconda metà della primavera. A quel tempo, il pericolo del gelo è passato nella maggior parte dei casi. Gli agricoltori generalmente preferiscono piante di età compresa tra 3 e 6 settimane. A questo punto, hanno sviluppato da 1 a 3 foglie.

Dopo tutte le fasi di preparazione iniziate mesi prima della messa a dimora (aratura, concimazione di base, lavorazione del terreno, installazione dell’impianto di irrigazione e copertura con film plastico), si può procedere al trapianto. I coltivatori etichettano i punti esatti sulla plastica di polietilene dove pianteranno le giovani piante. Quindi scavano buchi nella plastica e piantano le piantine. È essenziale piantare le piantine alla stessa profondità in cui si trovavano al vivaio.

Un modello di impianto comunemente usato per varietà di medie dimensioni è una distanza da 0,4 a 0,6 m tra le piante sulla fila e da 1,5 a 2,2 m di distanza tra le file. Questo modello ci darà 5.000-10.000 piante per ettaro. (1 ettaro = 2,47 acri = 10.000 mq). Le distanze e il numero di piante dipendono dalla varietà di melone, dalle condizioni ambientali e dalla dimensione del melone desiderata che è sempre dettata dal mercato.

Meloni a bassa copertura

Poiché nei paesi non tropicali c’è sempre il pericolo di gelate o forti piogge, anche in primavera la maggior parte degli agricoltori protegge le giovani piante con una bassa copertura a tunnel. Subito dopo la semina, creano tunnel di 50 cm di altezza, utilizzando montanti di supporto in plastica o ferro e coperture di plastica bianca. In poche parole, creano minuscole serre per mantenere il microclima desiderato e proteggere le giovani piantine da fattori dannosi (agenti atmosferici e, in alcuni casi, parassiti). Circa 20 – 30 giorni dopo (a seconda delle condizioni meteorologiche), strappano gradualmente la copertura per facilitare l’impollinazione.

Potatura nelle coltivazioni di melone – Un metodo controverso

Alcuni produttori di meloni preferiscono potare le loro piante, mentre altri affermano che la potatura ritarda lo sviluppo e l’allegagione della pianta. Chi pota le proprie piante rimuove la maggior parte delle vene periferiche della pianta precocemente, durante le prime fasi di sviluppo quando ha solo 3-4 vene. È stato segnalato che la potatura promuove la crescita dei fiori femminili e in alcuni casi accelera la maturità. Alcuni produttori preferiscono rimuovere il fogliame in eccesso che impedisce una corretta aerazione durante l’intero periodo di crescita. In questo modo proteggono la pianta dall’umidità che favorisce infezioni come la muffa polverosa. Tuttavia, altri ricercatori affermano che la rimozione del fogliame dalla pianta del melone produce frutti meno gustosi.

Requisiti idrici del melone e sistemi di irrigazione – Quanta acqua serve ai meloni?

Secondo la Iowa State University, il fabbisogno idrico del melone durante il clima secco varia da 25 mm-50 mm di acqua ogni 7-10 giorni. Naturalmente, il fabbisogno idrico può essere totalmente diverso a seconda delle diverse condizioni atmosferiche e del suolo. Ad esempio, un’elevata umidità atmosferica o giornate piovose potrebbero non richiedere affatto sessioni di irrigazione. D’altra parte, una giornata secca con una temperatura molto elevata può richiedere una sessione di irrigazione al giorno.

Molti produttori nei paesi mediterranei preferiscono irrigare i loro meloni per 10 minuti a giorni alterni durante le prime fasi. Dimezzano le sessioni di irrigazione quando il frutto si avvicina alla maturità. Infine, riducono ulteriormente l’acqua fornita e quasi interrompono l’irrigazione durante le ultime fasi della maturità. L’eccesso di acqua in queste fasi renderà il frutto acquoso e insapore con un caratteristico cuore bianco a causa del basso contenuto di zuccheri. Tuttavia, un numero considerevole di coltivatori preferisce non diminuire l’irrigazione durante i livelli di maturità. Lo fanno perché le piante continuano a dare nuovi frutti. In alcuni stati degli Stati Uniti, i produttori di meloni commerciali forniscono in media 25-50 mm di acqua a settimana. Molti produttori preferiscono irrigare i loro meloni al mattino presto per ridurre al minimo il rischio di malattie del fogliame.

Generalmente, i meloni hanno un fabbisogno idrico elevato, ma l’irrigazione del fogliame è stata collegata a focolai di malattie. L’eccesso di umidità, in genere, può favorire lo sviluppo di agenti patogeni come la muffa polverosa. D’altra parte, le piante stressate dall’acqua sono più suscettibili alle malattie. Il sistema di irrigazione più utilizzato è l’irrigazione a goccia.

Impollinazione del melone

I grani di polline prodotti dai fiori di melone sono relativamente pesanti e non possono essere adeguatamente trasferiti dal vento. L’allegagione si basa sull’attività delle api e di altri insetti utili che distribuiscono il polline. Nei grandi allevamenti commerciali di meloni, è quasi necessario posizionare 2-3 alveari robusti per ettaro prima della fioritura. Eviteremo di utilizzare insetticidi dannosi per le api. Poiché i coltivatori non possono evitare internamente l’uso di insetticidi, preferiscono applicarli in orari specifici, ad esempio a tarda sera (chiedere a un agronomo locale autorizzato).

Requisiti del fertilizzante del melone- Che tipo di concime per i meloni?

Prima di tutto, devi prendere in considerazione le condizioni del suolo del tuo campo attraverso test del suolo semestrali o annuali prima di applicare qualsiasi metodo di fertilizzazione del terreno. Non esistono due campi uguali, né nessuno può consigliarti sui metodi di fertilizzazione senza considerare i dati di prova del tuo suolo, l’analisi dei tessuti e la cronologia delle colture del tuo campo. Tuttavia, elencheremo gli schemi di concimazione del melone più comuni utilizzati da un numero considerevole di agricoltori.

Il metodo di concimazione più utilizzato è chiamato “fertirrigazione” (fertilizzazione + irrigazione). Gli agricoltori iniettano fertilizzanti idrosolubili all’interno del sistema di irrigazione a goccia. In questo modo, possono fornire i nutrienti gradualmente e dare alla pianta il tempo giusto per assorbirli. La fertirrigazione inizia generalmente circa due o tre settimane dopo il trapianto delle piantine di melone.

Molti agricoltori applicano la concimazione pre-impianto come letame ben decomposto verso i filari una settimana prima della semina e iniziano la fertirrigazione utilizzando un fertilizzante Ca(NO₃)₂ circa due settimane dopo il trapianto. Durante le successive irrigazioni si applica un fertilizzante Azoto-Fosforo-Potassio 12-48-8 arricchito con oligoelementi (micronutrienti). In molti casi, i micronutrienti aiutano le piante a superare qualsiasi condizione di stress causata dal trapianto. Alcuni produttori forniscono ai loro meloni fertilizzanti di calcio durante le fasi di fioritura per facilitare l’impollinazione ottimale, sebbene questa tecnica sia stata messa in dubbio. Altri agricoltori riferiscono che l’applicazione di nitrato di potassio nella fase di fioritura è vantaggiosa.

Quando i meloni iniziano la procedura di allegagione, alcuni coltivatori di meloni iniziano ad applicare un fertilizzante azoto-fosforo-potassio 20-20-20. Continuano i 20-20-20 finché il frutto non raggiunge ⅔ del suo peso finale. Da questo momento in poi, iniziano a fornire ai meloni KNO3. Nella fase di maturità finale, cambiano in ‎Κ₂SO4. In queste fasi, le piante normalmente hanno un fabbisogno maggiore di potassio per creare frutti grandi e ben formati. Tieni presente che le piante di melone spesso soffrono di carenze di magnesio. In questo caso, gli agricoltori applicano solfato di magnesio o ossido di magnesio.

Tuttavia, questi sono solo schemi comuni che gli agricoltori non dovrebbero seguire ciecamente senza fare le proprie ricerche. Ogni campo è diverso e ha esigenze diverse. Controllare i nutrienti e il pH del terreno è fondamentale prima di applicare qualsiasi metodo di fertilizzazione. Puoi consultare il tuo agronomo locale autorizzato.

Raccolta e conservazione del melone

La maggior parte delle varietà di melone raggiungono la piena maturità e sono pronte per essere raccolte da 78 a 90 giorni dopo il trapianto. Quando sono pronte per la raccolta, nella maggior parte dei casi, notiamo una macchia gialla sulla loro pelle sulla superficie a contatto con il terreno. Inoltre, si possono osservare variazioni di colore della buccia, aumento dell’aroma o facilità del frutto di scivolare dalla nervatura.

A causa della differenziazione nel tempo di impollinazione, non tutti i meloni maturano contemporaneamente. Pertanto, potremmo dover raccogliere lo stesso campo più di una volta. I meloni possono essere raccolti solo a mano. Dobbiamo essere cauti nel tagliare e non strappare i frutti. Dopo la raccolta, i meloni vengono spesso lavati e conservati a temperature fresche, per una migliore e più lunga conservazione.

Resa di melone per ettaro

I produttori di meloni riferiscono di poter produrre 15-50 tonnellate di meloni per ettaro. Secondo la Iowa State University, nei grandi allevamenti di meloni commerciali degli Stati Uniti, le rese riportate variavano da 20.000 a 53.000 libbre per acro. (1 ettaro = 2,47 acri = 10.000 metri quadrati e 1 tonnellata = 1.000 kg = 2.200 libbre)

La resa dipende dalla varietà della pianta del melone, dalla sua salute generale durante il periodo di crescita, dalle distanze di impianto e dalle condizioni ambientali. Negli allevamenti di meloni commerciali, potremmo aspettarci di raccogliere 2 o anche 3 meloni a grandezza naturale per pianta.

Parassiti e malattie comuni del melone

La prima precauzione contro parassiti e malattie è sempre la rotazione delle colture. Il secondo è acquistare solo semi e piantine certificati e privi di malattie.

Parassiti

Afidi

Gli afidi succhiano la linfa e fanno indebolire la pianta. Le foglie iniziano ad arricciarsi e restringersi. Inoltre, gli afidi trasmettono diverse malattie virali. Una buona tecnica è monitorare la loro popolazione usando costantemente trappole a ferormoni. Se il numero supera i limiti tollerabili, si può pensare di intervenire, sempre su consiglio di un agronomo locale abilitato. Esistono sul mercato soluzioni biologiche e chimiche, che dovrebbero essere sempre utilizzate secondo gli standard GAP e la supervisione di un agronomo locale abilitato.

Scarabeo di cetriolo

Esistono 2 tipi di coleotteri/scarabei che colpiscono le piante di melone.

  1. Lo scarabeo di cetriolo a strisce, Acalymma vittata
  2. Il coleottero di cetriolo maculato Diabrotica undecimpunctata howardi.

Appaiono molto spesso negli Stati Uniti e nel Canada meridionale. I coleotteri adulti masticano il fogliame, i fiori e il frutto del melone, provocando gravi danni. Tuttavia, i danni causati da questi coleotteri non sono solo lesioni ai tessuti dovute alla masticazione. Trasmettono anche un pericoloso batterio patogeno chiamato Erwinia tracheiphila. Questo batterio provoca una delle malattie più pericolose dei meloni. Provoca l’appassimento batterico delle cucurbitacee. Inoltre, trasmettono il virus del mosaico della zucca, che è responsabile del mosaico della zucca, un’altra grave malattia di meloni e zucca.

Scarabei della pulce

I coleotteri delle pulci (Epitrix spp.) Sono piccoli insetti di colore da marrone a nero che causano problemi in molte Cucurbitacee. Scavano piccole buche sul fogliame che conferiscono un caratteristico aspetto “a sparo”. Inoltre, in molti casi, la crescita delle piante può essere ridotta. Se non controlliamo l’attacco, le lesioni estese possono causare la morte della pianta.

Malattie

Antracnosi

L’antracnosi è una malattia che provoca gravi danni, soprattutto sulle foglie. È causato dal fungo Colletotrichum lagenarium. Il clima fresco e umido favorisce le spore dei funghi. Le condizioni climatiche secche e calde interrompono il ciclo dell’agente patogeno, che continuerà quando le condizioni meteorologiche saranno di nuovo ottimali. I sintomi compaiono principalmente sulle foglie più vecchie, causando macchie necrotiche marroni. Possiamo anche osservare questi danni su steli, fiori e frutti. Il controllo dell’antracnosi inizia con adeguate misure precauzionali. Questi includono: controllo delle erbe infestanti e adeguate distanze tra le piante, insieme a una potatura adeguata per un’aerazione ottimale. I giusti livelli di nutrienti e acqua delle piante possono anche aumentare la loro immunità. Il trattamento chimico viene utilizzato solo se il problema è grave e sempre sotto la supervisione di un agronomo locale autorizzato.

Peronospora delle foglie di Alternaria

La peronospora delle foglie di Alternaria è una malattia causata da una specie del fungo Alternaria come Alternaria cucumerina. L’infezione è favorita dalle alte temperature combinate con alti livelli di umidità. I sintomi iniziano con l’osservazione di macchie caratteristiche sulle foglie più vecchie. Queste macchie diventeranno lesioni necrotiche sulle foglie con il progredire della malattia. Durante le ultime fasi, l’intero congedo alla fine morirà.

Muffa polverosa

La muffa polverosa è causata da molte specie diverse di funghi. Tuttavia, Erysiphe cichoracacearum e Podosphaera xanthii sembrano essere i più comuni. Possiamo vedere l’oidio bianco sulle foglie. Quando l’oidio si muove attraverso i vasi, le foglie tendono a diventare marroni e alla fine muoiono. Dobbiamo sempre disinfettare i nostri strumenti dopo aver maneggiato una pianta infetta per evitare che l’infezione si diffonda a piante sane.

Verticillosi

La verticillosi è una malattia causata dal fungo Verticillium dahliae. L’agente patogeno può sopravvivere molti anni nel terreno e può colpire le piante in qualsiasi momento. L’infezione è favorita dal clima fresco o mite, il che spiega perché i sintomi si osservano solitamente durante la primavera. Il controllo della verticillosi inizia con adeguate misure preventive simili a quelle dell’antracnosi. Inoltre, eviteremo di piantare meloni in aree dove in precedenza erano state coltivate altre colture sensibili.

Mosaico di cetriolo

Il mosaico del cetriolo è una malattia causata dal virus del mosaico del cetriolo (CMV), solitamente trasmesso dagli afidi. I sintomi includono l’arricciatura del fogliame. Nella maggior parte dei casi, quest’ultimo ha già sviluppato su di esso un caratteristico mosaico giallo. Possiamo anche osservare foglie più piccole di quelle su piante sane. Anche i fiori possono essere colpiti. I loro petali possono diventare verdi e distorti. La gestione comprende il controllo della popolazione di afidi sul campo e misure igieniche come la disinfezione degli strumenti e la distruzione delle piante infette.

Scopri i prezzi all’ingrosso di melone e anguria

  1. Fatti interessanti sulla pianta del melone
  2. Benefici del melone per la salute
  3. Coltivare il melone nel proprio giardino – Tutto quello che devi sapere
  4. Coltivare i meloni all’aperto a scopo commerciale – Guida completa alla coltivazione
  5. Vendita Meloni all’ingrosso

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी العربية Türkçe 简体中文 Русский Ελληνικά Português Indonesia

I NOSTRI PARTNER

Collaboriamo con O.N.G., Università, e altre organizazzioni globali allo scopo di raggiungere una missone condivisa di sostenibilità e benessere sociale.