Clima dell’olivo – Requisiti termici

L’olivo prospera nelle zone con clima mediterraneo, dove primavere soleggiate ed estati calde si succedono a inverni miti. Le aree in cui vengono coltivati ​​gli olivi per uso commerciale devono avere una temperatura media annua di 15-20 °C. La temperatura massima assoluta può raggiungere 40 °C senza causare danni, ma la minima non dovrebbe scendere al di sotto di -7 °C. Temperature inferiori a questa possono causare gravi danni agli alberi. Ovviamente la temperatura di 20 °C è solo indicativa perché la resistenza dell’albero alle basse temperature dipende anche da altri fattori. Alcuni di questi sono il calo della temperatura, la durata del gelo, la presenza di forti venti freddi, l’umidità, la germinazione, la salute della varietà arborea, le condizioni meteorologiche prima del gelo, ecc. In generale, possiamo dire che l’olivo non può essere coltivato a scopo commerciale in aree dove la temperatura scende spesso sotto i -7 °C. Tuttavia, per l’allegagione è necessaria una certa quantità di freddo. Ogni varietà ha un minimo di ore di freddo che devono essere soddisfatte, durante l’inverno, affinché l’albero dia una produzione (soddisfacente). Questo è il motivo per cui gli olivi non possono essere coltivati ​​nei climi tropicali.

  1. Informazioni sull’olivo
  2. Crescere gli olivi
  3. Le aziende olivicole sono redditizie?
  4. Alternanza di produzione dell’olivo
  5. Propagazione e impollinazione dell’olivo
  6. Clima dell’olivo – Requisiti termici
  7. Requisiti del suolo dell’olivo
  8. Piantare gli olivi
  9. Requisiti del fertilizzante dell’olivo
  10. Requisiti idrici dell’olivo
  11. Potatura dell’olivo
  12. Raccolta delle olive
  13. Malattie e parassiti dell’olivo
  14. Domande e risposte sull’Olivo

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Nederlands العربية Türkçe Ελληνικά Português

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.