Coltivare pomodori all’aperto a scopo commerciale – Guida completa alla coltivazione dei pomodori all’aperto

Riassunto della coltivazione del pomodoro

Tecniche di coltivazione del pomodoro – Guida alla coltivazione del pomodoro

Coltivare pomodori all’aperto, se fatto in modo razionale e scalabile, può essere una buona fonte di reddito. In poche parole, il pomodoro è una pianta perenne, ma i coltivatori, nella maggior parte dei casi, lo trattano come una annuale. La maggior parte dei coltivatori di pomodori commerciali avvia il raccolto da semi (ibridi) in un ambiente protetto al chiuso. Preparano il campo in attesa che le giovani piantine crescano e siano pronte per il trapianto (di solito 30-50 giorni). Lavorano la terra e rimuovono ogni residuo di coltivazione precedente. Alcuni coltivatori posizionano una pellicola di plastica nera sul terreno. Questo film plastico non solo aiuta il terreno a riscaldarsi, ma controlla anche le erbacce. Inoltre, prima della semina, i produttori di pomodoro progettano e impostano l’impianto di irrigazione, che solitamente è a goccia.

Quando sono pronte per il trapianto, praticano dei piccoli fori nella pellicola di plastica per piantare le piantine. Nella maggior parte dei casi vengono applicati fertilizzazione, irrigazione a goccia e gestione delle infestanti. Quando le piante raggiungono un’altezza di 40 cm, la maggior parte dei coltivatori punta le piante con un supporto, principalmente le varietà indeterminate. In caso contrario, le piante non possono sostenere il loro peso e svilupparsi ulteriormente (questo non si applica alle varietà di pomodori trasformati). I produttori possono anche applicare il diradamento in alcune varietà da tavola. Ciò significa che i coltivatori di pomodori commerciali rimuovono alcuni frutti nelle prime fasi di sviluppo. Lo fanno per incoraggiare la pianta a dedicare le sue risorse a frutti meno numerosi ma più grandi e più gustosi.

La maggior parte delle varietà di pomodoro può essere raccolta 7-10 settimane dopo il trapianto. Il tempo dalla semina alla raccolta dipende dalla varietà, dalle condizioni climatiche e dall’età delle piantine. I produttori raccolgono i pomodori con forbici o coltelli a mano, in genere in 2-3 sessioni a settimana. Questo non si applica ai pomodori destinati all’inscatolamento. I produttori raccolgono i pomodori destinati all’uso industriale (lavorati) meccanicamente in una sessione perché la macchina per la raccolta collegata al trattore distrugge completamente la pianta. Dopo la raccolta, i coltivatori di pomodori distruggono i residui del raccolto. La rotazione delle colture è fondamentale nella coltivazione del pomodoro. Quando possibile, i produttori ruotano il raccolto (con cavoli, mais, legumi e altri) per controllare le malattie e prevenire l’esaurimento del suolo.

Il fattore restrittivo quando si coltivano pomodori all’aperto è solitamente la temperatura. La pianta richiede temperature medie da 18 a 26 °C, mentre la temperatura del suolo non dovrebbe scendere sotto i 14 °C. La bassa temperatura durante il periodo di crescita inibisce la procedura. È quasi impossibile che le piante traumatizzate si riprendano.

È fondamentale decidere il metodo di coltivazione e le varietà di pomodoro che prosperano nel nostro territorio. Esistono tre metodi per coltivare i pomodori: coltivare da seme, da piantine non innestate e da piantine innestate.

Come coltivare i pomodori dai semi

Il pomodoro è un raccolto di stagione calda. Le piante di pomodoro necessitano, in media, di 7-10 settimane dal trapianto alla raccolta. Tuttavia, se hai intenzione di coltivare pomodori dai semi, ci sono alcuni fatti che devi sapere. Innanzitutto, i semi di pomodoro richiedono una temperatura di almeno 21 °C per germinare. In secondo luogo, i semi devono avere livelli di umidità ottimali per germogliare. Un’irrigazione eccessiva può diventare disastrosa. I produttori in zone a rischio gelo preferiscono seminare i semi in semenzaio in condizioni controllate e poi trapiantarli nelle posizioni finali. In media, abbiamo bisogno di 120-150 grammi di semi per ettaro.

Come coltivare pomodori da piantine non innestate

Un altro metodo è coltivare pomodori da piante non innestate. Se seguiamo questo metodo, è fondamentale scegliere con cura la varietà di pomodoro che coltiveremo. Se, ad esempio, i campi della nostra zona hanno problemi di malattie del suolo, parassiti, pH estremi o livelli di salinità, non tutte le varietà possono prosperare lì. Alcune varietà sono (più) tolleranti ad alcuni di questi fattori, mentre altre no.

Come coltivare pomodori da piantine innestate

Al giorno d’oggi, un numero significativo di coltivatori preferisce utilizzare piantine di pomodoro innestate. In poche parole, l’innesto è una tecnica comunemente usata attraverso la quale uniamo parti di due piante diverse per crescere come un’unica pianta. La parte superiore della prima pianta è detta marza e cresce sull’apparato radicale della seconda pianta, che prende il nome di portainnesto. Alla fine, abbiamo un impianto che combina tutti i vantaggi dei suoi diversi componenti. Alcuni coltivatori esperti con conoscenze specialistiche preferiscono coltivare da seme sia la pianta destinata a essere il portainnesto sia la pianta destinata a essere il rampollo. Quindi, eseguono l’innesto da soli. Altri preferiscono acquistare piantine innestate certificate da venditori legittimi.

Requisiti del suolo per la coltivazione del pomodoro

I pomodori non hanno requisiti di terreno rigorosi. Crescono bene in un’ampia varietà di terreni, a condizione che drenino bene. Tuttavia, la pianta prospera meglio in terreni medio sabbiosi con un’adeguata aerazione e drenaggio. La pianta è sensibile sia alla siccità che alle condizioni di eccesso d’acqua. I livelli di pH ottimali vanno da 6 a 6,5.

La preparazione di base del terreno inizia alcune settimane prima del trapianto delle piantine di pomodoro. Gli agricoltori rimuovono tutti i residui di raccolto e le erbacce precedenti e arano bene a una profondità di 60 cm. L’aratura migliora l’aerazione e il drenaggio del suolo. Allo stesso tempo, rimuovono rocce e altri materiali indesiderati dal terreno. Una settimana dopo, molti agricoltori applicano un fertilizzante basale come letame ben decomposto o fertilizzante commerciale sintetico, sempre dopo aver esaminato i risultati dei test del suolo e sempre dopo aver consultato un agronomo locale autorizzato. La maggior parte degli agricoltori integra la medicazione superiore lo stesso giorno con la lavorazione del terreno. Alcuni produttori preferiscono applicare la medicazione superiore solo attraverso le linee di impianto, mentre altri la applicano sull’intero campo. Naturalmente, il primo metodo è più economico. Il giorno successivo è probabilmente il momento giusto per installare i tubi di irrigazione a goccia. Il passaggio successivo e più cruciale (soprattutto nei paesi con bassa temperatura del suolo durante il periodo di semina) è il rivestimento in polietilene lineare. Molti produttori coprono le file con pellicola di plastica nera o verde a infrarossi – Trasmissione (IRT) o nera. Usano questa tecnica per mantenere la temperatura della zona radicale a livelli ottimali (>21 °C) e prevenire la crescita delle erbacce.

Semina del pomodoro, spaziatura delle piante e numero di piante per ettaro

In molti paesi produttori di pomodori, la stagione migliore per piantare pomodori all’aperto è solitamente durante la seconda metà della primavera. Tuttavia, in alcune aree in cui le temperature sono sufficientemente elevate, la semina può certamente avvenire prima. Nelle zone settentrionali, invece, i produttori piantano i pomodori solitamente all’inizio dell’estate.

In molti casi, le giovani piantine devono sottoporsi ad un procedimento chiamato “indurimento”, prima del trapianto. L’indurimento è praticamente una specie di stress artificiale e può comportare variazioni di temperatura o altre tecniche. Lo scopo di questa procedura è aiutare la pianta a adattarsi meglio alle nuove condizioni. I produttori di solito causano stress idrico riducendo gradualmente l’approvvigionamento idrico delle loro piante. Poche ore prima del trapianto (13-15 ore), i produttori interrompono completamente l’approvvigionamento idrico per poi irrigare nuovamente subito dopo il trapianto. I produttori di pomodori mantengono le loro piantine in semenzaio 30-50 giorni prima di trapiantarle nelle posizioni finali. I produttori preferiscono trapiantare piantine di 3-6 settimane. In questa fase, le piante hanno un’altezza media di 20 cm e hanno 3-5 foglie vere.

Dopo tutte le fasi di preparazione (aratura, concimazione basale, installazione dell’impianto di irrigazione e copertura con film plastico), si può procedere al trapianto. I coltivatori etichettano i punti esatti sulla pellicola di plastica o direttamente sul terreno dove pianteranno le giovani piantine. Quindi scavano buche e piantano le piantine. È importante piantare le piantine alla stessa profondità in cui erano nel vivaio.

I coltivatori di pomodori all’aperto di solito piantano le loro piantine in file singole. Un modello comune per la semina a file singole è da 0,3 m a 0,6 m di distanza tra le piante sulla fila e da 0,8 m a 1,3 m di distanza tra le file. Per la semina a file gemelle, i coltivatori mantengono la stessa distanza tra le piante sulla fila, 0,45 m di distanza tra le file e 1,2 m tra due coppie. Seguendo questi schemi, pianteremo circa 15.000-30.000 piante per ettaro. Le distanze esatte e il numero di piante dipendono dalla varietà di pomodoro, dalle condizioni ambientali, dal sistema di irrigazione e, naturalmente, dagli obiettivi di resa del produttore. (1 ettaro = 2,47 acri = 10.000 mq).

Come potare i pomodori

La potatura è una delle pratiche agricole più importanti, principalmente per le varietà di pomodoro indeterminate. Offre numerosi vantaggi. Innanzitutto, la potatura consente agli agricoltori di monitorare e bilanciare la vegetazione e l’allegagione delle piante. Inoltre, la potatura facilita l’aerazione, che previene le infezioni e, la raccolta e altre tecniche agricole (irrorazione di sostanze chimiche) diventano molto più semplici.

In generale, le piante di pomodoro non potate smettono di produrre una quantità sufficiente di frutti dopo un certo tempo. Dobbiamo capire che non tutti i pomodori hanno bisogno della stessa potatura. Generalmente abbiamo due tipi principali di pomodoro, determinato e indeterminato. Le varietà indeterminate necessitano di potature più pesanti rispetto alle varietà determinate per crescere correttamente. Una tecnica di potatura comune prevede la rimozione degli steli esterni lasciando crescere solo la vena centrale. In questo modo la pianta diventa unifilare e si espande solo verticalmente. Un’altra tecnica è il deadheading della pianta durante le prime fasi di sviluppo, seguito dalla rimozione degli steli periferici tranne 2-4 steli principali.

La maggior parte dei produttori applica anche il diradamento. Rimuovono gli steli che crescono tra la vena e il fogliame. È fondamentale cercare di non tagliare lo stelo troppo vicino alla vena. Invece, puoi considerare di lasciare una distanza di 4 cm per evitare infezioni. Per la coltivazione del pomodoro all’aperto, esistono diverse varietà a crescita limitata che non necessitano di potatura.

Supporto dei pomodori – Come fare i sostegni per i pomodori?

La maggior parte dei produttori di pomodori crea un supporto per i propri pomodori. Soprattutto quando si tratta di varietà indeterminate, il supporto è quasi sempre richiesto. Ci sono diversi vantaggi nell’uso di questa tecnica. In primo luogo, impedisce alle foglie e ai frutti di toccare il suolo, mentre allo stesso tempo lascia spazio extra per l’aerazione. Inoltre, la raccolta diventa molto più semplice. Il momento giusto per iniziare a sostenere con apposito supporto è quando i pomodori hanno raggiunto un’altezza media di 40 cm.

Gli agricoltori posizionano i paletti in modo lineare accanto a ciascuna pianta e legano delicatamente le piante su di esse. Possono anche posizionare un filo ogni 30 cm per circa 1,5 metri di altezza. Il filo è posto perpendicolarmente alle file e parallelo alle linee.

Requisiti idrici del pomodoro – Sistemi di irrigazione del pomodoro

La coltivazione di pomodori all’aperto può richiedere fino a 700 mm di acqua di irrigazione durante la stagione di crescita. Gran parte del fabbisogno idrico nelle colture outdoor è coperto dall’acqua piovana. Tuttavia, il fabbisogno idrico del pomodoro è diverso durante le varie fasi di sviluppo della pianta. In generale, i periodi critici in termini di irrigazione sono durante la fioritura, l’allegagione e, naturalmente, il riempimento dei frutti. Prima di queste fasi, il fabbisogno idrico è inferiore.

Naturalmente, il fabbisogno idrico può essere totalmente diverso a seconda delle diverse condizioni atmosferiche e del suolo. Ad esempio, i terreni argillosi pesanti normalmente richiedono meno irrigazione rispetto ai terreni sabbiosi. D’altra parte, diverse varietà di pomodori possono anche avere un fabbisogno idrico diverso.

Molti produttori hanno riferito di irrigare le loro piante per 10 minuti ogni 4-5 giorni durante l’inverno e ogni due giorni durante l’estate, nelle prime fasi dello sviluppo della pianta. In questo modo, costringono la pianta a ‘cercare’ acqua e, di conseguenza, a sviluppare un apparato radicale più profondo. Seguono questo schema fino alla comparsa della terza infiorescenza. Da questo punto e fino alla raccolta, irrigano le loro piante quasi quotidianamente.

Gli agricoltori generalmente preferiscono innaffiare i pomodori la mattina presto o la sera tardi. Bagnare il fogliame è stato collegato a focolai di malattie. In generale, l’eccesso di umidità, soprattutto sul fogliame, può favorire l’insorgenza di malattie. D’altra parte, le piante stressate dall’acqua sono più suscettibili alle infezioni.

Il sistema di irrigazione più utilizzato è l’irrigazione a goccia. Molti produttori utilizzano gocciolatoi multipli o singoli di 12-20 mm di diametro, offrendo 2-8 litri di acqua all’ora.

Requisiti di fertilizzazione del pomodoro: il miglior fertilizzante per pomodori – Qual è il miglior concime per i pomodori?

Prima di tutto, prima di applicare qualsiasi metodo di fertilizzazione, devi prendere in considerazione le condizioni del suolo del tuo campo attraverso test del suolo semestrali o annuali. Non ci sono due campi identici nel mondo. Pertanto, nessuno può consigliarti sui metodi di fertilizzazione senza considerare i dati del tuo terreno, l’analisi dei tessuti e la cronologia delle colture del tuo campo. Tuttavia, elencheremo alcuni comuni programmi di fertilizzazione del pomodoro utilizzati dagli agricoltori.

Secondo una vecchia regola generale nella coltivazione del pomodoro, le piante necessitano in media di 300 kg N, 85 kg P2O5, 480 kg K2O, 30 CaO e 18 kg MgO per ettaro.

In generale, gli agricoltori effettuano da 0 a 10 applicazioni di fertilizzante durante i 2 o 3 mesi dal trapianto alla raccolta. Molti agricoltori applicano letame ben decomposto verso le file circa due mesi prima della semina. Usano anche la fertilizzazione pre-piantagione ad alto contenuto di azoto un paio di giorni prima della semina.

Tuttavia, il metodo di concimazione del pomodoro più comune è la fertirrigazione. I produttori iniettano fertilizzanti idrosolubili all’interno del sistema di irrigazione a goccia. In questo modo, possono fornire i nutrienti gradualmente e dare alla pianta il tempo giusto per assorbirli.

Pochi giorni dopo la semina, iniziano la fertirrigazione. A questo punto si applica un concime Azoto-Fosforo-Potassio 13-40-13 o 15-30-15, arricchito con oligoelementi (micronutrienti). Alti livelli di fosforo nelle prime fasi aiuteranno le piante a sviluppare un robusto apparato radicale. Inoltre, i micronutrienti rendono più facile per le piante superare qualsiasi condizione di stress causata dal trapianto.

Continuano le applicazioni aggiungendo Ca ogni tre giorni fino alla comparsa 3a infiorescenza. Nei giorni successivi cambiano il rapporto Azoto-Fosforo-Potassio a 1-1-2. Quando i frutti raggiungono la maturità, cambiano nuovamente il rapporto a 1-1-3. Da questo punto, aumentano i livelli di potassio perché le piante hanno un fabbisogno maggiore di potassio per creare frutti grandi e ben formati.

Secondo un altro programma di fertilizzazione, le quattro fasi più importanti del ciclo colturale del pomodoro sono le seguenti:

1) Fase di sviluppo fogliare (da 2 a 15 giorni dopo il trapianto)

2) Fase di fioritura (da 16 a 30 giorni dopo il trapianto)

3) Fase di allegagione (da 31 a 41 giorni dopo il trapianto)

4) Fase di crescita dei frutti (giorno 42 alla raccolta)

Durante questi periodi, l’applicazione totale di fertilizzante in kg tramite fertirrigazione comprende:

  • Durante i periodi 1 e 2, (29 giorni in totale), applicano 16 kg N, 4 kg P2O5, 24 kg K20 e 2 kg CaO
  • Durante il periodo 3, (11 giorni in totale), applicano 6 kg di N, 2 kg di P2O5, 8 kg di K20 e 1 kg di CaO
  • Durante il periodo 4 (fase di crescita dei frutti), i tassi di fertilizzazione aumentano notevolmente e gli agricoltori applicano 20 kg N, 6 kg P2O5, 35 kg K20 e 2 kg CaO. Queste quantità sono totali (non giornaliere) contate in chilogrammi per ettaro della superficie totale dell’azienda.

Tuttavia, queste sono solo alcune pratiche comuni. Nessuno dovrebbe seguirle senza una ricerca personale. Ogni campo è diverso e ha esigenze diverse. Controllare le condizioni del suolo e il pH è fondamentale prima di applicare qualsiasi metodo di fertilizzazione. Puoi consultare il tuo agronomo locale autorizzato.

Raccolta e conservazione del pomodoro coltivato all’aperto

La maggior parte dei pomodori raggiunge la piena maturità e sono pronti per la raccolta 7-10 settimane dopo il trapianto, a seconda della varietà di pomodoro, delle condizioni ambientali, dell’età dei trapianti e di altre tecniche di coltivazione.

I produttori raccolgono i pomodori industriali (pomodori trasformati destinati a salse e conserve) meccanicamente in un’unica sessione. Nella maggior parte dei casi, ciò si verifica in tarda estate. Al contrario, i pomodori destinati al consumo crudo (varietà da tavola) vengono solitamente raccolti a mano, insieme al calice e parte del baccello. Gli agricoltori di solito raccolgono questi pomodori durante una o due fasi prima della fase finale di maturazione. Questo è essenziale per i pomodori che verranno trasportati su lunghe distanze. Il periodo di raccolta può durare diverse settimane, quindi gli agricoltori raccolgono in media 2-3 volte a settimana.

Rendimenti del pomodoro coltivato all’aperto

I rendimenti della coltivazione di pomodori all’aperto su colture a stelo sono in media di 60-100 tonnellate per ettaro. Le varietà determinate, tuttavia, di solito non producono più di 30-50 tonnellate per ettaro a causa del loro ciclo colturale più piccolo. I pomodori industriali all’aperto di coltivatori professionisti di solito producono 60-80 tonnellate per ettaro. Si tratta di rendimenti medi e in molti casi ci sono sicuramente deviazioni importanti.

I pomodori vengono raccolti e classificati in base alle loro dimensioni, forma e condizioni generali. Vengono quindi trasferiti in aree di conservazione fresche ma non congelate (13°C) per evitare una potenziale perdita di peso. I pomodori possono essere conservati in condizioni più fredde (4°C), a condizione che siano stati raccolti durante le fasi finali della maturazione. In caso contrario, i pomodori non riusciranno a raggiungere il livello di maturità desiderato. Probabilmente non acquisiranno un colore rosso intenso perché alle basse temperature si interrompe la produzione di sostanze deputate a dare il colore rosso al frutto.

Carenze nutrizionali più comuni del pomodoro

È fondamentale capire che una carenza di nutrienti per le piante non significa necessariamente che il terreno sia esaurito. Le carenze delle piante si verificano a causa di vari fattori ambientali o di altro tipo che portano all’incapacità della pianta di assorbire questo nutriente specifico. Pertanto, gli agricoltori dovrebbero considerare di testare sia il suolo che i tessuti prima di intraprendere qualsiasi azione correttiva. Solo dopo aver ricevuto i risultati dal laboratorio, gli agricoltori potranno discutere la soluzione del problema con l’agronomo locale.

Carenza di N

Le piante di pomodoro con carenza di N esprimono il loro problema con sintomi come lo scolorimento delle foglie più vecchie. Iniziamo ad osservare le foglie gialle in questa parte del fogliame subito dopo l’inizio della carenza. Pochi giorni dopo, l’intera pianta assume un colore verde chiaro e spesso ha uno sviluppo ridotto. Le ragioni di tale carenza possono essere varie, come l’aumento dei livelli di potassio o fosforo o livelli di umidità del suolo eccessivi.

Carenza di K

I sintomi della carenza di potassio compaiono il più delle volte con la caratteristica clorosi intervenosa. Il fogliame più vecchio può appassire e diventare marrone e bruciato. Alcuni dei motivi della carenza di K sono un contenuto di materia organica superiore al normale, livelli di magnesio o calcio aumentati, siccità prolungata, livelli di pH bassi, livelli di EC aumentati o basse temperature.

Carenza di Ca

Il sintomo più comunemente riconosciuto causato dalla carenza di Ca è la putrefazione dei fiori. Con questo, ci riferiamo a un’area marrone piatta all’estremità del fiore del frutto che può apparire in qualsiasi fase di sviluppo del frutto ed è un ambiente ideale per infezioni fungine secondarie. Il valore commerciale dei frutti in questo caso diminuisce rapidamente. Alcune delle cause della carenza di Ca includono: eccessiva fertilizzazione di azoto, lesioni alle radici che rendono difficile l’assorbimento del calcio da parte della pianta, rapide fluttuazioni dei livelli dell’acqua nel suolo, grandi quantità di potassio, magnesio o sodio, bassi livelli di pH o forti precipitazioni durante un breve periodo.

Anomalie fisiologiche dei pomodori

Colpo di sole

Il colpo di sole è causato da un’esposizione prolungata alla luce solare della frutta. I pomodori sviluppano una caratteristica zona da gialla a bianca con buccia sottile e secca sulla superficie direttamente esposta alla luce solare. La causa di questa anomalia è il rapporto anomalo tra fogliame e frutto.

Accartocciamento fogliare

Si ritiene che il disturbo dell’arrotolamento delle foglie si manifesti a causa della mancanza di umidità causata da siccità e calore prolungati o altri fattori di stress come potature pesanti o crescita improvvisa della pianta. È un problema comune nei pomodori che crescono in serra.

Spaccatura dei frutti

Le crepe della frutta sono lesioni causate da un assorbimento d’acqua improvviso e aumentato, specialmente dopo una siccità prolungata.

Parassiti e malattie comuni del pomodoro

Parassiti

Tuta absoluta

Alcuni anni fa, nessuno aveva sentito parlare della Tuta. Eppure, ora è forse il più grave nemico tra i parassiti per i coltivatori di pomodori. La Tuta absoluta è originaria del Sud America ed è un lepidottero altamente disastroso per i pomodori. Attacca anche altre solanacee come le patate senza causare loro tali danni. Il parassita è apparso nei paesi del Mediterraneo nel 2006, mentre ora è uno dei più grandi incubi dei coltivatori di pomodori nella maggior parte delle aree di produzione di pomodoro a livello globale. Gli adulti depongono le uova sotto il fogliame, i gambi o i frutti. A causa dell’attività delle giovani larve (cibandosi della vegetazione e dei frutti), la pianta crolla e i frutti perdono il loro valore commerciale.

Una volta che il raccolto è stato attaccato, la gestione è più complicata. Poiché Tuta sviluppa l’immunità contro i pesticidi molto facilmente, la gestione biologica è il metodo migliore per controllarla. Le trappole a feromoni sono una tecnica comunemente usata. Attirano gli insetti maschi impedendo loro di avere femmine fertili. Pertanto, in qualche modo riducono la loro popolazione.

Liriomiza

Lyriomyza spp è un insetto che provoca ingenti danni a molte piante, incluso il pomodoro. Il danno causato da questa mosca è simile a quello della Tuta absoluta. Gli adulti perforano le foglie, gli steli e i frutti e depongono le uova. Dopo la schiusa, le giovani larve iniziano a nutrirsi dei tessuti, provocando le caratteristiche gallerie bianche. Il danno riduce la qualità e il valore commerciale del frutto. La gestione comprende la maggior parte delle misure suggerite per la Tuta absoluta.

Tetranico

Tetranychus urticae è un minuscolo acaro che attacca molte colture, compresi i pomodori. I ragni svernano tra i detriti delle foglie e attaccano i pomodori durante le condizioni climatiche calde e secche. Gli acari attaccano il fogliame per nutrirsi, causando scolorimenti gialli o un caratteristico appassimento bruno-bronzo che ricorda il danno della fiamma. Possiamo anche osservare ragnatele tra il fogliame.

Una tecnica adeguata è monitorare costantemente la popolazione utilizzando trappole. Se il numero superasse i limiti tollerabili, potrebbe essere necessario considerare di intervenire (sempre dopo aver consultato un agronomo locale autorizzato). Ci sono soluzioni biologiche e chimiche sul mercato, che dovrebbero essere sempre utilizzate secondo gli standard delle buone pratiche agricole.

Malattie del pomodoro

Botrite (muffa grigia)

La muffa grigia è una grave malattia del pomodoro causata dal fungo Botrytis cinerea. L’agente patogeno è in grado di sopravvivere per lunghi periodi sotto forma di sclerozio. Le infezioni sono favorite dalle basse temperature unite ad alti livelli di umidità, mentre vento e pioggia diffondono le spore da pianta a pianta. I sintomi possono comparire in tutte le parti della pianta fuori terra; tuttavia, il tessuto sano non viene infettato attivamente. Le infezioni si verificano ai tessuti danneggiati, ad esempio, dopo la potatura. I sintomi includono lesioni da grigie a marroni formate ai bordi delle foglie. Dopo un po’, queste lesioni sono ricoperte da muffa grigia. Il tessuto danneggiato può sviluppare cancri che avvolgono le vene portando alla morte della pianta. Se il frutto è davvero infetto, diventa morbido e imbevuto d’acqua.

Il controllo delle malattie inizia con adeguate misure precauzionali. Il passaggio più cruciale è la rotazione delle colture. Quindi, il controllo delle erbe infestanti e le distanze di sicurezza tra le piante sono essenziali. Importanti misure preventive sono anche una potatura adeguata al momento giusto e fare attenzione a non bagnare il fogliame. Anche le condizioni generali delle piante (nutrienti e livello dell’acqua, esposizione al sole) possono rafforzare la loro immunità. Il trattamento chimico viene utilizzato solo se il problema è grave e sempre sotto la supervisione di un agronomo locale autorizzato. È inoltre fondamentale utilizzare una corretta sanificazione, come la disinfezione degli strumenti ogni volta che tocchiamo le piante.

Alternaria

È una grave malattia del pomodoro causata dal fungo Alternaria solani. L’alternaria infetta i pomodori in diverse fasi di sviluppo, causando la putrefazione delle piantine, i cancri del gambo e altri. L’agente patogeno sverna sui detriti delle colture, sui semi o sulle erbacce e si diffonde attraverso l’aria e l’acqua. Ci sono alcune misure precauzionali da considerare per gestire l’infezione, come la rotazione delle colture, il controllo delle erbe infestanti, la rimozione dei detriti vegetali, l’irrigazione a goccia e l’uso di varietà di pomodoro resistenti.

Peronospora (Phytophthora infestans)

Gli agricoltori dovrebbero aspettarsi una rapida diffusione della malattia nei loro raccolti quando si verificano forti piogge durante la tarda primavera o l’inizio dell’estate. Le piante di pomodoro infette possono essere distrutte da P. infestans. I frutti di pomodoro hanno macchie marrone scuro che crescono gradualmente e distruggono l’intero frutto del pomodoro.

Antracnosi

L’antracnosi è un’altra comune malattia del pomodoro causata dai funghi Colletotrichum spp. L’agente patogeno può infettare tutte le parti della pianta; tuttavia, osserviamo i sintomi più spesso sui frutti maturi. Il segno più comune di infezione sono le lesioni circolari bianche che periodicamente si ingrandiscono e diventano marroni. I frutti immaturi potrebbero essere stati contaminati, ma i sintomi non sono ancora visibili.

Muffa polverosa

A differenza della maggior parte delle malattie fungine del pomodoro, sebbene favorita dall’elevata umidità, può svilupparsi durante i periodi di siccità. Possiamo vedere l’oidio bianco del micelio fungino sulla superficie superiore delle foglie. I sintomi possono includere anche lesioni angolari clorotiche verdi sulla superficie superiore delle foglie. Dobbiamo sempre disinfettare i nostri strumenti dopo aver maneggiato una pianta infetta per evitare che l’infezione si diffonda a piante sane. La gestione comprende tutte le misure di controllo della Botrytis abbinate all’utilizzo di piante resistenti.

Verticillosi

Questo avvizzimento è causato da Verticillium albo-atrum e V. dahliae. che sopravvive nel tessuto vegetale e può essere trasmesso dai nematodi. Il fungo entra nella pianta attraverso le radici. Bisogna fare attenzione perché la malattia può essere asintomatica durante le prime fasi, rendendola più difficile da gestire in seguito. La malattia distrugge il sistema vascolare della pianta. Acqua e sostanze nutritive non possono essere trasferite alle parti superiori della pianta di pomodoro. Nelle ultime fasi del ciclo della malattia, osserviamo l’appassimento del fogliame durante le giornate calde. Le foglie sviluppano anche clorosi e lesioni angolari a forma di V.

Pomodoro maculato (TSWV)

Anche la malattia del TSWV è importante. I tripidi sono i trasmettitori TSWV più comuni. I sintomi includono macchie scure sul fogliame e striature negli steli. Se l’infezione si verifica prima dell’allegagione, la pianta probabilmente non produrrà frutti. Purtroppo, è stato osservato che il virus infetta anche le erbacce subito dopo la coltivazione del pomodoro. Questo, sfortunatamente, gioca un ruolo cruciale nel preservare l’agente patogeno anche quando il campo rimane incolto.

Pomodori sfusi in vendita.

  1. Fatti interessanti sul pomodoro
  2. Informazioni sulla pianta di pomodoro
  3. Come coltivare facilmente pomodori nel tuo giardino
  4. Fatti nutrizionali del pomodoro
  5. Coltivare pomodori all’aperto a scopo commerciale – Guida completa alla coltivazione dei pomodori all’aperto
  6. Prezzo POMODORI al Kg ingrosso

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी العربية Türkçe 简体中文 Русский Português

I NOSTRI PARTNER

Collaboriamo con O.N.G., Università, e altre organizazzioni globali allo scopo di raggiungere una missone condivisa di sostenibilità e benessere sociale.