Cura delle conifere: tutto ciò che devi sapere su Leyland, Tuia, Goldcrest e il cipresso dell’Arizona

Le conifere sono probabilmente alcune delle scelte più popolari nel definire il design del proprio giardino. Queste specie sono ampiamente utilizzate come ornamentali per le loro esigenze relativamente ridotte e per la particolarità del loro fogliame, che le rende scelte ideali per l’abbellimento. Il modello più popolare di conifere è lo sviluppo di una recinzione per la privacy. Una recinzione ti aiuterà a schermare la tua casa dai vicini e quindi a massimizzare la tua privacy.

Le tipologie di conifere che possono essere utilizzate come ornamentali sono molteplici. Tuttavia, non tutte sono adatte a tutti gli scopi.

In commercio possiamo trovare conifere adatte a creare uno sfondo verde per recintare, delimitare un’area, o anche proteggere un’area da vento e polvere. In alcuni casi sono efficaci anche per l’isolamento acustico. Di seguito descriveremo alcune delle conifere sempreverdi più comunemente utilizzate adatte a giardini e piazze.

Quale conifera piantare nel mio giardino? – Esempi di conifere per il giardinaggio

Tuia

La pianta è adatta per:

  • Recinzioni alte e dense per migliorare la privacy (purché non scegliamo varietà nane)
  • Piantagione individuale in giardino
  • Piantarla in vaso

Caratteristiche della Tuia:

La Tuia (Thuja orientalis) è una conifera ornamentale sempreverde. È un membro della famiglia delle Cupressacee. In molte specie, l’altezza della pianta può raggiungere i 18 metri. Tuttavia, le varietà sono per lo più di media altezza e si trovano solitamente come arbusti o piccoli alberi. Le specie di Tuia più comunemente preferite sono Thuja occidentalis (o T. pyramidalis Tuia piramidale) e Thuja orientalis. La pianta fiorisce, ma i suoi fiori sono molto piccoli. Come conifere, i semi della pianta sono conservati all’interno dei piccoli coni ovali di colore giallo.

Dove piantare la Tuia

La pianta può resistere a un intervallo di temperatura abbastanza ampio da -25ºC a +32ºC; tuttavia, inizia ad avere problemi a temperature più elevate.

Per quanto riguarda il terreno, la pianta non ha requisiti speciali. Cresce bene in tutti i tipi di terreno, anche in terreni relativamente aridi. Predilige le zone più fresche ma prospera anche vicino al mare.

Leyland

Pianta molto popolare adatta per:

  • Piantarla individualmente in un giardino
  • Piantarla in vaso
  • Vegetazione da appartamento
  • Recinzioni dense e ad alta privacy

Caratteristiche di Leyland:

Il Leyland (Cupressocyparis leylandii) è una delle conifere ornamentali più popolari. È una conifera sempreverde a crescita molto rapida che forma una densa chioma piramidale. Alla fine della primavera o all’inizio dell’estate (maggio-giugno), la pianta fiorisce. Tuttavia, i suoi fiori sono piccoli.

Dove piantare la mia Leyland

La pianta può resistere a un intervallo di temperatura abbastanza ampio da -25ºC a +28ºC, ma inizia ad avere problemi a temperature più elevate. Per quanto riguarda il terreno, non ha requisiti speciali. Cresce bene su tutti i tipi di terreno, anche poveri e accidentati, purché forniscano un drenaggio sufficiente.

Goldcrest

Pianta adatta per:

  • Piantarla individualmente in un giardino
  • Creazione di recinzioni naturali per la privacy
  • Piantarla in vaso

Il Goldcrest (Cupressus Macrocarpa Goldcrest) è un’altra conifera sempreverde della Famiglia delle Cupressacee. Le foglie della pianta hanno un aroma di limone. È l’albero ornamentale preferito in molti paesi, poiché ha un fogliame impressionante. Fiorisce anche durante la tarda primavera, ma i suoi fiori sono molto piccoli. A seconda della varietà, dell’area di impianto e della cura dello stesso, può raggiungere un’altezza di 12-15 metri o più.

Dove piantare il Goldcrest

Non è raccomandato piantarlo in regioni calde, poiché è probabile che incontri problemi a temperature molto elevate.

Arizona

Pianta adatta per:

  • Piantarla individualmente in un giardino
  • Creazione di recinzioni naturali per la privacy
  • Protezione dal vento

L’Arizona (Cupressus arizonica) è una conifera sempreverde originaria dell’America, caratterizzata da un tasso di crescita relativamente rapido. La sua forma è conica stretta e può raggiungere un’altezza finale di 10-15 m o più. È una delle piante più adattabili ed è ampiamente utilizzata per creare alti recinti e frangivento, poiché il suo fitto fogliame blocca in modo significativo il vento.

Dove piantare l’Arizona

L’Arizona può resistere a temperature molto basse che raggiungono i -25ºC. Mostra una buona tolleranza alle alte temperature estive purché non superino i 30 ºC. Non ha particolari esigenze, si adatta a svariati terreni, anche in zone aride, purché sufficientemente drenanti.

Tasso di crescita delle conifere: chi vince? – Quale conifera diventa più grande?

Molte persone domandano qual è il tasso di crescita di queste piante. La risposta è che la migliore è sicuramente il Leyland. Circa 1-2 anni dopo la semina, il Leyland inizia a crescere a una velocità compresa tra 120 e 140 cm all’anno, in condizioni ottimali. Anche le altre specie sopra menzionate possono crescere rapidamente. Ad esempio, in condizioni favorevoli, l’Arizona può guadagnare da 100 a 120 cm all’anno di altezza. Goldcrest e Tuia piramidale possono anche guadagnare fino a 60 cm di altezza all’anno. Tuttavia, durante il primo anno, finché sono ancora giovani, le conifere cercano di sviluppare il loro apparato radicale. Durante questo periodo, potrebbero non avere una crescita notevole in altezza, lasciando i proprietari delusi.

Tuttavia, negli anni successivi, e man mano che maturano, la loro crescita può essere davvero impressionante. Anche la Tuia può crescere fino a 2 metri all’anno, tuttavia, dal decimo anno in poi. In ogni caso, se vogliamo costruire immediatamente una recinzione fitta di piante, dovremo acquistare alberi alti 2,20 metri e piantarli a una distanza di 1 metro da qualsiasi recinto, mantenendo una distanza di almeno 1 – 1,2 metri tra gli alberi.

Come prendersi cura delle conifere nel proprio giardino?

Preparazione del terreno per la semina delle conifere

Prima di piantare un albero in giardino, spesso è necessario preparare adeguatamente il terreno. Questa preparazione comporta la pulizia dell’area, di solito applicando una buona lavorazione del terreno intorno all’area di semina utilizzando strumenti speciali. La lavorazione ha lo scopo di rimuovere le erbacce, che competono con i giovani alberi in acqua e sostanze nutritive, e rimuovere pietre e qualsiasi materiale indesiderato dal terreno. Allo stesso tempo, con questa tecnica, si cerca di ammorbidire il terreno, rendendolo adatto ad accogliere le delicate radici del giovane albero.

Dopo la preparazione del terreno, dovremmo scavare buche dove riporre la conifera. Le buche possono avere dimensioni diverse a seconda delle specie arboree che andremo a coltivare. Nella maggior parte dei casi, acquistiamo conifere ornamentali dal vivaio in vaso. Pertanto, una regola generale è aprire buche da 20 a 50 cm di diametro e di profondità maggiori della dimensione del vaso.

Come e quando piantare le conifere – Come creare una recinzione naturale a scopo di privacy usando le conifere

Il trapianto di conifere ornamentali viene solitamente eseguito in autunno o anche all’inizio dell’inverno nella maggior parte delle aree. Di solito acquistiamo le piante dai vivai in vaso e le trapiantiamo nelle posizioni finali dopo aver preparato adeguatamente il terreno. Le conifere vengono piantate insieme alla palla di terra in cui sono contenute le radici. In molti casi, soprattutto se il nostro terreno fosse particolarmente arido, sarebbe bene mescolare il terreno della buca con letame ben decomposto, compost o fertilizzante sintetico prima di piantare.

Quindi, afferriamo l’albero dal tronco e facciamo scivolare tutto il contenuto del vaso all’interno della buca in modo delicato. Questa procedura richiede cure speciali, poiché le radici della pianta non dovrebbero essere ferite. Inoltre, è fondamentale non rompere la palla di terra. Per questo motivo non dobbiamo cercare di estrarre la pianta con forza, né dobbiamo tagliare le radici che potrebbero essersi impigliate sul fondo. È molto importante posizionare la pianta in modo tale che il suo tronco sia dritto. Probabilmente in molti casi avremo bisogno di un piccolo supporto per l’albero, specialmente durante le prime fasi dopo il trapianto. Per questo motivo, mettiamo un bastone di supporto vicino al tronco dell’albero e fissiamo l’albero delicatamente in due o tre punti.

Se desideriamo piantare più di una conifera nella stessa area, dovremmo mantenere le distanze adeguate tra loro. Le distanze di impianto possono variare notevolmente, a seconda della specie di conifera, delle condizioni climatiche e del suolo della zona. Naturalmente, anche lo scopo per cui piantiamo l’albero e la sua forma sono parametri importanti. In linea di massima, le distanze di impianto appropriate sono quelle in cui troviamo ogni albero in natura. Quindi, se vogliamo piantare due conifere, un buon consiglio è di metterle ad almeno 2-3 metri di distanza in modo che possano crescere correttamente.

Tuttavia, se vogliamo creare barriere per la privacy, le cose sono diverse. Dovremmo prendere in considerazione il tipo di albero che abbiamo scelto insieme al tasso di crescita. Una piantagione sparsa si tradurrà in un tasso di crescita molto lento della recinzione, causando spazi poco attraenti tra le piante. D’altra parte, distanze molto ravvicinate possono ostacolare la crescita delle piante a causa dell’intensa competizione tra di loro, che si tradurrà in un’errata aerazione e secchezza dei rami. Alcuni esempi di spazi di piantagione per diverse conifere sono: piantare Leyland, Arizona, e altre specie con un tasso di crescita simile, mantenendo una distanza di almeno 1 m da una barriera fissa (ad esempio, risaia). Se li usi per la recinzione, manteniamo una distanza da 1 a 1,5 m tra le piante.

Irrigazione delle conifere – Le conifere hanno bisogno di essere annaffiate? Di quanta acqua hanno bisogno le conifere?

Le conifere provengono da foreste dove le temperature sono piuttosto basse. Per questo motivo, per sopravvivere in giardino, necessitano di essere regolarmente annaffiate, soprattutto durante l’estate. In generale, durante l’inverno, quando le piogge sono frequenti, offriamo acqua aggiuntiva alle piante solo se non piove da più di una settimana o quando ci accorgiamo che il terreno è completamente asciutto. Durante il periodo estivo, invece, il fabbisogno idrico aumenta, le conifere necessitano di essere irrigate almeno 2-3 volte a settimana. Con temperature estremamente elevate (ondate di caldo), potrebbe essere necessario irrigare le piante anche giornalmente (durante la sera). Durante i mesi di caldo intenso, è probabile che le nostre conifere esprimano il loro bisogno di acqua essiccando il loro fogliame. Dovremmo, tuttavia, essere cauti con l’irrigazione. Quelle piante hanno infatti una maggiore richiesta di acqua durante l’estate, ma d’altra parte, non dovrebbero mai essere sottoposte a condizioni di alluvione. In tal caso, vi è un aumento del rischio che le piante vengano infettate da malattie come la Phytophthora. In ogni caso, bisogna evitare di annaffiare il fogliame, poiché aumenta il rischio di infezioni. Il metodo migliore nella maggior parte dei casi è installare un sistema di irrigazione automatico. Sebbene tendiamo a utilizzare gli irrigatori come metodo di irrigazione nella maggior parte dei giardini, sarebbe più saggio utilizzare un sistema di irrigazione a goccia. Oltre ad aiutare in modo significativo nel risparmio idrico e nell’irrigazione di precisione degli alberi, offre anche un importante vantaggio alle conifere. Impedisce all’acqua di entrare in contatto con il fogliame. Questo è molto importante, poiché riduce significativamente il rischio di malattie fungine.

Requisiti del fertilizzante per le conifere: il miglior fertilizzante per le conifere

In genere le specie di conifere si adattano abbastanza facilmente, anche a terreni poveri. Tuttavia, è consigliabile aiutarle a crescere in altezza e larghezza aggiungendo del fertilizzante.

In linea di massima, il fertilizzante più adatto per le conifere da giardino (Leyland, Arizona, Thuja e Goldcrest) contiene più azoto rispetto a fosforo e potassio (es. 18-8-8). L’azoto è un elemento critico per queste specie. Sono accettabili anche altri tipi di fertilizzante; tuttavia, la quantità di azoto deve essere uguale o maggiore del fosforo e del potassio. Inoltre, il nostro fertilizzante può includere oligoelementi (calcio, magnesio, ferro, rame, boro, manganese e zolfo). Potresti prendere in considerazione l’applicazione di una forma a lenta cessione del fertilizzante. La maggior parte di questi tipi di fertilizzanti si trova in forma solubile in acqua. Il momento migliore per applicare fertilizzanti alle conifere è l’inizio della primavera (marzo-aprile). Un fertilizzante a lenta cessione applicato per 6-8 mesi all’inizio della primavera fornirà alle conifere tutti i nutrienti di cui hanno bisogno per tutta la stagione. Possiamo anche utilizzare un fertilizzante idrosolubile una o due volte l’anno, a partire dall’inizio della primavera. Si consiglia di non applicare fertilizzanti a lenta cessione durante l’estate, poiché la pianta può crescere rapidamente dalla fine dell’estate all’autunno (da agosto a inizio ottobre). Pertanto, dovrà indurirsi (per creare tessuto vegetale extra) per tollerare il freddo durante l’inverno.

Possiamo anche aumentare i nutrienti del terreno semplicemente aggiungendo letame o compost. Quando si tratta di letame, possiamo mescolare 1 kg (2,2 libbre) intorno a ciascun albero maturo, ma attenzione perché il letame non deve toccare il tronco. D’altra parte, il fertilizzante organico sintetico viene applicato direttamente nel terreno in una quantità di 200 gr (0,44 libbre) per metro quadrato. Se le nostre conifere sono in vaso, possiamo applicare 1-2 manciate di letame per vaso. Tuttavia, questi sono solo schemi comuni che non dovrebbero essere seguiti senza fare le proprie ricerche. Ogni campo è diverso e ha esigenze diverse. Puoi discuterne con un agronomo locale autorizzato.

Potatura delle conifere – Quando e come potare una conifera

Molte delle conifere che scegliamo per il nostro giardino necessitano di potature non solo per motivi estetici (sagomatura) ma anche per il mantenimento della salute dell’albero. Sebbene selezionate come ornamentali, queste specie provengono da foreste con basse temperature e hanno una crescita molto rapida nella maggior parte dei casi. Se lasciamo un albero del genere non potato per lunghi periodi, non sarebbe sorprendente vederlo evolversi in un gigante verde. In molti casi, questi alberi raggiungono o addirittura superano i 30 metri di altezza. Naturalmente, questo richiederà molti anni, ma è consigliabile regolarne lo sviluppo in anticipo. Oltre a regolare la crescita degli alberi, la potatura aiuta a una corretta aerazione e ringiovanimento. I rami malati, sottosviluppati o secchi dovrebbero essere rimossi per promuovere nuova vegetazione. Inoltre, la continua crescita delle conifere non potate fa sì che la chioma formi al centro delle lacune dovute al diradamento della vegetazione. Questo è indesiderabile, soprattutto quando le piante vengono utilizzate come siepi naturali e recinzioni per la privacy.

Possiamo facilmente modellare la maggior parte delle conifere fin dalle prime fasi di sviluppo utilizzando semplici forbici da potatura o decespugliatori elettrici. Tuttavia, nel caso di alberi maturi e di alto fusto, vengono generalmente utilizzate motoseghe telescopiche. Le motoseghe consentono il taglio dei rami alti da terra. Poiché non stiamo parlando di alberi da frutto in cui siamo interessati a mantenere un tasso di allegagione desiderato, la potatura qui è molto più semplice. Fondamentalmente, regoliamo le dimensioni e la forma dell’albero riducendo la lunghezza dei suoi rami.

La stagione di potatura preferita per le conifere va dal tardo autunno all’inizio della primavera. È consigliabile non potare le nostre conifere durante i giorni di temperature estremamente elevate (estate), poiché ciò causerebbe problemi. Potrebbe essere necessario intervenire nuovamente durante l’estate per migliorare la loro forma per prepararli all’inverno.

Per quanto riguarda le modalità e le forme di potatura, queste variano a seconda del tipo di conifera, del motivo della sua installazione e dal parere del proprietario. Ad esempio, per le singole conifere in giardino, una pratica comune è rimuovere i rami a 20-30 cm da terra per “spogliare” il tronco e lasciarlo vuoto vicino al suolo. Questo, tra le altre cose, protegge il fogliame dalle malattie del suolo. I rami vanno sempre tagliati molto vicini al tronco con attenzione per evitare di ferirlo. Inoltre, sarà probabilmente necessario rimuovere alcuni rami più spessi che crescono all’interno della pianta.

Le persone spesso modellano questi alberi in forme artistiche. Tuttavia, ciò richiede molta attenzione poiché esiste il rischio di provocare uno shock alla pianta. Una regola generale è assicurarsi che una grande percentuale di rami verdi rimanga sull’albero dopo la potatura. Non dovremmo potare i giovani germogli dell’albero tagliando oltre 10 cm. Possiamo facilmente identificare i giovani germogli in quanto hanno colori diversi, solitamente più chiari.

È chiaro che non tutte le specie necessitano di potature con la stessa frequenza e intensità. Alcune specie crescono a ritmi molto elevati e richiedono interventi più frequenti, mentre il ritmo di crescita lento di altre specie permette di ritardare la potatura. Goldcrest necessita forse del minor numero di interventi, durante i quali rimuoviamo solo alcuni rami periferici per mantenerne la forma. D’altra parte, possiamo potare vigorosamente Leyland senza causare problemi. Se non viene potato in modo appropriato o per anni, l’Arizona finirà per avere una forma incontrollabile e ingestibile a causa del suo aumento del tasso di crescita.

Quando si potano le conifere, è fondamentale disporre di una protezione personale di base. Al giorno d’oggi possiamo trovare in commercio speciali occhiali di protezione, per proteggere i nostri occhi durante la potatura. Avremo anche bisogno di un paio di guanti adatti che ci proteggano da tagli e ferite alle mani.

Parassiti e Malattie delle conifere

Le conifere sono alberi piuttosto impegnativi e incontrano alcuni problemi con parassiti e malattie, come tutte le altre piante.

I principali nemici delle Conifere sono le varie specie di Coccoidea, tra le quali Pseudococcus è la più importante. Provocano danni significativi alla pianta, mentre allo stesso tempo producono secrezioni simili al miele che promuovono la crescita di funghi, causando gravi ripercussioni alla pianta. In caso di infestazione, i parassiti sono visibili sul fogliame, poiché sono bianchi e assomigliano al cotone. Se l’infestazione è grave, il fogliame della pianta si secca. Le piante sono più sensibili durante i giorni di alte temperature e livelli di umidità. La scarsa aerazione del fogliame peggiora naturalmente la situazione. Leyland, Thuja e Gold Crest sono le più vulnerabili a queste infestazioni. Per prevenire una situazione del genere, assicurati di non irrigare il fogliame delle piante, soprattutto durante l’estate. Inoltre, è consigliabile potare le piante correttamente per una migliore aerazione. Puoi provare a rimuovere manualmente gli insetti quando il problema è ancora limitato. Se il problema va oltre il proprio controllo, sarà necessario consultare un agronomo autorizzato.

Inoltre, queste piante sono suscettibili alle infezioni fungine. L’agente patogeno più comune e importante che infetta le conifere in giardino è la Phytophthora sp. Questo fungo vive nel terreno e infetta l’apparato radicale, provocando gravi danni che, se non trattati nelle sue fasi iniziali, possono portare alla morte della pianta. In caso di infezione fungina, osserveremo del fogliame secco che può essere scambiato come se stesse soffrendo di stress idrico. Il fogliame secco e marrone inizia dalle parti della pianta che si trovano vicino al suolo. Il metodo migliore per gestire la malattia è sempre la prevenzione. Evitiamo piantagioni molto fitte, umidità eccessiva vicino alla radice della pianta, di bagnare il fogliame e controlliamo spesso la presenza di problemi. Leyland è una delle conifere più suscettibili alla Phytophthora. Non appena notiamo cambiamenti nelle nostre conifere o se ci fosse un focolaio della malattia nella zona, sarebbe consigliabile consultare un agronomo autorizzato per discutere azioni, come l’irrorazione con prodotti chimici. Infine, dovremmo rimuovere immediatamente le piante infette dal giardino.

Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue: English Español Français Deutsch Nederlands हिन्दी Türkçe Русский Português

La redazione di Wikifarmer
La redazione di Wikifarmer

Wikifarmer è una collaborazione a livello mondiale con la missione di responsabilizzare ed educare gli agricoltori di tutto il mondo. Crediamo che tutti gli agricoltori del mondo debbano avere l’opportunità di promuovere i propri prodotti, definirne i prezzi in maniera autonoma e competere in modo equo nel mercato locale o globale.